TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Angelica Bengtsson ha avuto una carriera più lunga della maggior parte

Dopo la finale olimpica di Tokyo, devo aver capito che la sua vita era finita per Angelica Pengson.

Poi gli occhi erano vuoti di lacrime.

La gioia improvvisamente scomparve completamente.

Vederla a Tokyo è l’esatto contrario dell’Angelica che abbiamo incontrato nella zona mista ai Mondiali di Doha due anni fa.

Dopo le finali più drammatiche della Coppa del Mondo.

Ha rotto l’asta di 4,80 e si è schiantata nella fossa, la prima domanda è se la sua vita fosse già finita.

Era così violento.

Ma Angelica si è alzata e ha dovuto saltare in cima, aspettando per l’eternità un filo di scorta e viaggiando sopra il nuovo record svedese di 4,80 nella quarta scheda.

Angelica Pengson alle Olimpiadi di Tokyo 2021.

Mondo Duplandis si è seduto in tribuna e ha esultato, dicendo che era il peggiore che avesse mai visto, e tutto il mondo dell’atletica ha applaudito la Svezia, per aver avuto il coraggio e il meglio quando è arrivato.

Ma questa sarebbe la più grande speranza della sua carriera.

Dopo di che, non era solo felice.

Era eccitata. Non voglio smettere di parlare di quanto sia eccitante la vita sportiva.

Sebbene sia arrivato sesto in una fantastica finale di salto con l’asta, penso che questo sia il suo momento più importante come giocatore di volteggio.

Penso che lo pensi lei stessa.

Lì ha mostrato la sua grandezza, ed è stato il suo doppio oro JVM o un record che sarà ricordato a lungo oltre il quarto posto ai Mondiali 2013 di Mosca, che è diventato il suo più grande successo in termini di occupazione da senior.

READ  Premio per la fisica: ci sarà una tripletta per l'astronomia quest'anno?

È dubbio che sia già finita

Ma come tutti sanno, la vita sportiva è piena di alti e bassi, tra gioie e dolori, e nel caso di Angelica è sempre stata una compagna costante.

Quest’estate a Tokyo e quasi due anni dopo, l’Angelica completamente diversa che ho visto nella zona mista.

Prima di venire da noi nella zona mista e raccontarci il suo futuro frustrato e tetro, la donna di 28 anni si è consolata sentendosi un’eternità.

Non sono solo domande e risposte, è la visione delle lacrime che non vede il futuro. Non ho mai visto Angelica prima.

Quindi, già sospettavo che fosse finita.

Ha fatto la sua ultima partita e aveva già deciso.

Che la potenza che ha reso possibile il riavvio non è stata trovata.

Il capitano della nuova nazionale Gazza Bergwist ha pensato di poter trovare una soluzione e inseguirlo ancora per qualche anno.

Ma in quel caso accadono molte cose, non c’è soluzione.

Non è solo la stagione pesante.

Angelica ha visto il suo allenatore Peter Wyden lasciare un campo di addestramento quell’estate e non tornerà.

Quando Angelica ha ritrovato la sua casa sana e salva a Vauxhall dopo quasi eterni cambi di allenatore e un’altrettanto eterna vita errante, ho pensato che fosse il matrimonio perfetto.

Quindi la delusione a Tokyo non ha funzionato alla sua fine.

Era senza un allenatore e non riusciva a trovare qualcuno più nuovo di lui a Göteborg.

Non è pronta per una nuova pausa, una nuova mossa.

Ha scelto la scuola e la vita normale e attualmente studia fisica Linneo University In Växjö.

READ  Saluti italiani: "L'Europa è nostra"

Una formazione avanzata che richiede tempo e attenzione.

Risultato molto perfetto

Ecco perché Angelica se ne va a 28 anni e credo sia stata la decisione giusta.

L’uscita può sembrare giovane, ma da nuova 16enne, non è una donna che l’ha rotta quando la gioventù è diventata campionessa del mondo all’italiana Brixon.

È stato l’inizio di una stagione junior in cui ha battuto record in quasi tutte le competizioni, stabilendo un record mondiale junior nel mondo pieno zeppo e vincendo due ori JVM di fila.

Aveva già una carriera più lunga della maggior parte.

Ricorda che Carolina Clift ha smesso di combattere quando aveva già 24 anni, e poi si è fermata completamente a 29.

L’atletica è uno sport duro che si logora duramente sia fisicamente che mentalmente e ha una carriera più breve rispetto ad altri atleti.

Angelicas è stata insolitamente alta.

Dai primi anni in cui papà Glenn era un allenatore, fino ai momenti bui da anziano, l’ho seguita fino in fondo.

Non c’è da stupirsi che abbia preso questa decisione.

Ora inizia un nuovo viaggio e credo fermamente che l’asticella sia aumentata nella sua continuazione della vita.

Posso solo ringraziarti per aver permesso allo stopper di seguirti.

Pubblicato: