TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il mistero sulla scomparsa di Emile dal villaggio dell'Haute-Vernet aumenta. I risultati non forniscono risposte.

È la notte di Pasqua del 2024 quando un escursionista fa una scoperta orribile. Sul lato del sentiero roccioso e inaccessibile dove stava camminando, trovò un teschio.

I denti nella mascella rimanente sono intatti.

Non ha copertura cellulare, quindi non può chiamare la polizia. Invece, prende il teschio, lo mette in una borsa e torna a casa. Una volta arrivata a casa, ha chiamato la polizia.

Il giorno successivo, è diventato chiaro che il teschio era quello di Emile Soleil, il bambino di due anni e mezzo denunciato come scomparso dal piccolo villaggio di montagna di Hautes-Vernes, nelle Alpi dell'Alta Francia. Provenza, l'8 luglio dell'estate scorsa. .

La polizia ha immediatamente dispiegato risorse significative.  Il capo della polizia Mark Rollang dice:

Foto: Durand Thibaut/TT

Vicino al sito di ricerca Poi sono stati ritrovati una maglietta, un paio di scarpe e un paio di piccoli boxer: gli abiti che il ragazzino indossava il giorno della sua scomparsa. Sono sparsi a decine di metri dal punto in cui è stato ritrovato il teschio, ha detto Jean-Luc Blachon, pubblico ministero, durante una conferenza stampa il 2 aprile, due giorni dopo la pubblicazione dei risultati.

Poi hanno trovato anche un altro pezzo di osso, l'osso di Emil.

Per tutti gli interessati Nella scomparsa del ragazzino i risultati sono ambigui. Finora tutti si erano accontentati dell'idea che la zona fosse stata perquisita a fondo, in più riprese.

Qui cani da ricerca speciali, elicotteri, polizia, esercito, catene di ricerca composte da diverse centinaia di volontari, droni e apparecchiature radar hanno setacciato la zona. Anche cacciatori, raccoglitori di funghi ed escursionisti si spostano qui regolarmente, sia lungo che fuori dai sentieri.

Tuttavia, il teschio e i resti dei vestiti del ragazzo non sono stati ancora scoperti.

– Sono molto sorpreso. “Sorpreso che non abbiamo trovato il corpo o i suoi resti prima. Sorpreso che questi risultati siano stati ottenuti ora”, dice Stephane Chevrier, presidente del Vernet Hunting Club. Le Figaro.

Secondo i medici legali francesi, il teschio non è stato sepolto. Presenta una serie di piccole crepe, ma i denti rinvenuti nella mascella erano intatti, indicando che il volto non aveva subito alcun trauma.

“Purtroppo i resti ossei che abbiamo ritrovato finora non ci danno alcuna risposta su quanto accaduto”, afferma il pubblico ministero Jean-Luc Blachon.

Il procuratore Jean-Luc Blachon ha dichiarato in una conferenza stampa:

Fotografia: Clement Mahudou/AFP

I risultati lo rendono così Emil chiude il puzzle. Se il teschio e i vestiti non c'erano prima, come sono arrivati ​​lì adesso? Potrebbe essere un animale? Oppure sono stati gli umani a metterlo lì? Sono stati trasportati lì dall'acqua corrente? O erano davvero lì tutto il tempo?

– Non posso più affermare con certezza che abbiamo guardato con particolare attenzione a questo aspetto, ha affermato Jean-Luc Blachon durante la conferenza stampa ad alto livello tenutasi dopo il raggiungimento dei risultati.

L'unica cosa che sappiamo adesso è che durante l'estate la zona è molto ripida e inaccessibile. Si trova a soli due chilometri a sud-est dell'Haute-Vernet, il villaggio dove Emile trascorreva l'estate. Non è impossibile che possa arrivarci con la sua macchina.

– Potrebbe essere andato perduto. Potrebbe essere un incidente di caduta. Ma potrebbe anche trattarsi di omicidio, omicidio. Jean-Luc Blachon dice: Non possiamo difendere alcuna ipotesi per il momento.

Ancora nessuna risposta, quindi. Il trauma di nove mesi è ancora lungi dall'essere finito e il villaggio dell'Haute-Vernet trema sotto la pressione sociale ed emotiva, sotto l'attenzione dei media e sotto l'incertezza creata da questo caso.

Il villaggio di montagna di Haute Vernon sembra un vicolo cieco e la strada finisce qui.  Il villaggio ha una popolazione di 25 persone.

Foto: TT

Il villaggio è descritto come un vicolo cieco e la strada finisce qui. Non c'è traffico. Se si presenta un estraneo, verrà notato.

Tutte le quindici case del piccolo borgo vengono perquisite a fondo. Tutti gli scantinati, soffitte, congelatori, garage e ripostigli. I venticinque residenti sono stati sentiti rivolti verso il muro. Tutto il traffico telefonico avvenuto il giorno della scomparsa di Emil è stato tracciato sulla mappa.

– Abbiamo investito risorse significative fin dal primo giorno. La maggior parte delle persone può identificarsi con il sentimento di paura quando manca un figlio, si sta scommettendo tutto. Ma dopo circa una settimana di ricerche, è subentrata la frustrazione. Gli investigatori sono stanchi, frustrati e sotto pressione da parte dei media che esigono costantemente spiegazioni che non abbiamo, afferma Mark Rollang, il commissario di polizia, in un'intervista a Informazioni sulla Francia.

Col passare del tempo, i dubbi si insinuano e lui descrive di più.

Hai fatto tutto il possibile?

Il fallimento è la frustrazione che affligge tutti coloro che hanno lavorato su questa questione, agenti di polizia e civili.

Dopo i risultati Si è svolto durante il fine settimana di Pasqua e al pubblico è vietato entrare nel villaggio. Al di fuori del cerchio, i giornalisti intervistano le persone coinvolte in diversi modi.

Emil, 2,5 anni - si è perso?  E' caduto?  È stato rapito o ucciso?  Il procuratore Jean-Luc Blachon ha dichiarato:

Foto: privata

Una di loro, Anna Bell, piangeva e tremava mentre guardava la telecamera e diceva: “Non ci arrenderemo. Avremo continuato a cercare. Perché abbiamo rinunciato alla ricerca?” Le foto del ragazzo carino erano improvvisamente di nuovo ovunque: Emil con un dente di leone dietro l'orecchio, Emil su una motocicletta rossa su una strada rocciosa, Emil che mangiava un panino, Emil con un cappello all'indietro.

E poi – ancora – le indiscrezioni. La sua famiglia è già coinvolta? I giovani genitori hanno lasciato Emil con i nonni e la madre è una cattolica severa che incoraggia le persone a pregare vari santi per Emil. Papà, membro di un gruppo cristiano di estrema destra con stretti legami con il Partito nazionalista di redenzione di Eric Zemmour, di destra, non è questo un file preoccupante? Anche il nonno materno è stato accusato di essere troppo severo e avrebbe definito Emil un bambino difficile, cosa che lui stesso ha negato.

Il giorno in cui Emil scomparve, alle 17, in casa c'erano altri nove bisnonni. Hanno tra i 7 e i 18 anni: cosa sanno veramente?

Due persone del villaggio lo hanno visto inciampare lungo la strada principale del paese, ma non ci hanno pensato più. Saranno le ultime persone a vederlo vivo.

Per un po' si è creduto che Emil fosse stato picchiato da qualcuno che poi aveva cercato di nascondere il corpo nella speranza che non venisse ritrovato. Trova tracce di sangue nell'auto, ma risulta essere sangue animale. Un'altra teoria è che sia stato attaccato da un animale, un rapace o forse un lupo. La terza è che è stato rapito e ucciso.

Dopo il ritrovamento, la vigilia di Pasqua, il villaggio venne nuovamente chiuso e nessuno vi poteva più entrare.  La ricerca è continuata per altri resti di ossa e vestiti.

Fotografia: Clement Mahudou/AFP

Per i lontani In un villaggio di montagna, la scomparsa di Emil è una ferita che potrebbe non rimarginarsi mai. Speculazioni e voci rimangono il segno distintivo di quasi tutte le interazioni.

Secondo alcuni media, la valle in cui si trova il villaggio, Wadi Bais, sarà chiamata “Wadi Suspicion”.

– Nonostante i risultati, non possiamo ancora escludere nulla, afferma il procuratore Jean-Luc Blachon poco più di una settimana dopo il loro rilascio.

Forse ci aspetta una risposta, e forse non la sapremo mai, pensa il capo della polizia Marc Rollange e dice:

L’unica cosa che sappiamo è che qualunque cosa accada, dobbiamo imparare a conviverci.

READ  Il sonno notturno è a rischio per un milione di svedesi