TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La grande decisione di Leo Borg – con Elvira, 21 anni |  Tennis

La grande decisione di Leo Borg – con Elvira, 21 anni | Tennis

Foto: Johan Eriksson

Immagine: privata

Leo Borg si siede sotto l'ombrellone e si toglie i calzini.

Sono sterco acido.

Cambia anche la maglietta. L'unico modo in cui l'acqua potrebbe bagnarsi è se fosse nella vasca da bagno, anche se solo in quel momento.

Il 21enne è nel pieno dell'allenamento e in pochi minuti tutto è di nuovo bagnato.

Questo è ciò che accade quando ti alleni in Florida con una temperatura di 32 gradi e un'umidità che trasforma l'intero stato in un bagno turco.

Ma ci sono ancora passi facili da compiere sui campi in cemento.

È così quando hai appena vinto il quarto titolo della tua carriera, e sei anche con la tua ragazza.

Leo Borg è appena volato dalla Giamaica alla Florida dove ha sconfitto l'americano Corey Craig nella finale del campionato M15.

– È stato un po' difficile all'inizio dell'anno e quest'anno non ho vinto molte partite. Alla fine vinco io, è molto divertente. “Ho lottato duramente per questo”, dice.

Cosa è andato bene questa volta, che era più difficile all'inizio di quest'anno?

– Il gioco in sé non era realmente lì e il corpo non si sentiva al cento per cento. Purtroppo ho avuto un piccolo infortunio alla schiena e ora sta andando tutto bene.

A Kingston il gioco c'era, i movimenti in campo erano corretti, sì, Sensazione era giusto. Mentalmente si era preparato. I problemi alla schiena che a volte lo hanno tormentato durante l'anno erano sotto controllo.

-Ho commesso degli errori stupidi e ho giocato indipendentemente dal fatto che soffrissi o meno. Ha avuto le sue conseguenze. Ma come ho detto, ho lottato duramente e ho fatto molta riabilitazione. Ora il corpo si sente meglio che mai.

Vince Leo Borg: “Morire per il tennis”

Non è davvero possibile esprimere a parole il sentimento di gioia che lo ha travolto quando il pallone è tornato a casa sua in Giamaica.

-L'avvelenamento si diffonde in tutto il corpo! Il tennis è ciò per cui muoio. Questo è ciò per cui sto combattendo. Ottenere risultati da ciò per cui ti sforzi è sorprendente.

Kingston, proprio come adesso in Florida, era umida e calda. Dopo la finale, Borg era così ferito che ha cenato e dormito invece di festeggiare.

READ  Lo spaniel Molly è l'unico cane attivo antidoping al mondo

Ma è stata comunque una grande vittoria.

È l'amica di Leo Borg

E sui social media Leo Borg sembra avere compagnia anche in Giamaica, con la sua amata Elvira Hedlund, 21 anni, di Boras.

Queste sono le prime gare che ha percorso con Leo Borg.

-È un po' diverso dall'essere tornato a casa in Svezia. Tanto esercizio, tanto tennis. E' un po' diverso. Pensa che sia così divertente stare con lei, almeno finora. “Ci stiamo divertendo insieme”, dice Borg, con tutto il viso che si illumina.

– Adesso ha buone statistiche – Quando inizi a partecipare, ottieni immediatamente un titolo. E' davvero bello anche per me. Adesso le sarà permesso di partecipare ad ogni competizione, ahah,

Elvira Hedlund ha lavorato in precedenza per il comune di Borås, ma ora non lavora più.

-Si è dimessa per poter viaggiare con me. È un grande passo… Sì, è davvero un grande passo. Quindi mi aiuta davvero. È il suo lavoro, ahah lo fa molto bene e di questo le sono grato.

https://www.instagram.com/p/C7MTSP6r_Wc/?__d=11&img_index=6

Obiettivo di Leo Borg: qualificarsi agli Australian Open

Leo Borg indossò per il momento una maglietta nuova e asciutta e si sedette a un tavolo sul campo da tennis di Hallandale Beach.

Anche se l'allenamento è finito da un po', gocce di sudore sulla fronte.

Come si presenta la tua immagine degli obiettivi per quest’anno: hai qualcosa che immagini e vuoi raggiungere?

– Il mio obiettivo quest'anno è arrivare alle qualificazioni del Grande Slam. Allora devo risalire un po’ la classifica. Ma credo assolutamente che sia possibile. Quando gioco al meglio e nel mio stile, credo fermamente di avere la possibilità di arrivarci. Per raggiungere le qualificazioni agli Australian Open. Ci vogliono tante belle partite e tanti punti.

Spera anche in nuovi turni di Coppa Davis.

Dopo aver esordito a Bologna lo scorso autunno (“un'ottima esperienza” nonostante le tre sconfitte), Leo Borg non ha giocato nemmeno una partita nella sconfitta contro il Brasile a Helsingborg di febbraio, quando Simon Aspelin aveva assunto la guida della DC.

– Karl Freberg e io avevamo più o meno la stessa valutazione. Sta giocando molto bene ultimamente. Sembra proprio che lo sia. Dipende dagli allenatori che vogliono mandarli.

READ  Pre-stagione: Carolina Hurricanes | NHL.com

Per il tennis svedese in generale, come sapete, le sfide non mancano.

L'anno scorso non si trattava tanto di titoli e partite, quanto della sospensione di Mikael Ymer per violazioni del controllo antidoping e di Dragos Madaras, squalificato per quattro anni in un caso anti-corruzione. Leo Borg faceva parte della stessa squadra di Coppa Davis dei due.

-È così noioso. Mikael era il nostro miglior giocatore del paese e Dragos era in ascesa. Tali situazioni non rendono le cose più facili per il tennis svedese. Quindi ovviamente è molto triste. Abbiamo bisogno di giocatori nel tennis svedese. Purtroppo non abbiamo molto adesso e ultimamente la situazione ha cominciato a peggiorare. Dobbiamo sperare che ci siano nuovi giocatori in futuro e che questo salverà il tennis svedese.

Le parole di McEnroe: “Grande peso”

Probabilmente ci sono uno o due appassionati di sport svedesi che hanno seguito suo padre e ora sperano che sia Leo Borg a salvarlo. Ma non è qualcosa che puoi personalizzare, indipendentemente dal tuo cognome.

John McEnroe ha recentemente affermato che le aspettative che derivano dall'essere figlio di Bjorn Borg possono essere un “peso enorme sulle spalle”, ma sarà anche una “storia infernale” se le cose andranno bene per te. Cosa pensi quando senti queste sue parole?

– È molto divertente, ovviamente. Ci possono essere molte aspettative che farò bene subito e molta pressione. Ma mi piace molto la pressione. Ultimamente lo adoro, perché è lì che gioco al meglio.

Non pensa che “importi” per i potenziali clienti, ma lavora per migliorare la situazione e trarne il massimo.

-Spero di poter essere all'altezza del mio nome e diventare più grande di mio padre, e adottare il mio nome come Leo Borg invece di “Figlio di Bjorn Borg”. Quindi devo sperarlo.

Leo Borg sul libro di Björn Borg: “Non leggere una sola pagina”

A partire da ora, Leo Borg ha ancora una discreta quantità di lavoro da fare per raggiungere il livello e il riconoscimento che derivano da cinque titoli consecutivi di Wimbledon.

Forse proprio per questo motivo Björn Borg è rimasto relativamente fuori dalle luci della ribalta dopo la sua carriera. Persino Ingmar Stenmark, che era l'unica persona in grado di eguagliare il livello di grandezza di Björn Borg, realizza reality TV e ha un account Instagram. Non Borg.

READ  Albin Greuy pronto per Mora a Hockeyallsvenskan

Così, quando alla fine decise di raccontare la storia della sua vita in forma di libro, ci fu un enorme scalpore. Il fatto che a scrivere il libro sia stata sua moglie, la madre di Leo, Patricia Borg, non ha diminuito l'interesse.

Ma Leo Borg prende tutto sul serio. Non ha ancora nemmeno guardato cosa hanno escogitato.

– Molte persone me lo chiedono. Non ho letto una sola pagina ma non vedo l'ora. Forse lo leggerò subito quando uscirà.

Leo Borg si rende conto chiaramente che in una certa misura avrà un posto nel libro, ma non presta attenzione a ciò che è scritto – o non scritto – su di lui nel libro About My Father.

-Non ho idea di cosa ci sia nel libro, subito. Aspetto e poi leggo il libro. “Sarebbe sicuramente fantastico”, dice.

Lavoro con papà: 'Davvero un grosso problema'

Concentrazione e pressione sono una cosa, ma la parentela non è solo un giogo.

Porta anche padre e figlio Borg a diventare una coppia pubblicitaria per Sibilla Street Kitchen.

In uno spot pubblicitario, Leo invia a Björn una dichiarazione sul suo vecchio appuntamento estivo con il Dr. Alban e Thomas Brolin: “tutti noi”. L'offerta è arrivata a Patricia e Björn Borg, e sia il maggiore che il più giovane hanno pensato che sarebbe stata un'idea divertente fare qualcosa del genere insieme.

– Non abbiamo fatto molte di queste cose. È stato molto divertente per me, e ancora di più per mio padre. Anche lui pensa che sia molto divertente fare qualcosa con me. Speranza. No, ma è così divertente fare qualcosa insieme. Lo ricorderai per il resto della tua vita. È davvero un grosso problema fare qualcosa con tuo padre.

Leo e Björn Borg insieme in uno spot pubblicitario.

Per saperne di più: David Lagercrantz è rimasto scioccato dalla decisione riguardo al libro di Björn Borg
Per saperne di più: Leo Borg: “Non tutti osano parlarne”.
Per saperne di più: Björn Borg rivela di aver rubato diversi milioni a TV4