TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Karen Ericson: Questo è il motivo per cui Joe Biden tace sulla minaccia nucleare

Quelli al potere a Washington hanno reagito rapidamente, ma si sono ammorbiditi quando la fuga di gas nel Mar Baltico è stata rivelata all’inizio di questa settimana. Il segretario di Stato Anthony Blinken e il consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti Jake Sullivan hanno chiamato i loro colleghi danesi. Hanno promesso di sostenere le indagini sulla fuga di gas e di continuare a lavorare per garantire l’approvvigionamento energetico in Europa. Blinken ha affermato che il sabotaggio non è nell’interesse di nessuno. La segretaria stampa della Casa Bianca Karen Jean-Pierre ha rifiutato di speculare sui motivi della fuga di notizie.

simile umiltà Caratterizza la gestione da parte dell’amministrazione Biden della nuova minaccia nucleare di Putin. In un’intervista alla televisione della CBS, Sullivan ha affermato che erano in corso colloqui con Mosca e che gli Stati Uniti avevano chiarito che qualsiasi attacco nucleare avrebbe “gravi conseguenze”. Afferma che avvertimenti chiari e tangibili sono stati dati in conversazioni private e dirette con persone di altissimo livello al Cremlino. Ma non vuole specificare cosa è stato detto.

Il segretario di Stato Anthony Blinken si è espresso così: c’è un piano e avrà conseguenze terribili per la Russia, ma non vuole rivelare alcun dettaglio.

Karen Jean-Pierre è onesta.

La segretaria stampa della Casa Bianca, Karen Jean-Pierre.

Foto: Chris Kleponis/CNP/TT

Il presidente ei suoi collaboratori vogliono evitare ad ogni costo di essere coinvolti in una guerra di parole tra Mosca e Washington.

Ecco Joe Biden Incoerente e coerente.

Da un lato, gli Stati Uniti hanno scelto di essere straordinariamente aperti con l’intelligence prima dell’invasione russa dello scorso inverno. Biden ha anche dettagliato il suo piano di guerra: ha affermato che gli Stati Uniti non potevano intervenire militarmente. Tuttavia, gli Stati Uniti hanno contribuito alle consegne di armi. Biden ha attaccato Putin in tono alto e in termini duri.

D’altra parte, il presidente degli Stati Uniti aveva un chiaro motivo strategico: evitare a tutti i costi una terza guerra mondiale. Biden è nato nel novembre 1942, pochi giorni prima che gli Stati Uniti prendessero la decisione di costruire un laboratorio nucleare segreto nel deserto del New Mexico. Per mezzo secolo ha lottato con la minaccia nucleare nei corridoi del potere. Già nel 1979 visitò l’Unione Sovietica per negoziare restrizioni sulle armi nucleari. In qualità di vicepresidente e candidato alla presidenza, era chiaro che vedeva un obiettivo per l’arsenale nucleare degli Stati Uniti, ed era quello di dissuadere il nemico dall’usare le proprie armi nucleari.

Si potrebbe dire che cambia i mezzi ma mantiene comunque l’obiettivo: con una diplomazia silenziosa, il primo attacco nucleare in 77 anni dovrebbe essere evitato.

O che il personale dell’amministrazione Biden non sia così orientato agli obiettivi come vorrebbe fare impressione.

Secondo il New York Times, Il servizio di intelligence ritiene che il rischio di un attacco nucleare sia basso, ma superiore a quello dell’invasione di febbraio. Fonti dell’amministrazione hanno affermato che era difficile immaginare uno scenario in cui gli Stati Uniti avrebbero risposto con armi nucleari. Tuttavia, sono ancora in corso discussioni su altre opzioni, come lanciare un contrattacco alle basi militari russe con armi convenzionali.

L’analista della sicurezza Joseph Cirincione trae conclusioni simili sul Washington Post. Osserva che la Russia potrebbe scegliere di sganciare una bomba nucleare in un sito abbandonato o di dirigere armi nucleari limitate contro un obiettivo militare, causando di conseguenza alcune centinaia o diverse migliaia di vittime. Vede anche uno scenario in cui la Russia attacca Kiev con terribili conseguenze. Quindi gli Stati Uniti ei loro alleati potrebbero rispondere con attacchi con armi convenzionali. La quarta opzione è la meno probabile, secondo l’esperto: la Russia sgancia una bomba nucleare sul territorio della Nato e gli Stati Uniti rispondono con armi nucleari.

Sono scenari terribili, nota Cirincione, aggiungendo: Se sei preoccupato, lo stai facendo bene.

Il Congresso degli Stati Uniti sta negoziando nuovi pacchetti di aiuti ed emerge un elemento più piccolo: l’Agenzia nucleare degli Stati Uniti (NNSA) riceve 35 milioni di dollari per prepararsi e rispondere a potenziali eventi nucleari e radiologici in Ucraina.

READ  Biden: la Russia ha "armi nucleari, petrolio e nient'altro"