TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Jonas Jameson: I media sono diventati facili prede nel dibattito sulla NATO

Il caso NATO è stato circondato da un’influenza politica di successo da parte del governo volta alla disinformazione. Poiché i media cadranno facilmente nella trappola più e più volte, gli strateghi S potrebbero non sognare nemmeno nelle loro fantasie più sfrenate. Mi hai affinato così tanto dopo quattro decenni nelle grandi redazioni, ma sono ancora stupito di come l’informazione chiaramente colta l’abbia resa così importante nei titoli e pubblicata direttamente apparentemente senza pensarci.

Ci sono una serie di esempi recenti. Il 22 aprile, Dagens Nyheter ha pubblicato il titolo perfettamente corretto “Nessuna garanzia di sicurezza dagli Stati Uniti prima dell’adesione alla NATO”, scritto dal corrispondente del quotidiano per la politica di difesa e sicurezza Mikael Holmström.

Appena una settimana dopo, Aftonbladet ha respinto lo stesso articolo di DN pubblicato dal giornale, scegliendo di citare: “Il Pentagono nega le informazioni nel DN sulle garanzie di sicurezza degli Stati Uniti”.

Questa è una delle cose insolite Un giornale con tali termini diretti entra in un dibattito aperto con il contenuto di un sito di notizie su un altro sito di notizie. Ora un portavoce del quartier generale della difesa degli Stati Uniti ha affermato che DN aveva torto e ha emesso una “forte smentita”. Per motivi di sicurezza, Aftonbladet ha anche citato una fonte governativa anonima: “Le dichiarazioni secondo cui la Svezia non sarà protetta o supportata durante un possibile processo di richiesta svolgono un ruolo nell’interesse della Russia”.

D’altra parte, l’articolo parlava di “misure di miglioramento della sicurezza” e “promesse di sicurezza”, ovvero la mancanza di garanzie di cui scriveva DN. Se la Svezia avesse ricevuto garanzie americane, questa sarebbe stata una notizia entusiasmante. Ora, piuttosto aiutare le mani del governo sta portando Aftonbladet e altri media in una direzione molto diversa.

READ  Vladislav: "Sembra di essere nel bel mezzo di un film" - Studio One

Chiunque abbia cercato su Google la parola “assicurazione di sicurezza” all’inizio di aprile e maggio ha avuto un successo sul cosiddetto sito Web di Economicspedia: “L’assicurazione di sicurezza è un tipo di contratto assicurativo”. Lo scopo è quello di coprire successivamente il rischio del creditore in caso di mancato rispetto del contratto stipulato. Poi una qualche forma di garanzia finanziaria. Niente militare.

3 maggio ricevuto La parola assicurazione sulla sicurezza ha un nuovo significato secondo un’intervista in SVT con il ministro della Difesa Peter Hultqvist: “Se vogliamo entrare a far parte della NATO, è molto importante che ci sia una sorta di assicurazione da parte dei paesi all’interno della NATO che sono pronti a difendere la Svezia e Finlandia”.

Secondo il testo del portavoce del servizio, il Dipartimento della Difesa è stato “attento a non chiamarla garanzia di sicurezza, ma ha invece parlato di garanzia di sicurezza”. Una persona esperta nelle vicinanze del ministro della Difesa ha parlato con il giornalista della vicenda, e così sono stati fatti gli applausi, tutto è diventato chiaro ed è stato sviluppato il nuovo concetto di sicurezza. Il ministro della Difesa ha poi citato come esempi esercitazioni militari, visite navali e visite politiche a livello ministeriale.

SVT è stato segnalato senza lampeggiare. È difficile andare oltre l’articolo 5 del trattato NATO, ma va ancora a casa e il giorno successivo, il Segretario di Stato Ann Linde ha anche parlato con grande simpatia dell’SVT che “gli Stati Uniti daranno sicurezza alla Svezia”. Il commentatore politico di SVT Mats Knutson ha accusato con entusiasmo il racconto di Peter Holtqvist e ha affermato che potrebbe riguardare, ad esempio, le navi da guerra nel Mar Baltico e le esercitazioni congiunte.

READ  La Russia prende d'assalto l'acciaieria Azovstal a Mariupol

Foto: Magnus Hallgren

Un altro esempio. Nel marzo 2021 ero corrispondente per la politica della difesa per Svenska Dagbladet, un lavoro che ho lasciato dopo pochi mesi, e ho ascoltato un dibattito in Parlamento tra il presidente della commissione per la difesa, il moderato Paul Johnson, e il ministro della Difesa Peter. Hultqvist sul tema “Dialogo con la Gran Bretagna”. Jonson ha chiesto informazioni a Hultqvist su come è andato tutto.

Lo sfondo, a sua volta, è stato l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea poco più di un anno fa e che la clausola di solidarietà di cui all’articolo 42.7 del Trattato UE non copriva più il Regno Unito, che per lo stesso motivo è finito anche accanto alla dichiarazione unilaterale della Svezia di solidarietà per aiutare i membri dell’UE ei paesi nordici. Paesi in caso di crisi o guerra. Insomma, serviva un nuovo accordo e la domanda era allora come sono andate le cose e quali misure ha preso il governo. Peter Hultqvist non era troppo interessato a mettere le carte in tavola: “C’è un dialogo in corso che non voglio aspettarmi”.

Il risultato è stato poco più di un anno dopo una “Dichiarazione di solidarietà politica” in formato A4 di tre pagine firmata ad Harpsund l’11 maggio dal primo ministro Boris Johnson e dal primo ministro Magdalena Anderson e che si conclude con la frase che “il documento è un dichiarazione e non un obbligo giuridicamente vincolante ai sensi del diritto internazionale”.

In pratica ce n’era uno Espressione pubblica della volontà ai sensi dell’articolo 42.7 del trattato sull’Unione europea e dell’ultima clausola di solidarietà svedese unilaterale stampata. Nella conferenza stampa in diretta ad Harpsund, è stato chiaro che Boris Johnson era riluttante ad apportare modifiche sostanziali al contenuto e a rispondere in particolare a ciò che la Gran Bretagna avrebbe contribuito se la Svezia fosse stata attaccata militare alla Russia nel periodo di transizione dall’applicazione alla piena adesione alla NATO. Entra. L’accordo era più una formalità per confermare il rapporto che già esisteva tra gli stati.

La cosa interessante dell’S-spin è in parte come l’accordo è stato amplificato quando è stato lanciato, poi l’impronta che c’è qualcosa di potente a cui fare riferimento nell’app NATO e in parte come è stato presentato ai media una volta firmato le scale di Harpsund davanti a telecamere sparse.

Il giorno prima su Aftonbladet c’era un articolo intitolato “Boris Johnson in Svezia per firmare il patto di difesa”. Una “fonte trasparente” ha spiegato che si trattava di “un’importante indicazione del possibile periodo di certificazione” nell’applicazione NATO. L’articolo ha anche suscitato un grande dramma: “I politici svedesi delle commissioni per la difesa e gli affari esteri hanno ricevuto, durante diverse riunioni dei comitati di sicurezza segreti negli ultimi giorni, informazioni sulla cooperazione bilaterale segreta con un altro paese. Non sono stati ammessi telefoni cellulari alle riunioni e il i politici leggono un annuncio secondo cui la divulgazione delle informazioni comporta responsabilità penale.

Questo è ciò che a volte succede quando Il governo vuole mantenere il segreto sulle sue azioni. Ma in questo caso c’era anche un contesto che si poteva illustrare in poche frasi semplici e illustrative: che si trattava di un accordo standard non vincolante innescato dalla Brexit, di cui si parla da tempo, e a cui si fa riferimento nella sentenza del governo difesa. Un disegno di legge che è stato pubblicamente discusso in Parlamento e non ha nulla a che fare con la guerra in Ucraina o la richiesta della Nato.

Nella versione a rotazione che ha preso piede nei media tramite fonti governative, è diventato qualcosa di completamente diverso. In un articolo successivo, Aftonbladet ha descritto la visita di Boris Johnson come “un chiaro avvertimento per Putin”. Il lato manageriale di Dagens Industri si è mescolato perfettamente, sostenendo che il Primo Ministro ha rilasciato garanzie di difesa britanniche durante il periodo di esecuzione. Per i consumatori di notizie che avevano un’idea di cosa si trattasse, doveva sembrare completamente incomprensibile.

Il giorno prima, Peter Hultqvist è apparso come difensore della NATO e ha dichiarato in un’intervista a Dagens Eko che “l’adesione alla NATO rafforzerà la difesa dei paesi nordici” e fornirà “una profondità strategica completamente diversa”. Durante la notte o giù di lì, il Segretario alla Difesa ha acquisito nuove intuizioni militari: “Stiamo usando i reciproci punti di forza e vantaggi e ci stiamo completando a vicenda e stiamo anche effettuando la pianificazione operativa e quindi l’effetto è che diventiamo più forti insieme. Questo è qualcosa che può succedere se scegliamo di entrare nella NATO”.

Cosa a questo proposito È cambiato dall’istituzione dell’Alleanza per la difesa nel 1949 con Norvegia e Danimarca con i membri originali che non facevano domande. Nella nuova interpretazione di Peter Holtqvist, la NATO è apparsa principalmente come una cooperazione di difesa nordica. Non appena il Comando S ha deciso di percorrere il percorso della NATO attraverso il traguardo, il meccanismo di propaganda è stato lanciato a pieno regime. I media sono diventati facili prede.

Jonas Jomison era precedentemente corrispondente per la politica di difesa e sicurezza per Svenska Doubledet e oggi è uno scrittore freelance.