TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il quadro post-Covid è sempre più chiaro.

Il quadro post-Covid è sempre più chiaro.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, il COVID-19, causato dal virus SARS-CoV-2, non rappresenta più una minaccia internazionale urgente per la salute umana.

Ma questo non significa che il mondo scientifico smetta di cercare risposte a tutte le domande emerse a seguito della pandemia. Molte persone manifestano sintomi persistenti o ritardati molto tempo dopo l’infezione: questa è chiamata infezione da coronavirus.

– In molti casi, i sintomi possono essere di lunga durata, quindi il numero massimo di persone colpite post-Covid potrebbe non essere stato ancora raggiunto. Vediamo sempre più casi nel settore sanitario in cui le persone hanno problemi diffusi nella gestione della vita quotidiana. Inoltre, è un peccato che questa potrebbe non essere l’ultima pandemia. Il ricercatore Christopher Hedman dell’Università di Linköping afferma che è molto importante che il sistema sanitario sia meglio preparato la prossima volta che questo tipo di problema a lungo termine potrebbe verificarsi.

Respirazione anormale dopo sforzo

Relativamente all’inizio dell’epidemia, molti ricoveri sono arrivati ​​alla clinica fisiologica dell’ospedale universitario di Linköping, dove Christopher Hedmann lavora come medico.

Qui vengono eseguiti test approfonditi sulla funzionalità polmonare delle persone e su come il corpo reagisce al lavoro fisico sotto forma di test di lavoro ciclistico.

– Inaspettatamente, molti erano normali nei test, anche se i pazienti mostravano sintomi chiari. Ma quello che abbiamo visto che ci ha sorpreso e che raramente vediamo altrimenti è il modello di respirazione turbolento durante il lavoro, dice Christopher Hedman.

Normalmente, la respirazione dovrebbe aumentare costantemente con l’aumentare del carico di lavoro. Ma molte persone con sintomi persistenti dopo aver contratto il Covid-19 avevano un modello di respirazione irregolare, simile a quello precedentemente collegato solo all’insufficienza cardiaca. Questo modello di respirazione asimmetrico ha suscitato l’interesse dei ricercatori.

READ  I vaccini come trattamento per il cancro potrebbero essere pronti entro cinque anni

Nelle persone sane, la respirazione è regolata automaticamente dal sistema nervoso autonomo o autonomo. Ma sembra che dia fastidio ad alcune persone con infezione da coronavirus.

I ricercatori di Linköping hanno esaminato più da vicino questo disturbo, chiamato anche disfunzione autonomica. In uno studio, un gruppo di pazienti è stato seguito per un periodo di tempo per vedere se i problemi scomparivano nel tempo. I risultati preliminari dei ricercatori, non ancora pubblicati, indicano che circa la metà dei pazienti è tornata al normale ritmo respiratorio dopo un anno.

– La metà dei pazienti soffre ancora di questo tipo di respirazione anormale. Anche chi ha ancora problemi sembra in molti casi avere una forma leggermente più lieve, quindi si spera che scompaiano col tempo, dice Christopher Hedman.

Il cuore e la respirazione sono spesso colpiti

I disturbi nella regolazione del sistema nervoso autonomo non sono fenomeni nuovi. Sembra però essere prominente nel gruppo post-Covid.

Uno dei sintomi più comuni legati al cuore è un aumento inspiegabile della frequenza cardiaca quando ti alzi. Questo fenomeno è chiamato POTS, che è l’abbreviazione di sindrome da tachicardia ortostatica posturale. Per quanto riguarda la funzione respiratoria, modelli respiratori anormali e iperventilazione sono esempi di sintomi post-coronavirus.

I ricercatori stanno studiando se i disturbi del sistema nervoso autonomo potrebbero essere causati da cambiamenti nella regolazione genetica. Foto: Charlotte Berhammar

Il post-Covid è associato alla regolazione genetica

In uno studio generale è stato riassunto lo stato della ricerca sui disturbi del sistema nervoso autonomo post-COVID. Nello studio, ricercatori di diverse università svedesi – con competenze in pneumologia, malattie infettive, cardiologia e biologia cellulare – hanno affrontato diverse domande: cosa succede realmente nel corpo? Che aspetto hanno i sintomi? Quali opzioni di trattamento sono disponibili?

READ  Gli svedesi non sono stanchi delle vaccinazioni come gli americani - Dagens PS

Le spiegazioni per questo disturbo potrebbero riguardare i singoli organi, ma un’altra possibilità è che potrebbe essere collegata alla regolazione genetica, secondo i ricercatori.

Uno studio condotto presso l’Università di Linköping ha seguito per più di un anno un piccolo gruppo di persone con sintomi residui. I ricercatori sono stati i primi al mondo a riferire che la fase post-Covid sembra essere associata a un cambiamento nella regolazione genetica, chiamata riprogrammazione epigenetica.

– Le cellule possono riprogrammare i loro geni in modo che la produzione di proteine ​​cambi per combattere e resistere alle infezioni. Una teoria è che questo processo di riprogrammazione genetica sia stato interrotto dopo il Covid-19, afferma Frida Nikisjö, dottoranda presso l’Università di Linköping.

– Nell’articolo di panoramica evidenziamo diverse teorie sulle ragioni della fase post-Covid. Ma è un esempio molto interessante di come i sintomi persistono a lungo in alcuni pazienti, e ciò potrebbe essere dovuto alla riprogrammazione del modo in cui vengono utilizzati determinati geni, afferma Christopher Hedman.

Nessun gruppo è omogeneo

Man mano che la conoscenza di una condizione medica si approfondisce, spesso si scopre che il gruppo di pazienti non è così omogeneo come si sarebbe potuto immaginare fin dall’inizio.

Anche dopo il Covid si scopre che esistono diversi sottogruppi, il che rappresenta una sfida per i ricercatori. Christopher Hedman ritiene che i sottogruppi dovrebbero essere separati.

– Se persone che si sono già ammalate gravemente presentano sintomi gravi e persistenti, ciò può essere dovuto all’infezione stessa, ma anche al fatto che hanno ricevuto cure in ospedale per un lungo periodo. Poi abbiamo il gruppo che ha avuto un’infezione molto lieve, e talvolta non si notava nemmeno l’infezione acuta, ma per qualche motivo avevano sintomi persistenti, dice.

READ  Informazioni sulla lingua: è un peccato per una scimmia che parla svedese

Il trattamento è impegnativo

Un’altra sfida è trovare una cura specifica per la fase post-Covid. Oggi l’assistenza sanitaria può trattare alcuni sintomi, come la riabilitazione fisioterapica in caso di disturbi respiratori.

Ma per sviluppare trattamenti che arrivino alla radice dei problemi, i ricercatori e gli sviluppatori di farmaci devono comprendere i meccanismi biologici.

– Per molti pazienti è frustrante il fatto che così tante malattie non possano essere curate. Penso che per molti pazienti – non tutti, ma per molti – possa essere importante anche riuscire a demistificare la malattia, dice Frida Nikicho.

Christopher Hedman ritiene che per molte delle persone colpite dal Covid-19, potrebbe essere un po’ più facile affrontare la propria condizione se ritengono che la scienza, e i medici che si rivolgono, almeno sappiano cosa c’è che non va e che ci credano.

– All’inizio della pandemia, quando questa era una questione completamente nuova, rappresentava una questione importante nel settore sanitario poiché molti di coloro che cercavano aiuto venivano respinti. Oggi questo avviene in misura molto minore, anche se certamente accade ancora. Ora stiamo iniziando a capire meglio cosa verrà dopo il coronavirus. Siamo lontani dal capire tutto, ma ci stiamo lentamente avvicinando a una sorta di nucleo. È una sensazione molto piacevole, dice Christopher Hedman.

Studio generale:

Disfunzione cardiorespiratoria nel contesto post-COVID-19: manifestazioni, meccanismi e gestione, Giornale di medicina interna.

comunicazione:

Christopher Hedman, professore associato e docente universitario presso il Dipartimento di salute, medicina e cura, Università di Linköping, [email protected]

Maria Lerm, Professore presso il Dipartimento di Scienze Biomediche e Cliniche, Università di Linköping, [email protected]