TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il video mostra le guardie che lasciano i migranti in un inferno di fuoco

Il video mostra le guardie che lasciano i migranti in un inferno di fuoco

Il disastro è avvenuto nella tarda serata di lunedì, ora locale, in una struttura a Ciudad Juarez, la città messicana al confine con El Paso, in Texas.

Secondo il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador, l’incendio è stato appiccato da immigrati che hanno appiccato il fuoco ai materassi per protestare perché sapevano che sarebbero stati deportati.

– Non avrebbero mai immaginato che avrebbe causato un incidente così terribile, dice il capo.

I filmati di sorveglianza sembrano mostrare come Le guardie lasciano il magazzino mentre i materassi prendono fuoco, senza alcun apparente tentativo di far uscire gli uomini. Poi il fumo riempì rapidamente la stanza.

– Abbiamo questo video da ieri sera. Ma per non ostacolare le indagini, per rispetto delle vittime, dobbiamo stare attenti, afferma il ministro dell’Interno Adan Augusto López Hernandez a proposito delle foto pubblicate martedì su diversi media.

Martedì, circa 100 migranti si sono radunati ai cancelli del centro di detenzione per chiedere informazioni sui loro parenti. Una di loro era Katiusca Marquez, 23 anni, venezuelana, che con i suoi due figli di due e quattro anni cercava il fratellastro con cui viaggiavano.

– Vogliamo sapere se è vivo o se è morto, ha detto all’agenzia di stampa Associated Press.

Marquez si chiede come siano riuscite a uscire vive tutte le guardie e che siano morti solo gli immigrati.

– Come hanno potuto non tirarli fuori?

La rabbia è divampata fuori dal centro di detenzione martedìCon i parenti che cantano per la giustizia.

– Ogni migrante ha il diritto di essere al sicuro e di essere protetto, dice Fran Martin Perez dal Venezuela ad AFP.

READ  Papa Francesco è tornato a operare

– Perché non siamo criminali, aggiunge.

Il segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres ha chiesto una “indagine approfondita” sull’incendio.

Ogni mese circa 200.000 persone tentano di attraversare il confine dal Messico agli Stati Uniti. La maggior parte fugge dalla povertà e dalla violenza nell’America centrale e meridionale. Ciudad Juarez è una delle città di confine dove sono bloccati molti immigrati clandestini che cercano di entrare negli Stati Uniti.

Amnesty International descrive il disastro come “il risultato delle politiche restrittive e dure sull’immigrazione del Messico e degli Stati Uniti”.

– Com’è possibile che le autorità messicane abbiano rinchiuso delle persone senza possibilità di fuga dall’incendio, dice la direttrice di Amnesty International per le Americhe, Erika Guevara Rosas.

Ambasciatore degli Stati Uniti in Messico Ken SalazarDice che la tragedia è “un promemoria per i governi della regione dell’importanza di riparare un sistema di immigrazione rotto e dei pericoli della migrazione irregolare”.