TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il cileno-svedese festeggia la vittoria di Borek: ‘Il discorso più bello che sento da tanto tempo’

Straniero

Lunedi sera ha tenuto il secondo turno delle elezioni presidenziali in Cile. L’unico candidato di 35 anni del partito Frente Amplio e della coalizione di sinistra Apribo Dinidad, Gabriel Borek, ha vinto in modo convincente oltre il 55 percento dei voti sul sostenitore di estrema destra di Pinochet, Jose Antonio Caste, che ha vinto il primo turno. Così, Borek diventa il più giovane presidente del Cile di sempre.

Il tempo davanti a noi sarà difficile, ha detto durante il suo discorso di vittoria nella capitale, Santiago, ripetendo le tre parole:

– Giustizia, verità e rispetto!

Tra i cileni in Svezia, il sostegno a Borek è stato maggiore: ben il 94% ha votato per il candidato di sinistra. Tuttavia, dato che la maggior parte dei cileni in Svezia è arrivata come rifugiato politico dopo il colpo di stato militare contro Salvador Allende nel 1973, questo non è troppo sorprendente.

Tra loro c’è Maria Elsa Salvo, presidente del Partito socialdemocratico di Bruma Kungsholmen e una delle promotrici dell’assemblea del partito Reformsterna. Dice che la situazione degli esuli cileni era una questione politica in Cile.

I miei genitori sono venuti in Svezia come rifugiati politici negli anni ’70. Si è discusso sull’opportunità di consentire agli esuli cileni di votare alle elezioni, e questo è diventato possibile solo pochi anni fa. Hanno cercato di impedirlo perché sanno che molti cileni stranieri hanno lasciato il voto, dice a Flaman.

Descrive Borek come un socialdemocratico che ama cercare ispirazione nei paesi nordici e crede che il successo dipenda da un tentativo riuscito di mobilitare i giovani elettori che raramente votano e uniscono l’ampia sinistra.

READ  Il biologo svizzero è stato citato dai media cinesi come una truffa

Borek parla molto di pensioni e assistenza sanitaria e considera il modello di lusso scandinavo un modello. Appartiene a un partito di sinistra, il Fronte Amplio, ma si è descritto come un socialdemocratico dell’ampia sinistra, dice e continua:

Ha avuto un’affluenza record, oltre il 55 per cento. In Cile si sta diffondendo il disprezzo per i politici, ma molti giovani si sono mobilitati, e questa è la chiave della vittoria. La lezione è che quando la sinistra approva un candidato, può vincere. Diversi voti sono stati poi espressi contro José Antonio Caste, di estrema destra, ha detto.

Questo è qualcosa da cui la sinistra può imparare anche in altri paesi, secondo Maria Elsa Salvo.

Quello che dovresti portare con te è che hai grandi ambizioni e grandi proposte di riforma su questioni che stanno a cuore alle persone. Borek ha aumentato i limiti pensionistici e la disuguaglianza nel programma estremista estremista, e ci è riuscito. L’audacia nel perseguire la politica di sinistra e le grandi riforme è la chiave. In un clima politico in cui si discute se rivolgersi al centro ha dimostrato che è possibile svoltare a sinistra e raggiungere il successo, dice, ma aggiunge:

– È una lunga strada. Sono un cauto ottimista, è difficile dire quanto velocemente andrai.

Un’altra svedese cilena che ha festeggiato la vittoria di Borek è stata la deputata di sinistra Lorena Delgado Varas. Tuttavia, ha un atteggiamento più titubante nei confronti del nuovo presidente.

– Gabriel Borek rappresenta un movimento di sinistra abbastanza ampio che include partiti e movimenti attivi durante la rivoluzione sociale nel 2019. Ma ero anche molto preoccupato perché faceva parte del processo parlamentare che ha prodotto leggi che hanno ostacolato l’attivismo dei movimenti sociali. Ma nel complesso, sono positivo.

READ  Il georgiano Arkady ha dato la vita per l'Ucraina

Anche Lorena Delgado Varas descrive Buric come un socialdemocratico, nonostante appartenga al movimento studentesco e di protesta di sinistra. Lei crede che questo significhi che non ci si può aspettare da lui una politica eccessivamente conflittuale.

– Direi che è un socialdemocratico. Sfida il sistema economico e sostiene una politica ambientale molto progressista e femminista, ma non troppo radicale. Il suo programma è molto buono, ma quando ha tenuto il suo discorso è stato chiaro che dovrebbe essere fatto con un’ampia cooperazione. E lì penso che potrebbe perderne un po’. Non sfiderà le grandi corporazioni e la struttura militare del Cile. Ma per quanto riguarda il femminismo e le questioni di diritto sociale si può contare sul progresso.

Aggiunge, tuttavia, che molto dipende da quale costituzione raggiunge l’Assemblea costituente e che il popolo voterà l’anno prossimo.

Un altro profilo con credenziali cilene è il drammaturgo America Vera-Zavala, il cui padre cileno è arrivato in Svezia come rifugiato politico attraverso la Romania. Quando Flamman la raggiunse, era a Buenos Aires ed era ancora così ubriaca che non riusciva a pensare ai possibili ostacoli che Boric avrebbe dovuto affrontare.

– Borek fa parte della sinistra giovane e sana di cui il mondo ha disperatamente bisogno, figlio del movimento per la globalizzazione e il migliore dell’America Latina. Ho grandi speranze, molto alte. Non intendo addentrarmi nel discorso del realismo dopo aver ascoltato il discorso della cresima, che è stata la cosa più bella che sentissi da tanto tempo. È magico che abbia vinto. Il sinistro è molto bravo a preoccupare, e per Borek andrà bene. Il gruppo dovrebbe assicurarsi che, non lo stesso, dice a Flaman.

READ  Corona cane e risatina - Ecco il nuovo anno con la parola 2021 - Kulturnytt al P1

Con la vittoria di Borek, il Cile è diventato l’ultimo Paese latinoamericano a svoltare a sinistra, rompendo così la corrente di destra che ha caratterizzato il continente negli ultimi anni. Due settimane fa, ad esempio, l’Honduras ha eletto un presidente di sinistra e questa primavera il Perù ha ottenuto il suo primo presidente di sinistra. Ora ci sono grandi speranze che l’ondata di sinistra continui e raggiunga anche Colombia e Brasile, paesi che terranno le elezioni il prossimo anno. Ma perché ciò accada, la sinistra internazionale ha bisogno del sostegno dei movimenti sociali in questi paesi, afferma Lorena Delgado Varas.

In tutta l’America Latina, la sinistra ha vinto diverse elezioni ora, e speriamo che Colombia e Brasile seguiranno l’esempio l’anno prossimo. Ma la sinistra in America Latina ha bisogno della solidarietà internazionale. Finora è rimasta sola. Posso capire che la sinistra europea non è sempre trasparente o comprende le condizioni in America Latina. Ma noi della sinistra europea dobbiamo prima di tutto sostenere l’America latina.