TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il giocatore di Coppa America Joseph Sullivan è doppiamente felice di aver finito il suo lavoro italiano

Nathan Cohen e Joseph Sullivan si godono l'oro olimpico, mentre le medaglie d'argento (a sinistra) Romano Battisti e Alessio Sardori.

Ezra Shah / Getty Images

Nathan Cohen e Joseph Sullivan si godono l’oro olimpico, mentre le medaglie d’argento (a sinistra) Romano Battisti e Alessio Sardori.

Lascia un pensiero a Romano Batisti. Burley è italiano non una, ma due volte ridotto a un kiwi di nome Joseph Sullivan nell’arena globale.

In una notevole sinergia sportiva, il grinder del Team New Zealand Sullivan ha completato una rara doppietta sul suo rivale sportivo italiano.

Se guardi al 2012, ricorderai che Sullivan ha collaborato con Nathan Cohen per vincere un’indimenticabile medaglia d’oro olimpica nel canottaggio doppi teschi ai Giochi di Londra.

Hanno completato gli incredibili 500 metri finali per andare per la medaglia d’oro dal profondo del campo. Per quanto questo abbia risuonato tra gli appassionati di sport Kiwi, il pubblico ha votato mercoledì sera agli Hulberg Awards come il momento sportivo della Nuova Zelanda.

leggi di più:
* Il momento magico di Grand Elliott ha segnato sei punti agli Hulberg Awards
* Hamish Bond ed Eric Murray hanno incoronato Decade Champions agli Halberg Awards
* Cup of America: la squadra inglese è pronta a difendere l’Alt Cup ad Auckland nel 2024.

Secondi nella giornata a Londra sono stati i due italiani Batisti e Alessio Sardori che hanno condotto comodamente a 500 metri dalla fine, ei frenetici Kiwi avrebbero dovuto pensare a una possibilità per l’oro fino a quando non hanno sorvolato gli ultimi 200 metri.

Avanti veloce di nove anni e, ovviamente, Sullivan è ora ben compreso come centrocampista del Team New Zealand, salendo a bordo come parte integrante della squadra che ha riportato il trofeo negli Stati Uniti nel 2017 dalle Bermuda.

READ  3 vere ricette italiane direttamente in dispensa

Dall’altra parte dell’equazione in “The Match”, che ha determinato il trofeo dell’America per il 2021, c’era Luna Rosa, con nientemeno che Batista incaricato di macinare.

Romano Battisti si è dovuto accontentare di Londra nel 2012 per l'argento e la Coppa USA 2021.

Ezra Shah / Getty Images

Romano Battisti si è dovuto accontentare di Londra nel 2012 per l’argento e la Coppa USA 2021.

Ancora una volta Batisti ha stabilito il ritmo, gli italiani sono passati al 3-2 sui kiwi e Sullivan ha concluso con una barca bagnata, completando una difesa memorabile con cinque vittorie consecutive sulla squadra NZ Lunna Rosa.

Ha detto Sullivan Soggetto Ha parlato con Batisti agli Hulberg Awards questa settimana, ed entrambi hanno ripreso la loro carriera sportiva.

“Abbiamo avuto alcuni contatti, siamo stati scoperti, abbiamo avuto alcune sfide tra di noi”, ha detto Sullivan. “Gli devo ancora la cena. È stato un uragano folle nelle ultime settimane e negli ultimi anni.

“Ma siamo in contatto. Sono rimasto un po ‘sorpreso quando ho visto l’elenco dei gruppi che non sapevo che facesse parte di Luna Rosa così tardi. Essere in grado di guidare su due codici diversi è un risultato incredibile e quante battaglie ha combattuto.

“Ha decisamente spinto fuori un paio di volte.”

Cohen non era sorpreso che il suo vecchio compagno di coppia abbia avuto un tale successo nel suo cambio di gioco.

“Sai tutto quello che fa con Oho, lo fa meglio”, ha detto Cohen Soggetto. “Molti non hanno mai vinto medaglie d’oro olimpiche e poi trofei negli Stati Uniti. È molto interessante vedere cosa ha fatto”.

Il grinder del Team New Zealand Joseph Sullivan è un vincitore, anche se un atleta.

Il grinder del Team New Zealand Joseph Sullivan è un vincitore, anche se un atleta.

Cohen ha anche menzionato la presenza del loro vecchio rivale di canottaggio nella linea di Luna Rosa, il che non è stato del tutto sorprendente.

“Tradizionalmente i rover sono diventati per lo più smerigliatrici. Sulla barca penso che fornisca un po ‘di muscoli. Anche se competiamo l’uno con l’altro, siamo tutti di supporto e usciamo tutti dall’acqua. È così divertente vedere una parte di quella vasta famiglia di rematori che fa cose speciali. “

Sullivan, da parte sua, vuole essere parte di un altro momento di incoronazione sulla grande barca nera.

“Come abbiamo fatto con Nathan (ai Campionati del mondo di canottaggio) nel 2010, difenderlo è stato incredibile e davanti al nostro pubblico di casa. È stato un privilegio ricevere quel supporto da tutti intorno a te e poi celebrare questo momento con tutti i Kiwi. “

Sullivan non ha chiuso con questo caso di Coppa America, lo conferma Soggetto Non ha idea di ritirarsi dalla routine.

“Voglio difenderlo di nuovo – non vuoi che finisca, vai avanti finché non puoi”, ha detto. “Ci metto tutto quello che posso. Sarei felice se entrassi in squadra. Altrimenti ci sarà sempre una buona squadra dietro”.

Per quanto riguarda il momento di successo del decennio, i due hanno potuto rinnovare ancora una volta il loro record londinese presso un’istituzione così sacra.

“Significa molto perché è stato scelto dal pubblico”, ha detto Sullivan. “Questo è solo un frammento di ciò che la Nuova Zelanda ha ottenuto negli ultimi 10 anni, ed essere rimossi da quella lista è un onore assoluto”.

Cohen ha aggiunto: “Pensavo che venire qui fosse una riunione di vecchie abitudini … ci sono stati dei momenti meravigliosi per far parte del gioco Kiwi e per essere votati nel miglior modo possibile dal pubblico e dai tuoi colleghi, il che è così meraviglioso. “