TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il capitano italiano è stato arrestato nel parcheggio mentre consegnava informazioni riservate alla Russia

Proprio martedì, il 54enne capitano Walter Boyd ha organizzato un incontro con un collegamento militare russo in un parcheggio alla periferia di Roma. Il coordinatore militare ha precedentemente donato quattro telefoni cellulari a Biot, che può fotografare documenti sul suo posto di lavoro, e lavora nell’ufficio del capo della difesa per creare problemi di sicurezza nazionale.

Secondo l’avvocato, il biot dev’essere Ha scaricato le immagini su una chiavetta USB che ha consegnato quando i servizi segreti italiani hanno attaccato gli uomini.

La memoria USB contiene 181 documenti segreti fotografici e 47 documenti relativi all’alleanza per la sicurezza della NATO. Per questo, al biot è stato assegnato l’equivalente di circa 50.000 corone svedesi, scrive BBC.

Il 54enne ha detto tramite il suo avvocato di aver accettato di spiare la sua famiglia perché era indebitato e non poteva più pagare.

– Mi sbagliavo, ma non ho mai esposto l’Italia a nessun pericolo, secondo l’avvocato citato da Biot Courier della sera.

Capitano ora accusato di spionaggio Reclusione da almeno 15 anni.

Parlando ai media italiani, sua moglie ha detto che la famiglia aveva quattro figli e quattro cani e che l’epidemia di corona aveva causato loro problemi finanziari. Uno dei bambini è gravemente malato e necessita di cure specialistiche.

– Mio marito era molto ansioso e non voleva fare del male all’Italia. Non è stupido o irresponsabile, dice.

Biot dice che non ci sono motivi politici o ideologici dietro lo spionaggio. A differenza dell’avvocato, dice che non ci sono informazioni importanti nei documenti. Giovedì, durante le udienze in tribunale, il 54enne ha rifiutato di rispondere a qualsiasi domanda.

READ  Semaforo verde per gli spettatori del Campionato Europeo a Roma

L’Italia ha deciso lunedì L’intelligence passata a Hussein ha fornito informazioni che hanno portato alla cacciata di due diplomatici russi e del ministro degli Esteri Luigi de Mayo. Il ministero degli Esteri russo si rammarica della deportazione, ma non minaccia di rispondere con l’espulsione Reuters.

Entrambi gli ambasciatori hanno lasciato l’Italia.