TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“La cosa più importante ora è evitare i contatti” – Ostrobothnia – svenska.yle.fi

Il fulmine non è ancora apparso nel caso Corona nell’Ostropotnia centrale. Lunedì sono stati segnalati 23 nuovi casi e il tasso di infezione è passato da 130 di ieri a 160 di oggi. Ora si spera che la provincia ottenga più vaccinazioni.

Di solito, il comune di Soite, nell’Ostrobotnia centrale, riceve circa 4.000 dosi di vaccino a settimana. Nella migliore delle ipotesi, puoi ottenere il doppio, ovvero 4.000 dosi in più la prossima settimana.

L’Istituto per la salute e la cura, THL, prenderà una decisione sulla questione venerdì, e la soite Pirjo Dabnell, Chief Medical Officer, spera.

Sappiamo che quando il tasso di infezione è superiore a cento, dovresti essere in grado di ottenere un vaccino aggiuntivo. “Crediamo e abbiamo fiducia nel nostro turno”, afferma Dapnell.

Allo stesso tempo, Dabnell sottolinea che ci vuole naturalmente tempo prima che un aumento della vaccinazione funzioni su una popolazione e che non riduce il requisito di azione immediata per prevenire la diffusione dell’infezione.

È stato confermato che la variante del virus indiano è dietro alcuni casi sulla scena, e quindi c’è motivo di supporre che sia proprio questa variante a causare la diffusione del coronavirus in modo così insolito e rapido nella regione.

L’infezione si diffonde anche con contatti relativamente allentati e si diffonde molto rapidamente e sarà importante per tutte le persone ora evitare il più possibile i contatti sociali, afferma Dapnell.

Annegamento nel lavoro

Dei 23 nuovi casi segnalati lunedì, la stragrande maggioranza dei giovani rimane e finora solo pochi hanno dovuto cercare cure per i loro sintomi da quando l’infezione si è diffusa nel contesto delle celebrazioni del Primo Maggio.

READ  La luce colpisce il feto nel grembo materno

Ma Bergo d’Annell sottolinea che il comune di cura può sentire un carico di lavoro travolgente, nonostante non molti pazienti abbiano bisogno di cure Covid-19.

Con dozzine di nuove persone infette ogni giorno e più di mille persone in quarantena, non c’è mai un momento di calma per il team che lavora per contattare le persone esposte e colpite.

– E non abbiamo solo il monitoraggio di un’infezione. Inoltre, continueranno i test, le cliniche per le infezioni, le vaccinazioni e quindi il normale lavoro di assistenza quotidiana. Ciò rappresenta una grande sfida per un piccolo comune comunale, afferma Dapnell.

Grazie al fatto che i volontari di tutta la zona si sono sentiti e cambiano volentieri gli incarichi di lavoro, sono ancora in grado di svolgere il lavoro.

– Ma lavoriamo così a lungo e così pochi giorni, mi preoccupo di come vengono trattate le persone. L’infezione si sta diffondendo così rapidamente in questo momento che non abbiamo tempo.

Di solito, secondo Daniel, ad esempio, rimarrai in contatto quotidiano con coloro che sono stati esposti o feriti, ma ora non ci riesci. Pertanto esorta le persone esposte a contattarle immediatamente se sviluppano sintomi, ma a non incontrare mai nessuno fuori dalla loro casa.

La cosa più importante in questo momento è evitare il contatto.