TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il pubblico ministero ammette: la chiacchierata di Jansson è incompleta

Aggiornato 15.14 | Pubblicato alle 14.40

Nella chat protetta dalla polizia non ci sono informazioni secondo cui il capitano del Malmö Pontus Jansson avrebbe creato emoji ridenti dopo slogan antisemiti, ha riferito Sydsvenskan.

– Catastroficamente grave, dice l'avvocato Max Algren, e crede che il pubblico ministero dovrebbe chiedere scusa.

Lunedì è emersa la notizia che mancavano i post della chat durante l'indagine iniziale.

Il procuratore Henrik Nordquist ora conferma:

-Ci siamo seduti e abbiamo guardato tutte le chat. Sono tutte corrette tranne una in cui le lettere sono scomparse, dice Henrik Nordquist a Sydsvenskan.

La chat di gruppo compare in un'indagine preliminare sulla rissa tra rivoltosi avvenuta a Stoccolma l'anno scorso. Lunedì dodici persone sono state accusate di disordini violenti.

“Decisamente sfortunato”

Nella chat uno degli imputati si è espresso in modo palesemente antisemita, al che Jansson, che secondo le indagini preliminari non è sospettato di aver commesso alcun reato, ha risposto con quattro emoji ridenti. Ma la Procura conferma che in questa particolare sezione gli sms sono andati perduti.

La reazione di Pontus Jansson avrebbe potuto essere qualcosa di completamente diverso.

– Certo, è un peccato che sia andata storta. Non è intenzionale che ciò sia accaduto, o che qualcuno con rancore possa cercare di fare qualcosa di peggio, dice Henrik Nordquist al giornale.

Non può rispondere come sono scomparsi i messaggi. L'avvocato Max Ahlgren, che rappresenta Jansson, ha descritto la gestione come “catastroficamente negativa” per Seidsvenskan e ritiene che il pubblico ministero dovrebbe scusarsi.

READ  Lundqvist quando ha lasciato i Rangers: "Quasi come perdere un familiare"

Voleva aiutare Malmö

Pontus Jansson ha scritto in un post su Instagram che si è unito al gruppo nel 2022, quando giocava in Inghilterra, ma avrebbe dovuto lasciare il gruppo prima.

“Il mio obiettivo nell'unirmi al gruppo di chat era aiutare il Malmö FF a trovare sostegno nelle avversità attraverso una cultura di sostegno continua e positiva”, scrive.

In un'intervista sul sito di MFF racconta che parte della chat è composta da amici che conosce da molti anni, ma prende le distanze dal “gergo”.

L'ex giocatore della Nazionale ha informato personalmente la Federazione malese prima che l'accusa fosse pubblicata. È stato indisponibile per l'incontro con il Brommapojkarna (2-2) lo scorso fine settimana e il club ha avviato un'indagine interna.