TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Informazioni rassicuranti su vaccinazioni e disturbi mestruali

Dopo che le donne hanno ricevuto vari tipi di sospetti disturbi mestruali in relazione alla vaccinazione contro il covid-19, l’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha iniziato a rivedere le informazioni in suo possesso.

A giugno, l’EMA ha dichiarato che non era possibile stabilire un collegamento tra i periodi mancati e il vaccino covid mRNA. Non hanno visto alcun legame tra la vaccinazione e forti emorragie, sebbene abbiano continuato a perseguire il problema.

Dati dall’app

Ma ad agosto è stato pubblicato studia È stato fatto anche per conto del National Institutes of Health del governo degli Stati Uniti con dati basati su un’app per la fertilità in cui le donne stesse hanno documentato informazioni sul loro ciclo mestruale. Nella loro conclusione, i ricercatori hanno evidenziato un’associazione tra la vaccinazione contro il coronavirus e un ciclo mestruale un po’ più lungo.

Si tratta del fatto che la prossima mestruazione dopo la vaccinazione viene posticipata in media di poco meno di un giorno. Il cambio si interrompe dopo uno o due mesi.

– Non dovresti assolutamente sottovalutare nulla, ma poiché i disturbi mestruali sono così comuni, è difficile studiarli. Ci sono molti fattori che lo influenzano. Potrebbe essere stress, mancanza di sonno, allenamento fisico faticoso o infezione, afferma Ebba Hallberg, presso l’Unità per la sicurezza dei farmaci dell’Agenzia svedese per i medicinali.

Poiché il vaccino innesca una risposta immunitaria simile a un’infezione, può innescare una reazione allo stress nel corpo che a sua volta può influenzare il ciclo mestruale.

— ma poiché anche il cambiamento visto in quel particolare studio è stato rapidamente invertito, non si può dire che abbia alcun significato clinico, afferma Ebba Hallberg.

READ  Le sostanze chimiche PFAS producono fegato grasso e colpiscono le donne più degli uomini.

segui la domanda

Molte donne hanno sempre lunghezze diverse dei loro cicli e la differenza di giorni brevi osservata nello studio statunitense non è nulla di cui preoccuparsi, secondo Ebba Hallberg.

In Svezia finora sono state somministrate circa 25 milioni di dosi del vaccino Covid. Ad oggi, ci sono state circa 8.000 segnalazioni di sospetti effetti collaterali associati a disturbi mestruali. La maggior parte di essi riguarda lievi effetti collaterali come più o meno sanguinamento e più o meno giorni nel ciclo.

– Naturalmente, stiamo seguendo questo su base continuativa e, se riceviamo un’indicazione che ce ne saranno di più, lo esamineremo più da vicino. Ma in quel contesto, devi ricordare da cosa proteggono i vaccini, che sono malattie gravi e morte per COVID-19, afferma Ebba Hallberg.

In alto secondo i resoconti dei media

Ebba Hallberg osserva inoltre che l’autorità vede sempre un picco nel numero di segnalazioni di sospetti effetti collaterali quando i media si concentrano su una questione particolare. Lo stesso vale per i disturbi mestruali.

– Quindi è molto difficile determinare se sta aumentando o diminuendo. Aumenta quasi sempre quando i media ne parlano, o se è un focus nel mondo esterno, ha detto.

Secondo Mikael Algovik, presidente della Società svedese di ostetricia e ginecologia, non vi è alcuna preoccupazione diffusa tra i ginecologi.

Mi rendo conto che c’è una discussione crescente su questo sui social media, ma non ho avuto una quantità maggiore di domande o preoccupazioni al riguardo. Non posso rispondere per l’intero paese, ma non l’ho sentito nemmeno dai colleghi con cui ho parlato, dice.

Lo studio, pubblicato sul British Medical Journal ad agosto, includeva i dati di 14.936 persone che erano state vaccinate contro il COVID-19. Questi sono stati confrontati con 4.686 non vaccinati. I vaccinati hanno ricevuto diverse forme di vaccino, incluso il vaccino mRNA.

READ  Empagliflozin è approvato dall'Unione Europea per il trattamento dell'insufficienza cardiaca

I dati analizzati sono stati presi dall’app di fertilità Natural Cycles dopo il consenso degli utenti.

I ricercatori hanno confrontato la durata media dei cicli mestruali tre mesi prima della vaccinazione con quelli dopo la vaccinazione. Dopo una singola dose, le donne vaccinate hanno avuto una media di 0,7 giorni in più nel loro ciclo mestruale rispetto alle non vaccinate. Dopo la seconda dose, la differenza di durata del ciclo è stata di 0,5 giorni tra i gruppi.

La differenza più grande si applica alle donne che hanno assunto le due dosi nello stesso ciclo mestruale.

Dopo un altro ciclo l’altezza è tornata a quella precedente la vaccinazione e non c’era più differenza tra i gruppi.