TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il numero di fratelli e sorelle può essere collegato al rischio di malattie cardiovascolari |

Identifica gli individui a rischio

Oggi, gli individui a rischio vengono identificati, tra l’altro, chiedendo ai pazienti la storia familiare e l’incidenza di malattie cardiovascolari precoci all’interno della famiglia al fine di ottenere un’indicazione di un aumentato rischio di malattie cardiovascolari. Nello studio attuale, i ricercatori hanno scelto di analizzare un altro aspetto dei modelli familiari e hanno invece studiato i fratelli, la loro disposizione reciproca e il significato biologico, psicologico e sociale di questo.

Nel Registro Nazionale Multigenerazionale, i ricercatori sono stati in grado di accedere ai dati su 1,36 milioni di uomini e 1,32 milioni di donne nati tra il 1932 e il 1960 e di età compresa tra i 30 e i 58 anni nel 1990. Hanno esaminato quanti fratelli e dove le persone erano nel gruppo dei fratelli . Sono stati effettuati aggiustamenti anche per il numero totale di fratelli in relazione all’ordine di nascita quando sono stati calcolati i rischi di esiti diversi con i primogeniti come riferimento. Le informazioni nel registro sono state quindi collegate a infarto miocardico fatale e non fatale e ictus per un periodo di 25 anni. Nelle analisi, i ricercatori hanno considerato e adattato lo stato socioeconomico, l’obesità, il diabete, la malattia polmonare cronica (BPCO), l’alcolismo e le malattie epatiche correlate.

I neonati hanno minori rischi

I risultati hanno mostrato, tra le altre cose, che quelli senza fratelli avevano maggiori problemi cardiaci e che i primogeniti avevano minori rischi di malattie cardiache come infarto e ictus quando i ricercatori hanno esaminato le dimensioni della famiglia e confrontato uomini senza fratelli. uno o due fratelli, questi ultimi avevano un minor rischio di malattie cardiovascolari, mentre quelli con quattro o più fratelli erano più probabili.

Allo stesso modo, gli uomini con più di un fratello avevano un rischio di morte inferiore rispetto agli uomini senza fratelli, mentre quelli con tre o più fratelli avevano maggiori probabilità di sviluppare malattie coronariche. Possiamo vedere un modello simile nelle donne. Rispetto a quelle senza fratelli, le donne con tre o più fratelli avevano un rischio maggiore di malattie cardiovascolari, mentre quelle con due o più fratelli avevano maggiori probabilità di sviluppare malattie coronariche, dice Peter M. Nelson. o più avevano un rischio di morte inferiore .

READ  Le abitudini dei giovani durante la pandemia di Coronavirus preoccupano l'Agenzia di sanità pubblica

Vede ma non riesce a spiegare la connessione

I registri della popolazione svedesi non contengono informazioni sulle procedure diagnostiche o dati sui fattori dello stile di vita degli individui come il fumo, la dieta o l’indice di massa corporea (BMI). I ricercatori possono vedere i collegamenti ma non spiegarli. Ciò richiede dati più approfonditi da biobanche, esami del sangue e analisi più dettagliate di vari fattori di rischio individuali come pressione sanguigna, colesterolo e fumo.

I ricercatori osservano che i risultati di questo studio differiscono da quelli della ricerca precedente tenendo conto degli eventi cardiovascolari non fatali, colmando così un vuoto di conoscenza. Ritengono che i risultati possano essere importanti anche nel plasmare la politica familiare di un paese, come dimostra il fatto che la Cina ha recentemente abbandonato la sua politica del figlio unico e ora consente fino a tre figli per famiglia.

– Perché per vari motivi, con gli aborti selettivi, c’è stato un accumulo di ragazzi nelle famiglie con un bambino, diventano viziati e spesso sovrappeso, il che porta a problemi di salute generali. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per confermare gli effetti sulla salute associati alla dimensione della famiglia e ai ruoli biologici e sociali relativi al posizionamento nel gruppo di fratelli.

Materiale scientifico:

Rango e numero di fratelli in relazione a malattie cardiovascolari e rischio di morte: uno studio di coorte nazionale nation (BMJ è aperto)

Contatto:

Peter M. Nilsson, professore di ricerca clinica cardiovascolare, Università di Lund,