TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Johan Elias sulle critiche - e il confronto con Trump

Johan Elias sulle critiche – e il confronto con Trump

Johan Eliasc chiama da un numero inglese.

È cresciuto a Djursholm ma ha vissuto a Londra per 30 anni. È stata anche la Federazione britannica a nominare il miliardario quando l’anno scorso la Federazione internazionale di sci Fis avrebbe dovuto eleggere un nuovo presidente.

Dopo aver coinvolto nella sua campagna un certo numero di personaggi famosi in tutto il mondo, tra cui Boris Johnson, Lindsey Vonn e Bjorn Borg, il 60enne ha ottenuto una vittoria schiacciante. Dei quattro candidati che si sono presentati, Elias ha ricevuto il 54 per cento dei voti e quindi la sua maggioranza.

Un anno dopo, ha attirato critiche dal nuovo presidente di Fi.

Questo è ciò di cui parleremo.

La leadership di Eliash è accusata di essere autoritaria e dall’alto verso il basso. Karen Matson, presidente dell’Associazione svedese di sci, è una di quelle che sono d’accordo con le critiche.

Stenmark, Eliasch, von.

immagine: Agenzia di stampa Pontus Lundal / TT / TT

Quando chiedo della dichiarazione di Matson, Johan Elias ride per primo.

– Non lo capisco affatto. Poi forse rivedrai un po’ come funziona l’organizzazione Fis e come viene creata. Ed è così che abbiamo un consiglio di 20 persone, troppe persone, dice.

– Tutto passa attraverso il consiglio di amministrazione e anche la Svezia ha due membri se mi includi. Ma Mats Orges, di cui era rappresentante, è membro del consiglio di amministrazione della Fis e anche membro del comitato esecutivo. Quindi Mats ha una visione adeguata, quindi potrebbe essere una buona idea chiamare Mats e chiedere a Mats cosa sta succedendo. Oppure può chiedermi se c’è qualcosa di cui hai bisogno. Quindi non lo capisco davvero.

Possesso decisivo tramite Viaplay: vuole più controllo

Wiegard Olvang, ex capo della FIS, ha dichiarato: Che da quando sei entrato in carica non c’è più accesso al verbale della riunione…

Prima che io abbia il tempo di fare delle pause con le domande Elia in esso.

READ  Meteo Italia - Questo è il pranzo artico ufficiale che arriva a fine mese...

– No, ma non è vero, non è nemmeno vero. I verbali di quelle riunioni del consiglio vengono inviati ogni anno, e lo abbiamo fatto, quindi eccolo qui. Basta andare sul sito di Fi e troverai tutti i minuti.

Come affronti le critiche?

Ovviamente dovresti sempre guardare alle critiche e assicurarti che se le cose non sono fatte bene, migliorino. Ma in questo caso, quando si tratta di alti dirigenti e così via, penso che la critica sia ingiustificata. Quando si tratta di protocolli, è disponibile sul sito Web e lì abbiamo seguito la pratica quando si tratta di pubblicare per molti anni, la stessa procedura.

C’è qualcosa di cui ti critichi?

– Che non abbiamo apportato queste modifiche che apporteremo, come vorrebbe la stragrande maggioranza degli Stati membri, più rapidamente. Questa è forse l’unica critica.

Come?

Ad esempio, vogliamo avere un maggiore controllo sui nostri diritti televisivi e sui diritti dei media. C’è un problema che abbiamo in alcuni paesi e la Scandinavia ne è un esempio in cui il pubblico è diminuito del 40%. Perché la Scandinavia ha venduto i diritti a Infront, che ha venduto i diritti a Viaplay, una piattaforma web.

È molto importante avere il giusto equilibrio tra denaro e numero di spettatori. Perché quando misuriamo il successo, non si tratta solo di soldi, ma anche di come possiamo sviluppare lo sport. Questo è un grosso problema. Ad esempio, nel caso della Scandinavia, Fis cede i diritti alla Scandinavia e vende i diritti per una decina di milioni di euro a Infront e Infront cede i diritti a Viaplay per 21,5 milioni.

Rispetto a Trump: ‘Totalmente sbagliato’

La tua leadership è descritta come autoritaria e in un articolo più lungo in il tempo Il suo nome è Donald Trump Skates. Cosa ne pensi?

– Voglio dire, ci sono alcuni paesi a cui non piace questo concetto di centralizzazione dei diritti. illusione…

READ  Rivela: Nelson sta andando in un grande club

Eliasch ride per un po’ prima di continuare.

– Ovviamente hanno la loro opinione, ma alla fine: dire che sono una specie di dittatore è completamente sbagliato. Senza questo, è un’organizzazione molto democraticamente controllata, con un processo molto democratico. Sulla questione della centralizzazione, abbiamo attualmente un processo di consultazione con tutti i paesi interessati da ciò. prima di prendere una decisione su come farlo.

Arnold Schwarzenegger e Johan Eliasch.

immagine: EIBNER / EXPA / FEICHTER / imago sportfotodienst

Come ti definiresti un leader?

Sempre democratico e collaborativo, trovando soluzioni valide e complete, consentendo a tutti di partecipare.

Personalmente, come ti senti rispetto, diciamo, a Donald Trump?

– Sto solo dicendo che non c’è alcuna base per questo confronto. Se c’è qualche esempio del perché questo accade, sarei felice di rispondere, ma non ho sentito nulla. Sono solo affermazioni sciolte che non hanno sostanza.

I sindacati pesanti si rivolgono allo svedese

All’inizio di questa estate, l’uomo d’affari è stato rieletto, questa volta per un mandato di quattro anni, in circostanze tempestose. Johan Elias è stato l’unico candidato e ha ottenuto 70 voti favorevoli e ha espresso 47 voti. Quattro paesi, vale a dire Germania, Austria, Svizzera e Croazia, hanno segnalato il processo di voto alla Corte Arbitrale dello Sport (CAS).

“La procedura dietro l’elezione era uno scherzo”, ha detto Diego Zuger, vicepresidente della Confederazione Svizzera.

Yash durante la registrazione:

– È lo stesso sindacato che lotta al centro. Quindi non è molto strano.

Cosa pensi arriverà Cass?

– Gli avvocati della FIS affermano che questa censura è infondata e infondata.

Tuttavia, molte persone si sono astenute dal voto.

– No non molto. Non c’era molto, era il 20 per cento.

Non pensi che ci sia molto?

– Molti… Ho vinto le elezioni un anno fa con il 55 per cento. Quindi il mio livello di accettazione è aumentato quest’anno.

Lindsay Vonn e Johan Eliasch.

immagine: Christian Walgram / Baldberon

Pertanto, VES non ha condannato la guerra

Durante il suo primo anno da presidente, Fez ha anche ricevuto aspre critiche per aver scelto prima di non bandire la Russia dopo l’invasione dell’Ucraina.

READ  La speranza della Finlandia continua, nonostante la perdita: "Orgoglioso"

Dagens Nyheters L’editorialista sportivo Johan Eske ha definito Johan Eliasch “il leader più pericoloso nello sport”.

Quando in seguito Fis ha sollevato la questione e ha deciso che i pattinatori provenienti da Russia e Bielorussia non potevano competere, è stato detto che Garantire la sicurezza di tutti gli atleti.

Allo stesso tempo, abbiamo visto molte altre grandi federazioni sportive uscire allo scoperto e condannare la guerra. Perché non hai scelto una ricevuta che condannava la guerra?

– Perché siamo un’organizzazione apolitica e democratica e finora seguiamo alla lettera le raccomandazioni del Comitato Olimpico Internazionale. Quindi abbiamo seguito i loro consigli, dice Elias.

Pensi di aver agito in tempo su questo problema?

Se Donald Trump fosse stato presidente, un giorno sarebbe andato più veloce. Ma voglio solo assicurarmi che questo fosse democraticamente radicato. Quindi abbiamo immediatamente convocato la riunione del consiglio e ci sono volute 24 ore e non ha interessato nessun atleta. Quindi è stato un processo appropriato per raggiungere questa decisione.

Se deciderai, i piloti russi potranno competere la prossima stagione come appare la situazione mondiale?

– Dal momento che come politica abbiamo detto che stiamo seguendo il CIO in questo momento, sarebbe un errore per me commentarlo.

Cosa è importante per te quando la Fis progredisce?

– C’è così tanto da fare. È importante prendere molte iniziative in modo da diventare un’organizzazione moderna in modo da poter sviluppare meglio lo sport, più premi in denaro per gli atleti e problemi di sicurezza in termini di infortuni.

Continua:

– Come possiamo sviluppare gli sport in paesi in cui lo sport è sottosviluppato come la Cina. Fai crescere lo sport, assicurati che ci sia più consapevolezza ambientale e diventiamo più sostenibili. Siamo la prima organizzazione sportiva ad essere positiva per il clima già nel 2022. Voglio dire, c’è molto da fare.

TV: William Boruma è sorpreso in una trasmissione in diretta