TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il primo ministro spagnolo Sanchez resta in carica nonostante le minacce di dimissioni

Il primo ministro spagnolo Sanchez resta in carica nonostante le minacce di dimissioni

Mercoledì Sanchez ha annunciato le sue possibili dimissioni, dopo che un giudice ha deciso di indagare sulle accuse di corruzione contro sua moglie, Begonia Gomez. Non appena ha pubblicato le sue riflessioni sui social media, nel PSOE del suo partito è scoppiata la frenesia di fargli cambiare idea. Diverse migliaia di sostenitori provenienti da tutta la Spagna si sono recati sabato alla sede del partito a Madrid per fare appello a Sanchez affinché restasse. I suoi avversari hanno liquidato l’intera faccenda come uno stratagemma populista.

Lunedì, rivolgendosi alla nazione, fuori dalla sua residenza nel Palazzo della Moncloa, Sanchez ha affermato che “un’ondata reazionaria globale si sta affermando in Spagna”, che “fraintende la libertà di espressione come libertà di diffamazione”. Non è entrato nei dettagli nella serie di articoli che El Cofidencial ha dedicato all'azione di Begonia Gomez durante la pandemia.

Foto: P. Thevenin/TT

Il leader dell'opposizione Alberto Nunez Figo ha descritto la minaccia di Sanchez di dimettersi e la sua promessa di restare come una “farsa adolescenziale”. Il ministro degli Esteri José Manuel Albarez, collega di partito di Sánchez, ha elogiato il primo ministro:

– È un vantaggio per la Spagna e per la reputazione della Spagna nel mondo.

La Spagna è forse la più famosa “È meraviglioso che Sánchez accusi la magistratura di calpestare la Costituzione”, dice il giornalista simpatizzante del socialismo Antonio Casado.

E la stampa spagnola sta ancora dibattendo appassionatamente su ciò che nessuno sa ancora con certezza: i cinque giorni di riflessione di Sanchez erano reali o si trattava solo di una trovata pubblicitaria ben provata? Aveva davvero intenzione di dimettersi o era tutto uno spettacolo?

Proteste a Madrid questo fine settimana a sostegno del Primo Ministro.

Foto: David Canales/TT

Sanchez è ora tornato alla gestione quotidiana, il che è molto entusiasmante. Il suo partito PSOE è in buona forma in vista delle elezioni catalane previste per il 12 maggio, con il partito in testa nei sondaggi d'opinione su entrambi i principali partiti separatisti. Ma non riesce ancora a ottenere una maggioranza al Congresso per sostenere il prossimo bilancio, con il leader separatista catalano Carles Puigdemont che prima chiede un’amnistia generale per tutti i separatisti catalani accusati affinché abbia effetto.

fatti.Accuse contro Begonia Gomez

La moglie del primo ministro Pedro Sanchez, Begonia Gomez, è sospettata di aver organizzato sovvenzioni multimilionarie e sostegno governativo a un gruppo di società. A Gomez è stata assegnata una posizione dirigenziale nel gruppo societario poco dopo che Pedro Sánchez ha formato il governo nel 2018.

L'indagine fa parte del cosiddetto “caso Koldo”, intitolato a Koldo García, ex consigliere del ministro dei trasporti spagnolo, accusato di corruzione in relazione alla vendita di materiale sanitario alle regioni spagnole durante la pandemia.

READ  Studio DN sui risultati elettorali e la situazione politica in Cile