TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il settore alimentare è il più grande mercato di prodotti contraffatti in Italia

Il settore alimentare è il più grande mercato di prodotti contraffatti in Italia

Tutto sembra molto gustoso e attraente. Un piatto di mozzarella, un piatto abbondante di salumi, un buon filo d'olio d'oliva e una spolverata di parmigiano fresco e buono per la pasta.

Ma non c'è alcuna garanzia che tu abbia ottenuto quello che pensavi quando hai comprato i tuoi piatti italiani. Piuttosto il contrario. Due prodotti alimentari italiani su tre venduti all’estero sono contraffatti. Il commercio di alimenti rigenerati e di marchio errato genera più entrate di tutti gli altri prodotti di marca contraffatti messi insieme. Dimentica le false borse Gucci, le cinture Louis Vuitton, le scarpe Lacoste e gli orologi Rolex che puoi acquistare dai mercati, dai venditori ambulanti e sulle spiagge durante l'estate. Il settore alimentare è di gran lunga il più grande mercato di prodotti contraffatti in Italia. Il commercio di cibi e bevande illegali vale più di 120 miliardi di euro. Secondo Coldredetti, la più grande organizzazione nazionale di produttori alimentari e agricoltori, ciò corrisponde a ben 1.300.000.000 di corone.

– Le esportazioni sono il settore più colpito. Se potessimo fermare i pirati alimentari, creeremmo circa 300.000 posti di lavoro aggiuntivi per i produttori onesti. Il danno finanziario causato è enorme e le somme sono assolutamente sconcertanti, ha affermato Ettore Brindini, presidente di Goldretti, quando ci ha incontrato recentemente nei media in una grande fiera alimentare.

La frode alimentare è dilagante in tutto il mondo e non ultima in Europa. Tuttavia, poiché il cibo italiano è così popolare e amato, i suoi prodotti sono molto vulnerabili.

Uno Fatto in ItaliaPurtroppo l'etichetta sulla bottiglia di aceto non garantisce che lo sia davvero.

Tra i più contraffatti ci sono formaggi come mozzarella, parmigiano, gorgonzola e ricotta. C'è anche prosciutto e salame, olio d'oliva, vini e liquori. Anche pasta, conserve e salse, miele e aceto sono spesso etichettati erroneamente.

Alla grande fiera del cibo Fiera estiva del cibo di lusso È stata la prima volta a New York nel giugno dello scorso anno con l'insegna completa dello stand Una bugia made in Italy Gli espositori hanno esposto i prodotti più venduti nel grande mercato americano. Il 90% di tutto il formaggio venduto come italiano negli Stati Uniti è in realtà prodotto in luoghi come California, Wisconsin e New York. Nel 2022, negli Usa sono stati venduti sotto la (falsa) bandiera italiana 2,7 miliardi di kg di formaggi.

Suono italiano

Ma i maggiori produttori di finto cibo italiano sono Germania e Cina. Molte aziende utilizzano la strategia Suono italiano Scegli nomi che suonano italiani e sono molto simili a veri e propri brand. Una truffa a cui è difficile accedere. Un esempio? Ebbene, che ne dici del Grana Parrano, un formaggio che ricorda il tipico formaggio Grana Padano.

Poiché i consumatori sono indotti a credere di acquistare prodotti genuini, spesso finiscono per pagare prezzi elevati per prodotti di qualità inferiore. Ancora peggio, il rischio di malattie gravi e di lunga durata. In Italia, uno dei compiti più importanti dei NAS di polizia speciale dell’autorità sanitaria è la prevenzione della contraffazione criminale degli alimenti.

È uno dei dirigenti più senior del NAS e mostra la consegna di vari prodotti del Focus Sequestro presso la sede di Milano. Venduto come olio d'oliva vergine in grandi contenitori.

– Ma quest'olio non è mai stato vicino a nessuna oliva! Contiene semi di girasole, betacarotene, vari pigmenti e clorofilla, spiega Salvatore Pignatelli.

Lo scorso dicembre, in un'azienda di Striano, alle porte di Napoli, la Guardia di finanza italiana ha sequestrato 8.000 litri di olio d'oliva falso, ma anche champagne e prosecco e 100.000 etichette false. Il limoncello diluito con gel alcolico è stato catturato in molti luoghi.

In un altro raid, in Piemonte, nel nord Italia, la polizia ha trovato 54.000 bottiglie di vino falso, tra cui Valpolicella, del valore di oltre un milione di euro. Uno di una serie infinita di esempi. Il NAS è presente in tutta Italia e nell'ultimo anno ha effettuato oltre 125.000 controlli e ispezioni. Sono state confiscate più di 16.000 tonnellate di generi alimentari.

– Inoltre, abbiamo chiuso 1.600 punti vendita e 650 siti web che vendevano prodotti contraffatti, ha dichiarato il ministro della Salute Horacio Schillaci durante il 60esimo anniversario dei NAS a Roma.

In tutti i settori in cui circolano molti soldi in Italia, esiste anche la criminalità organizzata. La mafia è sempre più coinvolta nel business del cibo falso. Dal 2016, il sindacato degli agricoltori Goldretty pubblica un rapporto annuale che mappa il sospetto coinvolgimento della mafia nell'agricoltura del paese. Acromafia, la mafia agricola. Nonostante i numeri piuttosto cupi, il rapporto per il 2022 mostra che il fatturato della mafia nel settore è aumentato del 12,5% nel primo anno raggiungendo almeno 24,5 miliardi di euro. Lo è solo in agricoltura.

READ  Testo primaverile del Channel Manager: può essere distrutto fino a quando la luce non si accende - P4 Charmland

Il ministro della Sanità Horacio Schilazi promette di investire ancora più risorse nella lotta contro le frodi alimentari:

– Così tante persone nel nostro Paese producono ogni giorno cibo di altissima qualità con amore e orgoglio. E persone provenienti da tutto il mondo vogliono mangiare il nostro cibo. I contraffattori rovinano tutti e vanno fermati.