TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il fallimento dell’Europeo in Olanda – fuori dalla Repubblica Ceca

Le tribune del soleggiato Puskas Stadium di Budapest erano gremite e dominate dai tifosi olandesi quando sono iniziati gli ottavi di finale tra i favoriti e la Repubblica Ceca.

La Repubblica Ceca ha subito dimostrato di non avere intenzione di lasciarsi intimidire dall’attacco veloce dei Paesi Bassi e ha premuto molto forte all’inizio, più volte con conseguente sconfitta della metà ceca dopo aver perso la palla olandese.

Ma con i cechi che hanno rallentato un po’ nel caldo di 31 gradi, l’Olanda è entrata in partita e l’uomo innovativo Denzel Dumfries è sembrato vigile e minaccioso più e più volte. Ma le situazioni pericolose non si sono materializzate.

Al 38′, invece, sul punto di scioccare i favoriti, Antonin Barak, ceco, è stato completamente licenziato nella parte destra dell’area di rigore dopo una serie impressionante di gioco, ma il difensore della Juventus Matthijs de Ligt si è buttato in auto- immolazione e ha spinto la palla a lato.

Solo un minuto dopo, l’Olanda ha avuto la possibilità di passare in vantaggio quando Dumfries ha preso il comando, ma Tomasz Vaclic ha fatto una splendida parata.

Il punteggio era in parità al 45′ dopo 45′, ma un po’ di sofferenza per l’olandese ha reso il look il favorito per dominare la partita.

Ma due minuti fatidici della ripresa sono stati la finale decisiva, e determineranno il destino dell’Olanda nell’Europeo.

Al 52′ si è cancellato L’olandese Doniel Malin era completamente libero, ma da solo con il portiere ha cercato di fingere un goal scoperto. Tuttavia, Tomáš Vaclíks ha deciso di amare il suo lavoro e lo ha rimosso con un colpo alla testa infallibile.

READ  Il rischio di sviluppare una commozione cerebrale è doppio rispetto a quello delle ragazze nel calcio

Quando la partita è cambiata, il re dei bowlers ceco Patrik Schick stava per aprire una strada verso la porta quando la palla ha colpito la palla oltre l’abbattuto Matisse de Ligt. Ma Tal ha allontanato la palla con la mano davanti all’attaccante ceco. Dopo che il VAR è intervenuto nel match, de Ligt è stato espulso e la discesa olandese era troppo ripida.

La Repubblica Ceca ha dominato la partita e ha spinto per il gol della vittoria contro una debole difesa olandese. Dopo 67 minuti Stekelenburg avrebbe potuto segnare un altro gol al 67′, ma il suo tiro ha colpito il palo. Poi è arrivato il gol quando il centrocampista Tomasz Holech ha annuito 1-0 dopo una superba prestazione di Kallas.

Poi l’Olanda ha provato a pareggiare nonostante la sua debolezza numerica, ma i cechi sono stati coerenti e hanno difeso con successo.

La decisione finale è invece arrivata all’80’, quando Patrik Schick ha segnato una punizione che Holich ha giocato 1-0. La svolta ceca ha messo sul ghiaccio il gol del 2-0 e ha mandato la sua squadra in campionato, ma è anche arrivata seconda nel campionato di tiro con quattro gol.

Il risultato è stato un errore di valutazione per l’Olanda, che è stata colpita nella fase a gironi. Il paese ha vinto l’oro ai Campionati Europei nella storia e ora deve continuare ad aspettare la prossima occasione per ripetere il successo del 1988.

I gol che abbiamo ricevuto, le occasioni che non abbiamo sfruttato, è tutto nelle nostre teste. Dopo il cartellino rosso, è diventato più difficile per noi spingerli, e tutto è diventato più difficile, dice il capitano Georginio Wijnaldum alla UEFA.

READ  "Il Comitato Olimpico Internazionale può porre fine alla schiavitù sportiva in Bielorussia"

L’espulso Matisse de Ligt era dispiaciuto dopo la partita.

– Certo che non mi sento soddisfatto. Abbiamo praticamente perso la partita a causa di quello che ho fatto. Più tardi, ha detto alla UEFA, non avrei dovuto far rimbalzare la palla.

Nella prossima partita, la squadra affronterà la Danimarca nei quarti di finale dell’inaspettato Campionato Europeo.

Leggi di più:

Piano distrutto dall’alluvione: “Come due gol in mezzo al mare”

Forest Green Rovers – la squadra di calcio che combatte la crisi climatica

L’acclamazione italiana di Kulusevsky: “In realtà significano tutto”