TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

La chiave del “rumore” cerebrale per una psicoterapia di successo

In psichiatria, è difficile valutare se un paziente migliorerà con il trattamento. Le fluttuazioni dell’attività cerebrale, da un secondo all’altro, possono prevedere in modo affidabile se i pazienti con ansia sociale miglioreranno con la terapia cognitivo comportamentale (CBT). Lo dimostra uno studio condotto dai ricercatori del Karolinska Institutet e del Max Planck Institute for Human Development in Germania.

Le fluttuazioni dell’attività cerebrale sono state a lungo considerate un segno di “rumore” indesiderato nel cervello. Ma questa asimmetria o varianza, di secondo in secondo, nei segnali cerebrali ha dimostrato di essere un segno di differenze individuali e competenza nella funzione dei neuroni.

I ricercatori desideravano da tempo trovare modi utili per prevedere il successo in psicoterapia, ma si è rivelata una sfida difficile.

Diagnosi affidabile tramite segnali cerebrali

Per poterlo fare, il gruppo di ricerca ha progettato uno studio unico; 45 pazienti con ansia sociale hanno avuto il loro cervello scansionato usando fMRI durante il riposo passivo e quando guardavano i volti di altre persone (un compito rilevante nei pazienti con ansia sociale). L’imaging cerebrale è stato eseguito due volte ogni 11 settimane.

Dopo lo screening, i pazienti hanno ricevuto una terapia cognitivo-comportamentale online per nove settimane. La varianza misurata quando le persone guardavano i volti di altre persone era il predittore più forte e affidabile dell’esito del trattamento, anche se il compito richiedeva meno di tre minuti per essere completato.

La variazione dei segnali cerebrali è spesso vista come rumore che deve essere ridotto al minimo prima di ulteriori analisi. Mostriamo che questa varianza può essere una misura affidabile per prevedere il successo in psicoterapia, specialmente se si analizzano le fluttuazioni cerebrali di secondo in secondo. Dobbiamo riconsiderare i soliti metodi di misurazione nella fMRI per massimizzare l’utilità clinica dell’imaging cerebrale, afferma Christopher Monson, psicologo e ricercatore presso il Dipartimento di neuroscienze cliniche del Karolinska Institutet.

READ  Empagliflozin influenza l'insufficienza cardiaca che è difficile da trattare

È possibile prevedere un trattamento specifico

Nella fase successiva, i ricercatori raccoglieranno più dati e indagheranno se è possibile prevedere a quale trattamento specifico dovrebbe essere sottoposto un paziente, misurando la diversità cerebrale.

Affinché la misurazione sia clinicamente utile, non solo deve sapere quanto bene un paziente migliorerà con un particolare trattamento, ma deve anche prevedere il trattamento più appropriato per il paziente. Dice che definire questo è il nostro obiettivo a lungo termine Douglas Jarrett , cerca leader per Lifespan Neural Dynamics Group vid The UCL Max Planck Center for Computational Psychiatry and Research on Aging Sono Berlino.

Pubblicazione scientifica:

La fluttuazione dei segnali cerebrali istantanei predice in modo affidabile i risultati della psicoterapiae Christopher NT Manson, Leonard Waschke, Amir Hossein Mansouri, Thomas Formark, Hakan Fischer, Douglas de Garrett. Psichiatria Biologica