TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

In Europa crescono le proteste contro le restrizioni al coronavirus

Scene drammatiche si sono verificate in Europa durante il fine settimana. In molti paesi, le persone si sono radunate nelle strade per protestare contro restrizioni più severe e per chiedere permessi di viaggio.

“Il mio corpo è la mia scelta”, sono stati gli slogan mentre i manifestanti hanno marciato dalla Gare de Nord nel nord di Bruxelles, in Belgio, domenica. La polizia locale stima che alle proteste abbiano preso parte circa 35.000 persone, che hanno portato a violenti scontri con le forze dell’ordine.

foto 1 da 3
Circa 4.000 persone hanno preso parte alle manifestazioni nella capitale italiana, Roma, il 20 novembre.

Foto: Elisa Jetry/Siba

foto 2 da 3
Parigi, Francia, 21 novembre.

Foto: Nicola Landmard/TT

foto 3 da 3
Manifestazioni a Bruxelles, 21 novembre.

Foto: Thierry Mons/Polaris


In Austria La proposta del governo in merito all’obbligo di un vaccino ha suscitato insoddisfazione tra la popolazione. Questa, e le restrizioni più severe, questo fine settimana hanno portato a proteste diffuse nella capitale, Vienna.

Allo stesso tempo, molte persone sono rimaste ferite quando le manifestazioni si sono placate a Rotterdam, nei Paesi Bassi, il cui governo la scorsa settimana ha imposto nuove restrizioni. La polizia ha arrestato un centinaio di persone e ha anche sparato sulla folla. La polizia ha poi descritto la situazione come “in pericolo di vita”. Il sindaco di Rotterdam Ahmed Aboutaleb ha condannato le violenze e quando il primo ministro olandese Mark Rutte ha incontrato i media locali, ha definito i manifestanti “idioti” perché, secondo quanto riferito, erano ricorsi alla violenza. BBC.

Anche le proteste in Svizzera, Croazia, Irlanda del Nord e Italia hanno portato a rivolte e scene caotiche.

READ  La Danimarca sta per introdurre il passaporto Corona

Etnologo e ricercatore sui media Mia Marie Hammerlin dell’Università di Lund non è rimasta sorpresa dalla reazione in tutta Europa.

In genere siamo abituati a poter controllare la nostra quotidianità secondo gusto e simpatia. A questo proposito, non è inaspettato che le persone reagiscano in modo aggressivo alle restrizioni che interferiscono con la loro vita quotidiana. Immagino che ci sia una sorta di limite alla quantità di persone che possono gestire.

Gli scettici sui vaccini che incontri sono spesso organizzati in modo approssimativo. Nei forum online, come i gruppi di Facebook, trova altri che pensano allo stesso modo e ragionano in modo simile.

– Da lì progrediscono e si conoscono nella realtà e rafforzano le loro convinzioni. Molti sono a favore di “questo è il mio corpo” e che “nessuno dovrebbe dirmi cosa fare con il mio corpo”. Le misure di stress sono interpretate come coercizione indiretta.

Bruxelles, Liegi, 21 novembre.

Bruxelles, Liegi, 21 novembre.

Foto: Thierry Mons/Polaris.

Anche in Svezia stanno aspettando Nuovo serraggio. Con la proposta che entrerà in vigore il 1° dicembre, il governo vuole consentire alle autorità di regolamentazione di utilizzare i certificati dei vaccini in occasione di eventi più grandi. L’intento è quello di ridurre la diffusione dell’infezione, soprattutto tra le persone non vaccinate, impedendo loro di riunirsi in gruppi più grandi.

La proposta è stata avanzata la scorsa settimana e ha già portato a migliaia di segnalazioni al Riksdag’s Ombudsmen (JO), la maggior parte delle quali dirette all’Agenzia svedese per la sanità pubblica e al governo. Ma non ci sono state grandi proteste fisiche – Non da marzo 2021 Quando centinaia di persone si sono radunate a Södermalm a Stoccolma per protestare contro le stenosi delle arterie coronarie.

Mia Marie Hammerlin afferma che la Svezia si distingue a livello internazionale per la forte fiducia dei cittadini nel paese.

Abbiamo una fiducia sociale molto forte e sono convinto che influisca sulla nostra disponibilità a essere vaccinati. In Francia, ad esempio, c’era invece una sfiducia nello Stato e un’apparente messa in discussione del potere. Lì, anche le proteste nella sfera pubblica sono una forte tradizione.

Allo stesso tempo, dice, gli svedesi sono colpiti da ciò che sta accadendo in altri paesi.

Siamo in gran parte legati dalla globalizzazione e dalla digitalizzazione e non siamo immuni da questo tipo di influenza. La questione se vaccinare o meno era una volta un dibattito nascosto in Svezia. Ci si potrebbe chiedere se queste discussioni così accese avrebbero avuto qualche relazione con il desiderio di vaccinare in generale, dice Mia Marie Hammerlin.

Per saperne di più:

La nuova missione di FHM: ​​spiegare quando le misure introdotte possono essere gradualmente eliminate

Gunnar Johnson: Gli scettici sui vaccini non hanno più ragione perché litigano con la polizia

Completamente vaccinato negli Stati Uniti – ma ruotato in Svezia