TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il libro svedese sull’attivismo per il clima suscita polemiche negli Stati Uniti

In vista del vertice sul clima di Glasgow, come previsto, viene prestata molta attenzione a Greta Thunberg. Ma c’è un altro suono climatico svedese in discussione negli Stati Uniti ora.

Il controverso nuovo libro dell’autore e ricercatore svedese Andreas Malm, How to Blow Up a Pipeline, chiede quello che chiama “sabotaggio intelligente” per fermare l’espansione globale delle aziende di combustibili fossili e stimolare un maggiore impegno per il clima.

Tre repubblicani hanno segnalato il libro all’FBI. A settembre, il membro del Congresso Lance Godin, un repubblicano di Dallas, in Texas, ha scritto una lettera al direttore dell’FBI Christopher Wray esortando l’FBI a “indagare e mappare” Malm e altri attivisti del clima. Secondo Goode, Malm sostiene il “terrorismo ambientale”. Judd voleva anche penalizzare i media che si preoccupano del libro.

“Credo che l’FBI dovrebbe impegnarsi pubblicamente a indagare e perseguire gli individui che tentano di commettere terrorismo ambientale, così come i media che lo diffondono”, ha scritto Goodin nella sua lettera all’FBI.

Il risultato sembra, però Hanno risposto a Goode. Invece, le notizie sul disegno di legge hanno contribuito a una raffica di pubblicità per il libro, che aveva già attirato l’attenzione dei media nazionali negli Stati Uniti.

Il New York Times ha definito il libro “un potente argomento contro la disperazione e l’impotenza”, mentre il giornalista climatico David Wallace-Wells, meglio conosciuto per il suo libro The Uninhabitable Planet, lo definisce “una dichiarazione provocatoria di un pioniere della teoria del clima”.

L’editore di libri americano Andreas Malm Verso è soddisfatto dell’interesse.

Che i repubblicani abbiano scritto il libro per l’interesse dell’FBI e della Fox News è grandioso, perché significa che il libro è diventato parte del dibattito nazionale. Il tentativo di Fox News di liquidare Malm come pazzo dimostra che lo vedono come una vera minaccia. È un enorme successo per noi, afferma Jesse Kendig, editore di Malm presso Verso.

READ  Nella foto: Cupola di ferro della difesa aerea israeliana

Jesse Kendig, redattore di Malm presso Verso.

Foto: Martin Pride

Anche prima che il libro fosse pubblicato Negli Stati Uniti è stata elogiata da Gia Tolentino, influente giornalista del The New Yorker. Poco dopo, il caporedattore del giornale David Remnick ha rilasciato un’intervista più lunga a Malm. Nell’intervista, Remnick ha avvertito che il libro potrebbe provocare reazioni rabbiose da parte dei media conservatori. In effetti, non ci è voluto più di un giorno prima che Fox News pubblicasse un servizio sull’argomento, attaccando il New Yorker per “amplificazione del terrorismo ambientale”.

Jacob Stevens, direttore della Verso Publishing a Malmö, difende gli argomenti del libro.

Malm non sostiene alcun atto specifico di violenza. Al contrario, espone una serie di considerazioni strategiche e tattiche e, a mio parere, fornisce ottimi consigli su quale tipo di tattica potrebbe funzionare meglio per gli attivisti del clima. È molto chiaro che non approva specifici atti di violenza o violenza contro le persone. Se c’è qualcosa di legalmente poco chiaro, lo scopriremo mentre lavoriamo al libro, ha detto Stevens a DN.

Lo ricevono dall’editore Ampio ufficio a Brooklyn, con vista sul ponte di Brooklyn e sullo skyline di Manhattan. Verso è attivo dal 1970, ma negli anni 2000 è diventato il principale editore di sinistra negli Stati Uniti. I libri sono solitamente venduti in edizioni relativamente piccole e raggiungono principalmente attivisti e accademici, ma il libro di Malm sembra aver avuto un impatto più ampio. Le prime due edizioni, che contavano poco più di diecimila copie, furono vendute, secondo Verso.

-Nonostante le obiezioni di molti critici, hanno preso sul serio le argomentazioni di Malm ed è stato fantastico vedere il libro svolgersi in una conversazione mainstream. Jesse Kindig afferma che il libro è riuscito ad aprire la finestra sul politicamente possibile.

Tuttavia, il fatto che il libro sembri sollecitare gli attivisti del clima a utilizzare il vandalismo e il vandalismo come metodi ha attirato critiche non solo dalla destra americana, ma anche dai democratici progressisti e dagli attivisti per il clima negli Stati Uniti.

Nel New York Times scrive La conseguenza immediata del sabotaggio delle infrastrutture delle compagnie di combustibili fossili, afferma lo scrittore Ezra Klein, potrebbe essere il forte aumento dei prezzi del petrolio e del gas naturale. Influirà principalmente sui redditi più bassi, il che dovrebbe ostacolare i tentativi di espandere il movimento per il clima, secondo Klein.

L’autore e giornalista climatico Lee Phillips, che ha anche pubblicato libri su Verso, descrive la lettera di Malm come “autoritaria e antidemocratica”.

A meno che gli attivisti per il clima non confrontino le proteste nel Sudafrica dell’apartheid e le donne che hanno combattuto per il diritto di voto. Ma la differenza essenziale è che non avevano un modo democratico di esprimersi. Non potevano votare. Se non hai la possibilità di votare o cambiare le cose democraticamente, la violenza e il vandalismo sono giustificati. Ma gli Stati Uniti, nonostante tutti i loro difetti, sono una democrazia. Se vuoi cambiare le tue opinioni sulla crisi climatica, dovresti farlo usando metodi democratici. Deve essere fatto attraverso un lavoro lungo e duro e per niente come un lavoro entusiasmante per impressionare le persone, non facendo saltare in aria le cose, dice Phillips a DN.

Non solo pensa È fondamentalmente sbagliato sostenere la violenza e la sovversione in una democrazia, ma è anche una stupida strategia politica.

Se lavori alla Exxon o alla Shell e vuoi lanciare la migliore strategia possibile per screditare l’intero movimento per il clima? Allora difenderò i metodi di Malm. Phillips dice che sarebbe un sogno per le compagnie petrolifere se gli attivisti iniziassero a sabotare le infrastrutture, perché l’opinione pubblica si rivolgerebbe rapidamente contro di loro.

In Verso, Jessie Kindig mostra la copertina americana del libro, con una citazione dal libro posta sul retro: “La proprietà distruggerà la Terra” e le proprietà distruggeranno la Terra.

L’obiettivo è quello di chiedere ciò che potrebbe essere chiamato violenza. Questa violenza si chiama bombardamento di un oleodotto, ma non è anche un atto di violenza costruire un oleodotto, quando sappiamo chiaramente quali saranno le conseguenze? Fondamentalmente, si tratta di cambiare le stesse parole che usiamo nel dibattito e mettere in discussione l’idea che la proprietà sia più preziosa delle persone, afferma Jesse Kendig.

Per saperne di più: Andreas Malm sulla polemica intorno al suo libro: “Totally Predictable”