TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il Ruanda potrebbe diventare uno dei primi a sradicare il cancro cervicale

Il cancro cervicale è il tipo più pericoloso di cancro e il più comune che colpisce le donne in Ruanda. Nel 2019 quasi mille donne sono morte di cancro all’utero, Rapporti del guardiano.

Se il cancro uterino viene rilevato in tempo, la malattia può spesso essere curata. In Ruanda è in corso una campagna attiva per educare le donne di tutto il paese sulla malattia. Gli operatori sanitari bussano alle porte e parlano con le donne che non sono ancora state vaccinate dell’importanza di sottoporsi al test.

Il cancro dell’utero può essere curato

“Sappiamo che il cancro cervicale può essere prevenuto, ma può anche essere curato se preso in tempo”, dice. Dott.. la principessa Nothemba Simelela per il Guardiano. lei è Vice Direttore Generale per la Famiglia e gli Affari delle Donne presso l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

“Le donne stanno ancora morendo inutilmente a causa di questo cancro”.

Il cancro cervicale è il più grande onere in Africa, secondo il Dr Simile. Il problema più grande è la mancanza di una struttura sanitaria ben funzionante con le donne sottoposte a screening per il cancro uterino in molte parti dell’Africa.

Strategie per combattere le malattie

Già da tempo l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha studiato la prevalenza della malattia e ha tentato di realizzare una strategia comune per diversi Paesi africani per combattere il cancro del collo dell’utero. Per avere successo in questo, ogni paese deve raggiungere un tasso di malattia di quattro per 100.000 donne.

Nel 2011, il Ruanda è diventato il primo paese africano a lanciare una campagna nazionale di vaccinazione contro l’HPV, offrendo vaccinazioni a tutte le ragazze di 12 anni nelle scuole. Sin dal suo inizio, il programma ha costantemente raggiunto una copertura superiore al 90%. Più di 1,2 milioni di ragazze e donne sono state completamente vaccinate con due dosi.

READ  La carenza di neurologi in 14 regioni

I costi sarebbero stati inferiori se la malattia avesse colpito anche gli uomini

La prevenzione e il trattamento del cancro cervicale si sono rivelati proibitivi, il che ha contribuito al ritardo di lunga data del Ruanda in questa materia. Dott Nothemba Simelela non crede che i costi sarebbero aumentati così tanto se la malattia avesse colpito anche gli uomini.

“Penso che se questo fosse un cancro che colpisce gli uomini nel modo in cui colpisce le donne, avremmo una conversazione diversa”, dice.

Advocacy e allocazione delle risorse saranno un gioco con la palla completamente diverso.

Leggi anche Il vaccino HPV riduce il cancro cervicale dell’87%. [Dagens PS]