TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Italia: l’ondata di caldo nell’Europa meridionale aggrava la grave siccità

Fin dai tempi dell’Impero Romano, il fiume Po, il fiume più lungo d’Italia, è stato vitale per i contadini.

Questo possente fiume di solito scorre dalle Alpi a nord-ovest e sfocia nel Mare Adriatico, poche miglia a sud di Venezia. Lungo il Poe si producono innumerevoli specialità italiane, come l’aceto balsamico di Modena, il vino piemontese, il parmigiano e il parmigiano.

Ma due mesi fa, i livelli dell’acqua a Bo erano molto bassi.

Il livello dell'acqua a Pofloden è di diversi metri al di sotto del normale.

Il livello dell’acqua a Pofloden è di diversi metri al di sotto del normale.

Foto: Elaine Oberberg

Inverno molto povero con neve Nelle Alpi, la mancanza di piogge primaverili e l’inizio di estati insolitamente calde hanno portato alla peggiore siccità della regione in almeno 70 anni.

Il governo italiano ha imposto lo stato di emergenza in cinque regioni: Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia e Veneto. Quando si attraversa la Val Pos, è facile capire il perché.

Il letto del fiume in alcuni punti è completamente esposto e si presenta come un’enorme spiaggia sabbiosa accanto al resto del fiume.

È secco e fragile Nei vecchi canali di irrigazione che corrono tra i campi. In uno di questi canali sorge il contadino Emiliano Artossi, affacciato sui suoi campi.

– Non c’è niente che possa fare. Non c’è acqua, dice malinconicamente.

I canali di irrigazione sono asciutti e incontaminati e nei campi Emiliano Artusi deve vigilare quando le sue piante di riso muoiono.

I canali di irrigazione sono asciutti e incontaminati e nei campi Emiliano Artusi deve vigilare quando le sue piante di riso muoiono.

Foto: Elaine Oberberg

fino a 40 gradi nell’ombra. Le risaie davanti a lui stanno per ingiallire. Di solito è coperto con pochi decimetri d’acqua. Ma ora le lacrime scendono come palme sul suolo duro e asciutto.

Artusi si siede per terra e tocca alcune foglie appassite.

Questa pianta non si riprenderà mai. Non importa se inizia a piovere adesso, dice.

Qualcosa come quest’anno, nessuno di noi l’ha vissuto. Né io, né mia sorella, né mio padre, né mio nonno

La metà del raccolto è andata persa. Non c’è pioggia in vista. Le previsioni meteo promettono almeno altri dieci giorni di sole cocente e 38-39 gradi all’ombra. Se questo continua per tutta l’estate, la qualità del poco che viene raccolto potrebbe risentirne.

– Molti dei miei vicini hanno perso di più. La mia famiglia è proprietaria della fattoria dalla seconda guerra mondiale. Qualcosa come quest’anno, nessuno di noi l’ha vissuto. Né io, né mia sorella, né mio padre, né mio nonno, dice Artusi.

– Ti preoccupi. È una tempesta perfetta: guerra, inflazione, poi siccità.

L’Italia rappresenta quasi la metà della produzione totale di riso dell’UE. Ma i raccolti persi ora rischiano di far salire i prezzi del riso nei negozi di alimentari dell’Unione.

Emiliano Artossi ha detto:

“Il terreno è duro come il cemento e le piante muoiono”, dice Emiliano Artossi.

Foto: Elaine Oberberg

Tra il 20 e il 50 per cento del raccolto di grano italiano potrebbe anche andare perso, in un momento in cui vi è una grave carenza di grano a livello mondiale, a causa della guerra in Ucraina.

In totale, un terzo della produzione agricola italiana è minacciata.

Centinaia di comuni lungo il fiume hanno imposto il divieto di lavare le auto, irrigare i parchi e riempire gli stagni. Per le violazioni vengono comminate multe di 3.000 euro, equivalenti a 30.000 corone.

– Vedo sui social che alcuni cittadini parlano male di noi contadini e ci accusano di prendergli l’acqua. Artusi dice che mi fa male.

Quando irrighiamo i nostri campi, l’acqua viene filtrata e finisce nuovamente nelle falde acquifere. Dice che siamo solo parte di un ciclo.

Ma anche se l’irrigazione è regolamentata Duro da parte delle autorità, c’è chiaramente un tiro alla fune sulle gocce. Tra città e campagna, tra diversi agricoltori, e tra agricoltori e industrie. Diverse multinazionali, come il colosso della pasta Barilla, hanno stabilimenti nella zona. A pochi chilometri dall’Azienda Agricola Emiliano Artusi si trova una raffineria di petrolio che necessita anche di acqua per il raffreddamento.

– Non è facile essere d’accordo. Ma una cosa è certa: qualcosa deve cambiare. Non possiamo andare avanti così, dice Artusi.

La famiglia Artusi possiede la propria azienda agricola da tre generazioni ed Emiliano Artusi ha scelto di investire nell'agricoltura biologica.

La famiglia Artusi possiede la propria azienda agricola da tre generazioni ed Emiliano Artusi ha scelto di investire nell’agricoltura biologica.

Foto: Elaine Oberberg

Gli scienziati del clima in Italia sono d’accordo Quel riscaldamento globale è lo sfondo della siccità.

– Dagli studi condotti, sappiamo che esistono diverse tendenze a lungo termine tipiche del riscaldamento globale in questa regione: inverni più miti e meno neve sulle Alpi, precipitazioni più basse in primavera, estati sempre più lunghe con temperature più elevate, dice Massimiliano Pascoe, uno dei massimi esperti di cambiamenti climatici presso il Consiglio nazionale delle ricerche italiano, ha affermato che questo era già iniziato a maggio e sarebbe continuato fino a settembre.

La particolarità di quest’anno è che le tre tendenze stanno avendo un enorme impatto. Ha avuto un enorme impatto sul flusso del fiume Po – e ora anche sulla società nel suo insieme.

Il governo italiano ha finora stanziato 36,5 milioni di euro, pari a 365 milioni di corone svedesi, per misure di emergenza a sostegno della popolazione e dell’agricoltura. Ma forse servirà di più. C’è una proposta per costruire più serbatoi d’acqua in grado di catturare e salvare l’acqua dalle piogge torrenziali che di solito arrivano durante le stagioni autunnali e invernali.

– Può essere parte dell’adattamento e di una purificazione più efficiente delle acque reflue. Massimiliano Pasqui dice che il consumo di acqua qui è aumentato negli ultimi anni e penso che dobbiamo anche sensibilizzare sul fatto che l’acqua è una risorsa limitata.

Le precipitazioni nella Pianura Padana sono diminuite rispetto alla media degli ultimi 30 anni.

Le precipitazioni nella Pianura Padana sono diminuite rispetto alla media degli ultimi 30 anni.

Foto: Elaine Oberberg

Potrebbe essere necessario Per cambiare i raccolti, pensò.

Sappiamo, ad esempio, che il mais ha bisogno di molta acqua. E quando si tratta di grano, potrebbe essere necessario passare a un tipo che possa tollerare meglio la siccità, afferma Pascoe.

A rischio anche le piantagioni di riso, secondo un nuovo studio del ministero dell’Agricoltura italiano.

L’agricoltore Emiliano Artossi afferma che molti dei suoi colleghi sono sull’orlo del fallimento.

Conosco molte persone che soffrono di depressione. Ma qui alla fattoria non abbiamo grossi prestiti. Coltiviamo in modo biologico da molti anni e ruotiamo diverse colture nei campi. Dice che ora ci sta aiutando.

Oltre al riso, la famiglia Artusi possiede due diverse tipologie di mais, grano saraceno e girasole su 60 ettari di terreno.

– Il girasole è il migliore adesso. Non hanno bisogno di molta acqua.

Per ripristinare il terreno, la famiglia Artusi coltiva anche mais, girasole, grano saraceno e altre colture.

Per ripristinare il terreno, la famiglia Artusi coltiva anche mais, girasole, grano saraceno e altre colture.

Foto: Elaine Oberberg

Come ti senti quando vedi la perdita di gran parte del raccolto?

– cattivo. So che il clima sta cambiando. Ma non ci arrendiamo. Potrebbe essere possibile trovare nuove soluzioni. Penso che dobbiamo imparare da paesi come Israele e i Paesi Bassi. Hanno fatto molta strada con nuovi e avanzati sistemi di irrigazione, dice Artusi mentre torniamo alla fattoria.

Lo studio del Dipartimento dell’Agricoltura sottolinea l’agricoltura biologica come una potenziale strategia futura. È preferibilmente combinato con varietà di riso che possono sopravvivere con meno acqua.

Emiliano Artossi non ha intenzione di mollare. Ma la sfida per lui e per migliaia di altri agricoltori italiani è a dir poco grande.

– L’acqua è vita. Senza di essa, nulla può crescere, dice a bassa voce quando ci separiamo.

READ  Crescono le preoccupazioni per lo scioperante della fame