TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Karen Bogs: veloce e sbagliato a caccia di COVID-19

Jose Mir è un consulente pagato per l’industria del tabacco. Il suo coautore Konstantinos Pulas lavora per un’organizzazione che riceve anche denaro dall’industria del tabacco.

Quelle entrate non lo hanno detto a Mir e Pollas quando hanno presentato uno studio all’European Respiratory Journal.

Lo studio, pubblicato nel luglio dello scorso anno, ha affermato che i fumatori attivi hanno un rischio inferiore del 23% di contrarre COVID-19 rispetto ai non fumatori.

proprio adesso La rivista ha ritirato l’intero studio.

Ai ricercatori è stato chiesto fin dall’inizio, cosa di routine nelle pubblicazioni scientifiche, di menzionare i collegamenti che potrebbero influire sulla loro credibilità. Ma così non ha raccontato alla rivista i suoi soldi per il tabacco.

Sembra paradossale Il fumo, noto per danneggiare le vie aeree, protegge da una malattia che si manifesta in gran parte nei polmoni. E l’ironia di solito è una buona notizia. Di conseguenza, lo studio è stato ampiamente citato, sia nei media tradizionali che nei social media.

Assemblare in BMJ Evidence-Based Medicine, Che ha individuato possibili fonti di errore e fortemente sospettato che le sigarette potessero proteggere dal Coronavirus, non è stato per niente facile confermarlo nel news feed.

Retraction Watch è un’organizzazione che tenta di contrastare ricerche errate e segnalare studi ritirati. Si sono incontrati Enorme elenco di studi ritirati che si occupano di Covid-19, Più di cento.

Si potrebbe pensare che la lettura sia divertente e sanguinosa.

Se la domanda non fosse così seria.

Troppi studi incompleti – spesso pubblicati solo inizialmente online nelle cosiddette edizioni prestampate – hanno proliferato e influenzato il dibattito pubblico prima che avessero il tempo di ritirarli.

READ  Krisztian aveva un coagulo di sangue nello stomaco - sospetti effetti collaterali del vaccino

Ad esempio, lo studio Che afferma che la rete di telefonia mobile 5G produce covid-19, perché “le cellule della pelle agiscono come antenne” e catturano virus “, che le onde viaggiano verso altre cellule” e “giocano quindi il ruolo principale nella produzione del virus Corona in campo biologico cellule. “

Alcuni studi hanno fornito soluzioni semplici e facili che sembrano troppo belle per essere vere. E potrebbero non essere neanche giusti, si scopre quando vengono disegnati.

come questo La medicina tradizionale cinese ha la forma di medaglie di giada Proteggerebbe dalla malattia Covid, poiché i campi geomagnetici si indeboliscono.

O che il rimedio a base di erbe funzionerà.

O l’omeopatia, come ha affermato uno studio tedesco.

O le vibrazioni acustiche degli strumenti musicali ayurvedici indiani thali e ganti.

Oppure studi sulla protezione della bocca per il pubblico divenuti per tanti un tema simbolico.

Sopra Un’indagine ottima ma preliminare Che ha messo a confronto diverse regioni degli Stati Uniti e ha svolto un ruolo importante nel dibattito dello scorso autunno, è stato ritirato pochi mesi dopo. È stato riferito che la protezione verbale obbligatoria per il pubblico in generale ha dato un tasso di ospedalizzazione inferiore del 7%, ma i numeri non hanno retto a lungo termine.

Altri studi puntano ad altre direzioni L’ultima compilazione dell’Agenzia europea per il controllo delle malattie infettive (ECDC) La base scientifica per la protezione orale è incerta e l’effetto è minimo o moderato.

Quindi abbiamo studi Il che afferma che il coronavirus può essere diffuso attraverso cibi freschi o congelati. O chi ruota attorno a questo Il virus può diffondersi sugli autobus A cinque metri di distanza, il doppio della distanza indicata da altre ricerche.

READ  La glicemia normale riduce il rischio di cancro nell'obesità e nel diabete di tipo 2.

È troppo presto per dire se la ricerca sull’epidemiologia sia di qualità inferiore rispetto ad altre ricerche. Ma ora possiamo davvero Nota che sta funzionando velocemente. Diversi studi sono pubblicati in forma primaria sulla prestampa. Là sono spesso sorpresi dai dibattiti che diffondono il messaggio.

Ma, come mostra l’esempio delle sigarette e dell’industria del tabacco, è anche importante tenere traccia di quando i materiali sono stati ritirati. E gruppi di lettura, anche se i risultati sono meno sorprendenti e meno promettenti.

Per saperne di più: La crisi non è una scusa per la bassa domanda di ricerca