TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il grasso intorno al cuore secerne sostanze pericolose – aumenta il rischio di infarto

I ricercatori del Karolinska Institute, dell’Università di Oxford e dell’Università di Copenaghen hanno dimostrato che livelli più elevati di grassi, chiamati ceramidi nel sangue, possono essere collegati a un rischio dieci volte maggiore di morte per malattie cardiovascolari. Lo stesso studio mostra che il trattamento con liraglutide può tenere sotto controllo i livelli di ceramide, rispetto al placebo.

I risultati sono pubblicati nel Journal of the American College of Cardiology.

Circa il 16% della popolazione svedese è obesa, il che significa un BMI superiore a 30. L’obesità è uno dei maggiori fattori di rischio di morte per malattie cardiovascolari come infarto e ictus. L’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) stima che queste malattie siano legate ad almeno 17 milioni di decessi ogni anno.

“Capire perché l’obesità è associata a malattie cardiovascolari è importante e potrebbe aprire la porta allo sviluppo di un nuovo tipo di terapia”, afferma Craig Willock, assistente professore presso il Dipartimento di biochimica e biofisica medicinale presso il Karolinska Institute.

La secrezione di grassi intorno al cuore è ceramidi dannose

Il tessuto adiposo era tradizionalmente visto come una pura riserva di energia, ma negli ultimi anni ha dimostrato di essere un “laboratorio biochimico” che crea molecole di segnalazione che influenzano, tra le altre cose, i vasi sanguigni. Capire come le cellule adipose producono e rilasciano queste molecole offre l’opportunità di riprogrammarle anche, con l’obiettivo di prevenire le malattie cardiovascolari in futuro.

Utilizzando una metodologia di spettrometria di massa chiamata metabolismo, sviluppata nel laboratorio di Willock, i ricercatori sono stati in grado di misurare i livelli di diversi metaboliti (prodotti di degradazione nel corpo) che vengono escreti da due tipi di tessuto adiposo umano.

READ  Dietista: come ridurre lo zucchero

I grassi nel cuore delle persone obese secernono sostanze diverse dai grassi naturali sotto la pelle. Il tessuto adiposo nel cuore produce molto un tipo di grasso chiamato ceramidi, che appartiene alla famiglia dei lipidi degli sfingolipidi. In particolare, era formato da una variante denominata C16: 0 ceramide. Questo si basa sul cosiddetto acido palmitico, che è un grasso saturo composto da 16 atomi di carbonio. Le ceramidi costruiscono le membrane cellulari delle cellule del corpo ed è anche un importante materiale di segnalazione.

Lo stress ossidativo è iniziato

I ricercatori sono stati anche in grado di dimostrare che le ceramidi secrete dal tessuto adiposo danneggiano i vasi sanguigni umani innescando il cosiddetto stress ossidativo, che a lungo termine può portare a infarto e ictus.

Questi risultati confermano che il grasso non è solo un tessuto di accumulo di energia, ma è anche una fonte di molecole biologicamente attive che possono esercitare forti funzioni immunitarie. Ciò significa che tipo di grasso è importante, dice Craig Willock.

Rischio di morte dieci volte aumentato

Per comprendere il significato degli effetti cardiovascolari della ceramide, i ricercatori hanno studiato 633 pazienti con aterosclerosi, che sono stati seguiti per più di cinque anni. Risulta che livelli più elevati sia di ceramidi C16: 0 che della sua variante glicosilata potrebbero essere associati a un aumento di dieci volte del rischio di morte per malattie cardiovascolari. Ciò si applica indipendentemente da tutti gli altri fattori di rischio, come l’età o il peso. I risultati erano coerenti con studi precedenti di altri gruppi di ricerca.

I risultati indicano che può essere utile incorporare la misurazione di diversi tipi di sfingolipidi, sia nella forma originale che nelle varianti glicosilloidi, per ottenere misure migliori del rischio di morte per malattie cardiovascolari, afferma il coautore Antonio Chica, ricercatore presso il Karolinska Institute che ha sviluppato la piattaforma Sphingolipid ed eseguito analisi della ceramide.

READ  I ricercatori stanno esaminando la più grande minaccia per l'immunità di gregge nel prossimo futuro

I farmaci hanno tenuto sotto controllo i livelli di ceramide

I risultati hanno anche dato ai ricercatori motivo per indagare se gli alti livelli di ceramidi nel sangue potevano essere ridotti in modo efficace. Nell’ultima parte dello studio, 32 soggetti hanno seguito una dieta ipocalorica per otto settimane, dopodiché la metà ha ricevuto un trattamento placebo inefficace, e i restanti 16 hanno assunto liraglutide, l’analogo attualmente approvato GLP 1. Obesità e diabete di tipo 2.

Tutti hanno continuato la loro dieta ipocalorica per altre 44 settimane. Un anno dopo l’inizio dello studio, i livelli di ceramide sono aumentati in modo significativo nel gruppo di controllo, mentre erano stabili nel gruppo trattato con farmaci.

“La scoperta più importante è che forniamo ulteriori prove che un aumento del rischio di morte per malattie cardiovascolari può essere collegato a livelli elevati di ceramidi nel sangue, ma soprattutto, stiamo anche dimostrando che questo può essere trattato con i farmaci esistenti, “dice Craig. Willock.

– Riveliamo per la prima volta il ruolo della ceramide come messaggero che ha un effetto vasoattivo nell’obesità. Offre opportunità uniche sia per una migliore diagnosi che per il trattamento delle malattie cardiovascolari, afferma.

Materiale scientifico:

Le ceramidi secernenti lipidi regolano lo stato redox nei vasi sanguigni e influenzano gli esiti nei pazienti con malattie cardiovascolari.Giornale dell’American College of Cardiology

L’articolo è stato pubblicato per la prima volta sul sito web del Karolinska Institutet.