TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La guerra in Ucraina riaccende il dibattito sul nucleare in Germania

Il ministro delle finanze tedesco Christian Lindner vuole vedere un dibattito aperto sul nucleare. La Russia nell’ultima settimana ha tagliato le forniture di gas alla Germania e il ministro delle finanze avverte che il paese potrebbe soffrire di carenze energetiche nei prossimi anni.

“Questo è il motivo per cui sostengo una discussione aperta e priva di ideologie sul mantenimento della capacità di energia nucleare del nostro paese durante un periodo di transizione”, ha affermato martedì a Berlino.

L’affermazione è più controversa di quanto sembri.

“Il dramma in Giappone è stato un punto di svolta per il mondo e un punto di svolta per me personalmente”, ha detto Angela Merkel il 9 giugno 2011.

Angela Merkel parlando a Berlino, pochi giorni dopo il disastro nucleare di Fukushima.  Appena tre mesi dopo, ha annunciato che il paese avrebbe gradualmente eliminato l'energia nucleare, una decisione che molti tedeschi hanno visto come un tentativo di evitare di perdere elettori a causa dei Verdi.

Angela Merkel parlando a Berlino, pochi giorni dopo il disastro nucleare di Fukushima. Appena tre mesi dopo, ha annunciato che il paese avrebbe gradualmente eliminato l’energia nucleare, una decisione che molti tedeschi hanno visto come un tentativo di evitare di perdere elettori a causa dei Verdi.

Foto: Herbert Knosowski/TT

L’allora cancelliera ha descritto come si è resa conto dopo il disastro nucleare di Fukushima che “nemmeno un paese high-tech come il Giappone” poteva gestire i pericoli dell’energia nucleare e ha annunciato che la Germania avrebbe gradualmente eliminato le sue ultime centrali nucleari nel 2022.

Quindi è tempo quest’anno. Ma la guerra in Ucraina ha spinto il governo tedesco a cambiare il corso della politica energetica. L’obiettivo è liberarsi il più rapidamente possibile della dipendenza dal gas russo, tra l’altro, costruendo terminali in grado di ricevere gas liquefatto dalla Norvegia e dal Qatar. Ma il ministro delle finanze Christian Lindner sottolinea che ci vorrà del tempo.

– Al momento, abbiamo tre centrali nucleari operative, conferma.

Il ministro tedesco del Commercio e dell'Industria Christian Lindner guida il partito più piccolo del governo, il liberale del mercato FDP.

Il ministro tedesco del Commercio e dell’Industria Christian Lindner guida il partito più piccolo del governo, il liberale del mercato FDP.

Foto: John Teese/AFP

Anche Angela Merkel Il suo successore, il leader democristiano Frederick Merz, è favorevole al dibattito sul nucleare. Tuttavia, il suo successore alla carica di cancelliere socialdemocratico non era Olaf Schultz.

– Il consulente ha detto martedì, gli esperti concordano, secondo Programma di notizie di Tageschau.

Olaf Scholz indica uno studio pubblicato lo scorso marzo che mostra che ci vorrebbe almeno un anno per produrre nuovo combustibile nucleare. Inoltre, è difficile sostituire il gas, utilizzato principalmente nel riscaldamento e nell’industria, con l’energia delle centrali nucleari.

Il cancelliere è sostenuto dalla terza parte del governo, il Partito dei Verdi.

Il falso dibattito sul ritorno del nucleare non è ciò di cui abbiamo bisogno in questo momento, afferma la leader del gruppo di partito al Bundestag, Britta Hesselmann, secondo Tageschau.

Leggi tutto: Il cambiamento climatico in Germania accende la resistenza – “Non abbiamo bisogno di Greta”

READ  Nipote seduta di Bowles - DNA confermato