TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Un numero record di 120 milioni sono in fuga forzata

Un numero record di 120 milioni sono in fuga forzata

Giovedì viene presentato il Global Trends Report annuale dell'UNHCR, che stima a 117,3 milioni il numero di persone costrette a fuggire all'inizio dell'anno. Si tratta del 12° aumento annuale consecutivo, secondo l'UNHCR, e a maggio è aumentato di altri 3 milioni di persone.

Dietro questi numeri oscuri e crescenti si nascondono innumerevoli tragedie umane. Il commissario per i rifugiati Filippo Grandi ha affermato in un comunicato stampa che questa sofferenza deve spingere il mondo ad agire rapidamente per affrontarne le cause profonde.

– È giunto il momento per le parti in guerra Rispettare le leggi fondamentali della guerra e il diritto internazionale. Senza una migliore cooperazione e sforzi coordinati per affrontare i conflitti, le violazioni dei diritti umani e la crisi climatica, il numero degli sfollati continuerà ad aumentare.

Immagine: Sally Hayden/SOPA Images/Shutterstock

Senza lavoro arriva L’UNHCR avverte che la situazione continuerà a peggiorare, il che a sua volta porterà a maggiori sofferenze e costosi sforzi umanitari. Per l'agenzia per i rifugiati Bilancio 2024 Richiede circa 111 miliardi di corone, che è paragonabile a soli 38 miliardi di corone dieci anni fa.

La ragione principale dell’aumento quest’anno è la rapida escalation del conflitto in Sudan, secondo l’UNHCR – all’inizio dell’anno c’erano quasi 11 milioni di rifugiati nel paese. Citiamo anche il Congo-Kinshasa, il Myanmar e ora anche Gaza, dove circa 1,7 milioni di persone, ovvero il 75% della popolazione, sono state costrette a vivere come rifugiati.

Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i Rifugiati.

Fotografia: Alexander Mahmoud

– I rifugiati e coloro che si prendono cura di loro hanno bisogno di solidarietà e di aiuto. Possono contribuire alla società e lo fanno quando sono inclusi. L’anno scorso milioni di persone hanno potuto tornare alle proprie case, il che rappresenta un importante segno di speranza. Filippo Grandi dice: Le soluzioni ci sono, ma serve un impegno concreto.

READ  Ultima spedizione da Odessa prima della scadenza dell'importante accordo