TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il cervello si riprende male dopo le ferite alla testa

Niklas Marklund è Professore di Neurochirurgia presso l’Università di Lund e Chief Medical Officer presso lo Skene University Hospital. Sta cercando danni cerebrali.

Lesioni così gravi da richiedere una terapia intensiva purtroppo portano quasi sempre a problemi di memoria, dice.

La spiegazione è che, in caso di trauma cranico, il centro di immagazzinamento della memoria del cervello nell’ippocampo può essere influenzato da disturbi del flusso sanguigno e del metabolismo energetico. L’ippocampo è importante quando immagazziniamo la nostra memoria, ma è anche coinvolto quando ricordiamo i ricordi che abbiamo immagazzinato. E anche se il cervello può riorganizzarsi dopo un infortunio, questa capacità è limitata.

La personalità può essere influenzata

Il danno cerebrale può anche avere un grave impatto sulle nostre funzioni motorie e cognitive. Può anche influenzare la personalità.

Le persone di solito parlano di un cervello distaccato dopo un trauma. Sfortunatamente, dice Niklas Marklund, i nostri ricordi non guariscono molto bene.

Gravi lesioni alla testa e frequenti commozioni cerebrali aumentano il rischio di demenza e sembrano precipitare il morbo di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

C’è una proteina della demenza chiamata tau che è molto importante nelle lesioni alla testa. Abbiamo esaminato giovani atleti che hanno avuto problemi di memoria dopo un trauma e hanno visto che hanno una maggiore scorta di corde.

Più demenza tra gli atleti d’élite

Le corde si trovano solitamente negli assoni delle nostre fibre nervose e in caso di lesione possono iniziare ad aggregarsi. Niklas Marklund parla di un noto studio condotto in Scozia su 7.600 atleti professionisti:

Il gruppo soffriva più di demenza rispetto al resto della popolazione. D’altra parte, avevano un tasso più basso di malattie cardiovascolari. I benefici per la salute superano l’esercizio, ma dovrebbero essere evitati colpi ripetuti alla testa. Quindi usa un casco quando vai in bicicletta e scia, dice Niklas Marklund

READ  La vaccinazione antinfluenzale riduce il rischio di morte dopo un infarto

Testo: Tov Smedes

Questo articolo è stato pubblicato per la prima volta su Vetenskap & Hälsa.