TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La fabbrica che è diventata il movimento popolare

Rapporto I 400 operai licenziati a Firenze hanno potuto formare un ampio movimento di solidarietà e manifestazione con decine di migliaia di partecipanti. Ora sperano di ottenere la propria fattura per fermare i trasferimenti.

Su striscioni, vetrine e pilastri stradali fuori dai ristoranti locali, a Firenze si trova il messaggio “Insorgiamo”. Questo slogan tratto dai partiti che hanno combattuto contro il fascismo italiano ha assunto un nuovo significato.

È iniziato il 9 luglio. Poi è arrivata l’e-mail a 422 dipendenti della fabbrica di automobili GKN di Firenze dicendo che erano stati licenziati. Allo stesso tempo, la fabbrica è stata chiusa, e per rari motivi i dipendenti sono rimasti vacanti perché sono stati licenziati.

Nonostante il silenzio estivo, i dipendenti si sono radunati lo stesso giorno per entrare nei locali della fabbrica, dove all’ingresso erano appostate le guardie giurate. Dopo di che, non hanno mai lasciato la fabbrica.

Gli operai della fabbrica sono costretti a continuare il loro lavoro.

– Quando siamo entrati in fabbrica il 9 luglio, abbiamo esortato gli altri a proteggere la fabbrica dicendo che non si trattava di noi. Tario Salvetti, un rappresentante sindacale eletto degli operai, afferma che è stato il risultato di una serie di attacchi di lunga data ai lavoratori.

Ingresso alla fabbrica

Il loro appello è arrivato in udienza. Durante i mesi di luglio, agosto e settembre sono state organizzate diverse manifestazioni per i lavoratori della GKN a Firenze, nelle quali si sono radunate 20.000 persone. Secondo i ricercatori Ariana Tasinari e Lorenzo Cini I lavoratori sono stati in grado di accendere le fiamme e aprire un orizzonte per future lotte per la classe operaia.

I lavoratori della GKN si descrivono come aventi il ​​sostegno dei cittadini comuni e di molti gruppi di sinistra, accademici e operatori culturali.

– Sono stati in grado di ottenere supporto da molti che vivono finanziariamente vulnerabili. Hanno portato con sé accademici come ingegneri, avvocati ed economisti in un modo unico e hanno sviluppato un piano preciso per una nuova politica industriale. Marta Fana.

Era un economista, specializzato in questioni relative al mercato del lavoro e ha seguito da vicino la lotta dei lavoratori della GKN all’inizio delle lotte.

Il fatto che gli operai siano riusciti a mobilitare un sostegno così schiacciante può essere spiegato dal fatto che Firenze e la Toscana sono state a lungo dominate dalla sinistra e che molti italiani si trovano in una situazione economica precaria con lavori precari e a basso salario. Ma la cosa più importante è l’impegno sindacale a lungo termine degli operai e come lo hanno coltivato, attraverso un’organizzazione tra dipendenti e sindacato – Collettivo di Fabbrica – a cui tutti possono partecipare.

READ  Roadside via Plecking e Alland - 48 consigli lungo la strada

L’organizzazione sindacale centrale Cgil (equivalente alla LO) ha risposto alla chiusura annunciando uno sciopero generale di quattro ore il 19 luglio, che, secondo i lavoratori della GKN, non è stata una risposta adeguata.
– È ovvio che non hai spremuto gli hedge fund durante il giorno dello sciopero. Da allora invochiamo manifestazioni come il Collettivo di fabbrica.

Marta Fana, autrice di due libri sulla questione salariale e mercato del lavoro in Italia e membro del gruppo di ricerca della Commissione Europea a Siviglia, ritiene che i dipendenti GKN si distinguano per le loro conoscenze rispetto ai colleghi. A una forte cultura politica.

– Sanno come funziona la produzione e come migliorarla, non è possibile eliminarli.

Tario Salvetti e Alessandro Lombardini su un bar realizzato da operai in una tenda.

Arianna Tassinari e Loretto Cini scrivono che i lavoratori di GKN hanno costruito per molti anni alleanze strategiche con altri movimenti sociali. Parte del successo è stato che hanno condotto la loro lotta in parallelo attraverso il sindacato, il Colletivo e i gruppi di simpatia affiliati e hanno lavorato duramente per comunicare con il mondo esterno.

Dagens Arena visiterà la fabbrica occupata a metà novembre. L’ingresso è sorvegliato da due persone in tenda. In un’altra, grande tenda, c’è un bar e un televisore con diversi lunghi tavoli. All’interno della fabbrica, si svolge un incontro con 10-15 partecipanti in una stanza e fuori dal bagno notevolmente pulito funziona un addetto alle pulizie.

Francesco Iorio, che ha lavorato per GKN per 23 anni, ha visitato il più grande complesso industriale in cui sono stati prodotti alberi di trasmissione per diversi marchi automobilistici famosi dal 1994.

– Ogni volta che vengo qui e sento che c’è silenzio பிரான் Francesco Iorio riempie le parole con un gesto, dove tira il dito come se si strappasse una guancia.

Ad un certo punto, i nomi del personale del dipartimento sono stati stampati su un bordo blu sul muro. Ci sono dei semplici letti da tenda in un angolo di una stanza e dei sacchi a pelo ammassati al piano di sopra.

Dario Salvetti esce dalla riunione e prendiamo un caffè al bar. Sembra che ci siano almeno 50 persone nel campus. Come si organizzano?

– Continuiamo a lavorare sui tre turni che avevamo prima della chiusura della fabbrica, dice Tario Salvetti.

Il tempo di lavoro è dedicato alla pianificazione di proteste e azioni future e alla risoluzione di problemi tecnici che sono sorti in fabbrica dopo la cessazione della produzione.

Dice che lui e i suoi colleghi si stanno preparando per cattive notizie da quando Melrose ha acquisito la fabbrica del Fondo di Venture Capital nel 2018. Contrariamente alla chiusura, molti media hanno riferito che GKN a Firenze è un’industria redditizia con un reddito in crescita. Ma non è così facile, dice Tario Salvetti. Cita molte sfide per l’industria automobilistica, come lo stabilimento di Firenze, l’approvvigionamento di materie prime, la conversione in auto elettriche e una maggiore efficienza nel settore.

READ  Caffè Allings a Coffee City - Nora Holland

– Ma Melrose ha alleviato i problemi; Forse abbiamo avuto suggerimenti su come risolverli. Potrebbero aver già deciso di chiudere la fabbrica. Abbiamo scioperato diverse volte per firmare un contratto che ci facesse sapere cosa intendevano fare con la fabbrica.

Quando alla fine hanno raggiunto un tale accordo, il tribunale del lavoro ha stabilito a settembre che Melros era colpevole di comportamento antisindacale. Il licenziamento è stato annullato, il che significa che gli operai hanno la paga piena a tempo indeterminato. Questa è stata la prima vittoria netta per il Collettivo de Fabbrica, ma nulla ha cambiato la decisione conclusiva.

– GKN, se vogliono chiudere, chiediamo che siano costretti a vendere la fabbrica dove si trovano tutte le macchine a un altro proprietario, dice Tario Salvetti.

Gli studenti del Liceo Estetico di Firenze hanno organizzato una manifestazione congiunta con i lavoratori della GKN il 20 novembre per protestare contro la mancanza di risorse.

A novembre avrebbero dovuto esserci diverse manifestazioni di interesse a rilevare la fabbrica.

– Un’azienda industriale italiana dice di voler acquistare la fabbrica, ma noi siamo molto scettici perché non sa come far funzionare la fabbrica, ma sulla rivendita delle macchine ad un’altra fabbrica, probabilmente a una fabbrica GKN, dice Tario Salvetti. .

All’inizio di dicembre, GKN ha annunciato di voler riprendere il processo di licenziamento, ma è stato successivamente ritirato.

– Almeno a questo punto personale sembra che abbiamo avuto un parziale successo – dice Tario Salvetti, seppur piccolo.

Allo stesso tempo, è stata presentata in parlamento la proposta dei lavoratori della GKN per una legge anti-ricollocamento e una politica industriale rispettosa del clima. Nella stessa area se ne discute parallelamente alla proposta dello stesso governo, proposta che Tario Salvetti definisce “inutile” perché tanto debole. Il 16 dicembre, i lavoratori della GKN si sono riuniti a Roma per un’altra manifestazione durante uno sciopero generale.

Nonostante ciò, Marta Fana sottolinea che il numero dei manifestanti è in costante calo negli ultimi tempi. Allo stesso tempo, dice, l’esito del caso degli operai di fabbrica non è stato ancora deciso.

– Dipende da quanta influenza hanno sul governo. Non succederà nulla se i problemi sono guidati solo dai lavoratori della GKN, afferma Marta Fana, che si definisce un’attivista con un ruolo di ricerca che vuole mettere insieme questioni come l’outsourcing, l’outsourcing e il salario minimo.

READ  Game bar da aprire nel ristorante italiano, Hannover

Data la situazione politica in Italia, Marta Fana e Tario Salvetti condividono una visione del costante deterioramento dei diritti dei lavoratori negli ultimi 30 anni, dell’indebolimento del diritto del lavoro e della crescente disuguaglianza economica.

– Penso che le persone siano arrabbiate, ma hanno bisogno di un modo per controllare la rabbia. In sua assenza, la rabbia a volte esplode in modo caotico, ad esempio prendendo di mira gli immigrati. Cerchiamo di fare appello a questa rabbia per creare cambiamento, dice Tario Salvetti.

L’autrice del libro è Marta Fana Niente più salari da fame! (Circa. Stipendi da fame abbastanza), afferma che l’Italia si distingue nel mondo occidentale per il peggioramento delle condizioni di lavoro e del reddito.

– L’Italia è l’unico Paese OCSE ad aver subito tagli ai salari reali dagli anni ’90. Abbiamo una tendenza alla povertà e una tendenza al ribasso in termini di posti di lavoro con una buona retribuzione e un buon ambiente di lavoro. Oggi, un lavoratore su tre rischia di finire in povertà, afferma Martha Fana.

I dipendenti del centro commerciale di fronte alla fabbrica mostrano la loro solidarietà.

Solo all’interno dello Stato, negli ultimi decenni sono scomparsi un milione di posti di lavoro e più del doppio rispetto alla media UE, lavori a tempo parziale arbitrari: il 67 per cento. Marta Fana dice che l’Italia è particolarmente vulnerabile perché non c’è mai stato uno stato sociale forte e non c’è un salario minimo.

L’impegno dei lavoratori GKN può essere un modello per migliorare le condizioni di lavoro in altri settori o le condizioni sono troppo diverse?

– Abbiamo altri esempi nel settore della logistica in cui le persone sono state coinvolte in Italia per molti anni. I corrieri ciclistici sono stati coinvolti in molti casi prima del sindacato, quindi movimenti simili esistono nel settore privato, afferma Marta Fana.

Allo stesso tempo, dice, i lavoratori migranti nel comune vicino a Prato, che stanno lottando con cattive condizioni di lavoro nell’industria tessile, non ricevono quasi lo stesso sostegno dei lavoratori GKN.

In futuro, i lavoratori della GKN hanno in programma di festeggiare il Natale nella fabbrica sempre più fredda.

– Chiediamo qualcosa di molto semplice, ha bisogno di un lavoro. Ma oggi sembra essere niente meno che una rivoluzione sociale da realizzare, dice Tario Salvetti.