TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il vaccino dimezza il rischio di contrarre infezioni in casa

Il Regno Unito è il paese europeo che è arrivato più lontano nella vaccinazione della sua popolazione e ora ci sono ricercatori e autorità che monitorano da vicino l’efficacia dei vaccini, che a loro volta sono all’esame di altri paesi europei. Non ultima la Svezia, dove l’epidemiologo di stato Anders Tegnell ha fatto riferimento più volte alle esperienze di Inghilterra e Scozia in varie decisioni riguardanti le vaccinazioni svedesi.

Gli ultimi dati, ora forniti dalla Public Health Agency inglese, mostrano che i vaccini covid-19 non solo proteggono dalle malattie, ma riducono anche il rischio di trasmissione da persona a persona, un effetto che non è stato completamente dimostrato prima.

I vaccini sono essenziali nella nostra ricerca per tornare alla vita normale. Non solo i vaccini riducono il rischio di malattie gravi e salvano centinaia di vite ogni giorno, ma ora vediamo anche che influenzano il rischio di trasmettere il Covid-19 ad altri, afferma Mary Ramsay, responsabile delle vaccinazioni presso la Public Health England. Responsabile o responsabile verso notizie della BBC.

A marzo, si stima che le vaccinazioni abbiano salvato 10.400 vite tra i britannici di età superiore ai 60 anni.

Ridurre i rischi

Lo studio presentato ora includeva 57.000 contatti non vaccinati in 24.000 famiglie diverse. Inoltre, c’era una persona in queste famiglie che ha ricevuto una dose del vaccino COVID-19 da Pfizer-Biontech o Astra Zeneca. I ricercatori hanno quindi studiato se la persona vaccinata avesse preso l’infezione e, in tal caso, se avesse trasmesso o meno l’infezione a un’altra persona nella famiglia, qualcosa che è stato definito come un test positivo entro 14 giorni dopo che la persona è risultata positiva. Chi è stato vaccinato positivo. . Il risultato è stato poi confrontato con quasi un milione di contatti di persone in case non vaccinate.

READ  A più persone potrebbe essere somministrato il noto farmaco per il mieloma Darzalex

I risultati mostrano che le persone vaccinate hanno il 38-49% in meno di probabilità di contrarre l’infezione, rispetto alle persone non vaccinate. L’effetto protettivo è stato osservato 14 giorni dopo la vaccinazione ed è stato lo stesso, indipendentemente dall’età della persona vaccinata.

Lo studio non è ancora stato sottoposto alla consueta revisione scientifica (peer-review), ma è comunque visto come un enorme successo. Nonostante ciò, Mary Ramsay esorta tutti ad agire come se avessero il virus, nel senso di continuare a seguire le raccomandazioni che nel Regno Unito – proprio come in Svezia – è lavarsi le mani, mantenere le distanze e ridurre il numero di contatti sociali. Per quanto possibile.

L’ultimo pezzo del puzzle

Oltre al posto di lavoro e agli incontri sociali, la nostra casa è vista come il luogo in cui affrontiamo i maggiori rischi di contrarre il Coronavirus.

Secondo gli osservatori, i risultati dello studio indicano che l’ultimo pezzo del puzzle si trova ora. I vaccini non solo proteggono dalle malattie, ma riducono anche la diffusione dell’infezione.

Dice Mike Tildesley, epidemiologo dell’Università di Warwick in Inghilterra notizie della BBC Lo studio è incoraggiante, ma allo stesso tempo si ritiene che ora sia estremamente importante vaccinare il maggior numero possibile di persone, al fine di limitare il più possibile la diffusione dell’infezione.

Dobbiamo ricordare che i vaccini non sono efficaci al 100%, sia contro chi soffre di sintomi gravi sia contro la trasmissione ad altri, dice.

Johan Nelson / TT

L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha finora approvato quattro diversi vaccini, anche se finora in Svezia abbiamo scelto di non iniziare a usarli dalla società farmaceutica Janssen. Inoltre, c’è anche una raccomandazione che il vaccino Astra Zeneca dovrebbe essere somministrato solo a persone di età pari o superiore a 65 anni. Oltre a questi due vaccini, in Svezia sono stati approvati anche i vaccini di Moderna e Pfizer-Biontech.

READ  L'effetto del caffè sugli svedesi

I vaccini Astra Zeneca e Janssen sono cosiddetti vaccini a base di vettori in cui il principio attivo del vaccino è composto da DNA. Inoltre, questi vaccini sfruttano un altro virus, un adenovirus modificato che agisce come un “vettore” o vettore, aiutando il DNA a entrare nelle cellule.

I vaccini Moderna e Pfizer-Biontech sono vaccini a mRNA in cui il principio attivo è costituito da quello che viene chiamato RNA messaggero.

Fonte: agenzia per i prodotti medicinali e altri