TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Ilja Repin è un'esperta in molte forme - ora il suo lavoro è in mostra all'Ateneum |  Cultura e intrattenimento

Ilja Repin è un’esperta in molte forme – ora il suo lavoro è in mostra all’Ateneum | Cultura e intrattenimento

Finalmente furono aperti i musei e alla fine la Galleria Ateneum con il grande nome dell’arte russa dell’Ottocento Ilja Repin. Pontus Kiander ha visto la mostra e ha fornito uno sfondo al lavoro dell’artista.

Trasferimento dal fiume Volga (1870-1873) mostra undici burlac (lavoratori agricoli senza terra) che lavorano nella calura estiva lungo la riva del fiume Volga per trainare una chiatta a monte. Il contrasto tra il cielo luminoso, l’acqua scintillante del fiume e la massa ammucchiata di uomini con cappotti pesanti, spesso scuri, accentua l’usura disumana.

Gli uomini sono ritratti nei minimi dettagli, senza distinguere nessuno in particolare. Come in alcuni dei ritratti, l’artista ha scelto di diminuire la nitidezza e i dettagli al di fuori del gruppo. Questo è un dipinto delle difficoltà della gente e del duro lavoro dei poveri.


“Barge at the Volga” è diventato un importante passo avanti per Repin. Ha catturato lo stato d’animo nazionale di quel tempo e la simpatia per le difficoltà del popolo russo.
La foto mostra il dipinto di Ilga Repin “Chiatta nel fiume Volga”.
Foto: Museo Russo, San Pietroburgo.
Elga Repin

In superficie, è un dipinto realistico, anche se gli esperti sottolineano che il traino della corazzata richiede più partecipanti. È meno interessato al contesto, perché per quanto sia una spinta sociale, è un’immagine di gruppo eroica.

Uno dei grandi nomi

Durante la sua vita, Ilja Repin (1844-1930) è stata considerata uno dei grandi nomi dell’arte russa. In realtà è nato nell’attuale Ucraina e proveniva dai margini socio-economici e geografici della cultura russa.

La famiglia non era affatto povera, né lo erano i suoi ex servitori, come talvolta si sostiene. Al contrario, era una famiglia relativamente prospera. Oltre ad essere un seguace dell’esercito, il padre era anche un mercante di cavalli, mentre la madre proveniva dai margini dei nobili.

Se guardi l’arte di Repin nel suo insieme, è sorprendente quanto sia vicino all’arte del salone francese, ma con motivi e forme russi.

L’educazione come cartografo non ha portato da nessuna parte, invece il talentuoso ragazzo si è formato artisticamente come pittore di icone.

READ  Crisi idrica nell'Europa meridionale dopo una siccità insolita

In questo modo, arrivò all’età di vent’anni all’Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo dove si formò come pittore di storia – questo è il tipo di arte popolare all’epoca in cui le immagini eroiche della mitologia, della religione e del passato erano spesso dipinti in grande formato.

Il talento di Repin ha aperto le porte

Presto ha ricevuto il riconoscimento, il talento era inconfondibile. I sandali sono stati dipinti per conto del vicepresidente dell’Accademia di belle arti, il granduca Vladimir Alexandrovich. Repin aveva fiducia, fascino e talento sufficienti per aprire le porte anche ai più forti.

Con una borsa di studio in tasca, Repin ha avuto l’opportunità di viaggiare per due anni nel continente. Ha visitato l’Italia e ha avuto l’opportunità di partecipare all’ancora vibrante Salone annuale di Parigi.

Se guardi l’arte di Repin nel suo insieme, scoprirai quanto è vicino all’arte del salone francese, ma con forme e forme russe.

Ritratto di Ilya Repin del compositore Modest Mussorgsky.

Come ritrattista, Repin era un maestro rispettato. Ha dipinto, tra le altre cose, Modest del compositore ferocemente alcolizzato Mossorgsky.
Ritratto di Ilya Repin del compositore Modest Mussorgsky.
Immagine: Galleria Tretyakov, Mosca
Ilja Repin, l’umile Musorgskij

La Russia sta cambiando lentamente

Repin visse in un’epoca in cui stava prendendo forma una nuova forma di nazionalismo, in cui gli intellettuali erano sempre più interessati alle persone, un popolo visto come originale e incontaminato, ma oppresso.

La Russia stava cambiando molto lentamente: fu solo nel 1861 che la servitù della gleba fu abolita, furono attuate riforme parlamentari limitate e l’economia fu riformata molto lentamente.

Furono create molte nuove fortune, ma niente di tutto ciò significò l’eliminazione della povertà o la scomparsa di grandi differenze sociali.

Lo stato russo era permeato di rigide differenze sociali e all’interno della crescente classe media molti intellettuali parteciparono a una rivoluzione politica che portò a frequenti rivoluzioni e alle conseguenti rappresaglie statali.

Il ritratto di Ilga Repin dell'imperatore Alessandro II in un semplice costume da soldato ma si trova nella magnifica sala del Palazzo Pinter.

La famiglia imperiale ordinò anche i ritratti di Ilga Repin. Questa immagine dell’imperatore Nicola II in semplice uniforme militare in piedi nella magnifica sala del Palazzo d’Inverno è una delle più riprodotte dall’imperatore che fu assassinato dai comunisti con tutta la sua famiglia.
Il ritratto di Ilga Repin dell’imperatore Alessandro II in un semplice costume da soldato ma si trova nella magnifica sala del Palazzo Pinter.
Foto: Museo Russo, San Pietroburgo.
Elga Repin, l’imperatore Alessandro II, dichiarò aperta la riunione dell’eredità del 1863

READ  Vaccinazione obbligatoria per chi ha più di 50 anni in Italia

Ilja Repin è riuscita a bilanciare l’impegno con l’ingiustizia sociale e la capacità di portare a casa compiti prestigiosi.

La sua colossale produttività include non ultime le immagini di quasi tutti di qualsiasi significato in Russia all’epoca: ovviamente amici dell’arte e della musica a Mosca come i compositori Nikolai Rimsky-Korsakov, Alexander Borodin e Modest Mussorgsky, ma anche società e scrittori musicali, tra loro il grande Lev Tolstoy, che lo ha ritratto più e più volte.

Tra i clienti c’era anche la famiglia imperiale. Il ritratto di Repin dell’imperatore Nicola II in semplice uniforme militare (1896) in piedi in una delle grandi sale del Palazzo d’Inverno è una delle immagini più riprodotte del re che fu successivamente giustiziato.

Contrariamente a queste immagini prestigiose, ci sono immagini più impegnative di agitatori imprigionati e il ritorno di prigionieri politici. a Ritorno inaspettato (1883-1888) descrive il ritorno a casa di un attivista imprigionato e i sentimenti contrastanti che ciò evoca.

L’idea è disponibile in due versioni. Uno con il protagonista, che rifletteva una realtà in cui le donne erano una parte potente del movimento di resistenza politica, ma era vista come estremamente provocatoria. La versione più famosa mostra un uomo che torna.

La strada per la Finlandia

Le opinioni politiche di Repin riflettono un potente conflitto. Come nella vita reale, alla fine non ha preso posizione per nessuno dei poli esterni. Apparteneva a un liberale nella colta Russia centrale, una posizione che dominava i circoli culturali, ma presto crollò nello tsunami della rivoluzione.

Repin alla fine divenne un affare finlandese nel senso che si stabilì a Teriyuki, un viaggio di poche ore da San Pietroburgo, a quel tempo vista come la Riviera del Golfo di Finlandia.

READ  Malta paga i turisti per visitare il paese

Qui ha vissuto con la sua seconda moglie, Natalia Nordman, in una grande casa di tronchi con uno studio, dove ogni settimana hanno accolto la comunità culturale circostante ai ricevimenti vegani.

Repin era un eclettico eccezionale, in quanto nella sua colossale produzione ci sono così tante tracce di altre arti che si fuse abilmente in base alle proprie esigenze. Era un maestro in molte forme

Nel 1918 Terrejoki finì sul lato finlandese del confine e Repin scelse di restare. Per buone ragioni, diffidava dei bolscevichi (la loro rivoluzione, come è noto, avrebbe scatenato un catastrofico incendio in Finlandia), e nonostante i ripetuti inviti a trasferirsi a “casa”, trovò scuse per rifiutare queste garanzie ufficiali di salari e alloggi nel Unione Sovietica.

Invece, Repin divenne sempre più parte della vita artistica finlandese e fu mostrato frequentemente a Helsinki negli anni ’20.

Foto di Ilja Repin Gallery at Ateneum.

La mostra si tiene all’Ateneum in collaborazione con la Galleria Tretyakov, il Museo Russo di Mosca e il Petit Palais di Parigi.
Foto di Ilja Repin Gallery at Ateneum.
Immagine: Finlands Nationalgalleri / Jenni Nurminen
Atenium

Nel 1920, la Finnish Art Society ha ricevuto un generoso dono che ha costituito la base della vasta collezione di Atenium del suo lavoro nel Museo d’Arte, e Repin è rappresentato in molte collezioni pubbliche e private finlandesi.

Repin metteva sempre più in dubbio la pittura “moderna”, che includeva anche il simbolismo del diciannovesimo secolo. Tuttavia, si vedono influenze da pittori storici come Rembrandt e Courbet, nonché da Van Gogh e forse anche simbolismo e giapponese all’inizio del 1900.

Repin era un eclettico eccezionale, nella sua colossale produzione ci sono tracce di così tante altre arti che ha sapientemente fuso secondo le proprie esigenze.

Era un maestro in molte forme.