TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Johan Lagerkvist: la Cina non è paragonabile alla storia degli Stati Uniti

La principale obiezione dello storico Anders Stefanson al mio articolo riguarda il valore esplicativo del termine “nuova guerra fredda”. Secondo lui, c’è solo una Guerra Fredda e ha avuto luogo negli anni ’50 (DN 5/4). Il termine potrebbe non essere “trasferibile” e quindi un’analogia fuorviante con il “conflitto” tra gli Stati Uniti e la Cina oggi.

Molti storici al di fuori degli Stati Uniti insistono ancora nell’usare il termine in senso figurato, e persino i falchi cinesi descrivono la situazione come una nuova guerra fredda. Se l’apparato di propaganda cinese insiste, possiamo convivere con il termine. Ma sono aperto ai suggerimenti di Stefanson per un nome più appropriato perché c’è molta forza nei nomi.

come ho fatto io In “Tiananmen Re: The Hard Truth About the Enlarged Neoliberal World Order” (Peter Lang, 2016), ha spiegato, il mondo dopo il 1989 non può essere semplificato dall’orizzonte degli eventi americani. È stato Ding Xiaoping – sostenuto da investitori occidentali indifferenti alle violazioni dei diritti umani – che ha spinto all’azione il nostro attuale mondo capitalista autoritario. La Cina non è una controparte della storia americana.

La lotta per i valori del primo decennio del ventunesimo secolo è molto più difficile del conflitto degli anni Cinquanta per le poche democrazie liberali (Vedi DN 23 marzo sull’autoritarismo nel mondo). Non sto solo suggerendo che c’è bisogno di qualcosa di diverso da “la Cina dovrebbe chiudere la Cina”, ma sono molto chiaro sulle nuove condizioni che prevalgono in questo conflitto: significa cooperazione che è inevitabile data l’interdipendenza dei paesi. Il problema fondamentale che richiede una discussione significativa su come le democrazie liberali, le democrazie illiberali e le dittature risolvono insieme le questioni cruciali dell’umanità in un paese segnato da un crescente sospetto.

READ  Chiuso dopo la nuova ondata corona

Stefanson suggerisce che io attribuisca le difficoltà alla “personalità dell’altra parte” e che la soluzione sia che la Cina aderisca agli “standard democratici occidentali”. La propaganda di stato cinese è efficace in Occidente. Quindi gli studiosi cinesi devono imprecare per ripetere che uno stato monopartitico non è la stessa cosa dei propri cittadini.

Non credo che Stefanson intenda ritrarre tutti i cittadini cinesi in un’immagine collettiva di mentalità autoritaria. Certo, se il Partito Comunista si contrastasse, il Paese non diventerebbe meno cinese. Le culture sono procedurali piuttosto che statiche, come dimostra l’isola democratica di Taiwan, secondo la teoria postcoloniale. La natura mutevole del sistema cinese e il suo nuovo comportamento sono diventati un dilemma globale.

Un altro strano Il suggerimento si applica alle “democrazie lagerkviste” e al “cosiddetto mondo libero”. Bisogna fare attenzione a relativizzare le minacce alle democrazie da forze autoritarie e populiste, esterne e interne. Ciò non significa che le democrazie liberali siano perfette. I doppi standard sono profondi nelle loro pratiche politiche. È ipocrisia per gli Stati Uniti proteggere la dittatura dell’Arabia Saudita nonostante le sue violazioni dei diritti umani? Assolutamente. È ipocrita che i politici occidentali ora dicano che siamo stati ingenui riguardo alla Cina? Senza dubbio.

Come ha dimostrato l’artista cinese Ai Weiwei, il mondo occidentale si rifiuta di “riconoscere la sua complicità nella creazione di questo regime brutale”. Nonostante le carenze delle democrazie, le persone di coscienza democratica in tutto il mondo devono collaborare per proteggere i diritti umani universali. Questo perché la Cina li sta rendendo relativi, proteggendo la giunta birmana alle Nazioni Unite, attaccando ricercatori indipendenti nell’Unione Europea e negli Stati Uniti, schiacciando il movimento democratico a Hong Kong e tenendo minoranze nel sistema dei campi dello Xinjiang.

READ  Il telefono di Macron potrebbe essere stato hackerato da un software israeliano

Leggi di più:

Benvenuti nella nuova guerra fredda con la Cina