TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La liberazione di quattro israeliani da Gaza: un massacro secondo Hamas

La liberazione di quattro israeliani da Gaza: un massacro secondo Hamas

Il servizio di sicurezza interna dello Shin Bet sapeva da diverse settimane che i quattro erano trattenuti in due località del campo profughi di Nuseirat. La donna, Noa Argamani, è in un posto, e i tre uomini, Andrei Kozlov, Shlomo Ziv e Almog Meir, sono in un altro. Ma l’obiettivo era pesantemente sorvegliato dalle forze palestinesi e l’operazione è stata rinviata più volte.

Fonti militari hanno riferito a DN che circa trenta combattenti delle forze d'élite di Hamas sono stati uccisi durante i combattimenti. Il canale televisivo Al-Aqsa di Hamas, che non menziona mai le perdite militari di Hamas, riferisce che dozzine di palestinesi sono stati uccisi durante l'attacco israeliano, al quale hanno partecipato anche forze aeree e navi militari.

Foto: Tomer Appelbaum

Il leader di Hamas in esilio Ismail Haniyeh Il Qatar ha condannato il “massacro israeliano a Nuseirat” e ha ricordato che la soluzione del problema degli ostaggi sarà possibile solo quando “Israele si impegnerà a porre fine alla guerra”.

L'assalto all'area è stato effettuato da diverse centinaia di soldati delle forze d'élite israeliane, tra cui principalmente l'unità antiterrorismo della polizia di Al-Yamam. I quattro sono stati portati in salvo sotto un forte fuoco. Parti degli scontri sono state riprese dalle telecamere di sicurezza di Hamas e trasmesse dai media palestinesi.

Poco dopo aver superato la visita medica, Jua Argamani, 26 anni, ha parlato al telefono con il primo ministro Benjamin Netanyahu. Ha avuto difficoltà a trovare le parole e si è scusata, dicendo che non parlava ebraico da otto mesi. Argamani è stato portato a Gaza da civili palestinesi il 7 ottobre.

Noah Argamani, 26 anni, ritrova suo padre dopo essere stato tenuto in ostaggio da Hamas per otto mesi.

Foto: Ministero degli Affari Esteri israeliano/UPI/Shutterstock

L'unico partito liberale Il Partito di Unità Nazionale, membro della Coalizione di Crisi Israeliana, intendeva lasciare il governo sabato sera. Il leader del partito Benny Gantz ha rivolto a Netanyahu una serie di richieste per la continuazione della cooperazione governativa, inclusa l'accettazione da parte di Israele di un recente piano per lo scambio di ostaggi con prigionieri palestinesi.

Netanyahu ha respinto le richieste, ma dopo il dramma di sabato, Gantz ha scelto di rinviare la sua uscita dal governo, “per non rovinare la gioia della politica oggi”, ha detto il suo portavoce.

120 israeliani, di cui non si conosce il numero vivo, sono ancora detenuti da Hamas e dalla Jihad islamica a Gaza.

fatti.Ostaggi nella Striscia di Gaza

Il 7 ottobre 251 persone di tutte le età sono state trasferite con la forza da Israele alla Striscia di Gaza.

Hamas aveva precedentemente arrestato due israeliani e i resti di due soldati israeliani.

Lo scambio di 116 rapiti con prigionieri palestinesi ha avuto luogo in Israele nel mese di novembre. Si ritiene che molti di quelli ancora detenuti a Gaza siano morti a causa dell'esposizione, delle malattie o dei bombardamenti aerei israeliani.

Hamas si rifiuta di rivelare il loro numero e chi sono vivi.

READ  La carestia è diffusa nella Somalia meridionale