TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

“Il calcio in Egitto riguarda la vita o la morte”.

– Ho giocato e mi sono allenato lì.

Ramy Shaaban indica un videoclip in una passerella al Museo del Mediterraneo. Trasmette una trasmissione televisiva dal Port Said Stadium, quartier generale del club Al-Masry, in cui gioca l’attaccante egiziano.

L’arena si inserisce in un contesto tragico. Quasi dieci anni fa, il 1 febbraio 2012, Al-Masry ha incontrato il suo acerrimo nemico Al-Ahly dal Cairo. La squadra ospitante della città costiera di Port Said ha sconfitto 3-1 il Canale di Suez.

Dopo il fischio finale, i tifosi egiziani hanno attaccato i tifosi del Cairo. La polizia e le guardie di sicurezza sono rimaste passive mentre la violenza si trasformava in una carneficina. 74 persone sono state uccise e più di 500 ferite.Molti attivisti hanno considerato il massacro parziale e una rappresaglia per il coinvolgimento dei sostenitori di Al-Ahly nella rivoluzione del 2011.

74 persone sono state uccise e più di 500 ferite quando i fan di Al-Masry hanno attaccato i sostenitori di Al-Ahly circa dieci anni fa.

Foto: Niklas Thigerstrom

Tragedia allo stadio di Port Said È stato l’inizio della fine per una cultura solidale e violenta emersa in Egitto a partire dal 2007, insieme alla rivolta popolare nota come Primavera araba che è fiorita nel 2011.

Questo è il tempo che descrive la mostra “Ultra”, con oggetti non solo dall’Egitto ma anche da Algeria, Marocco, Turchia, Tunisia e Israele/Palestina.

L’esperienza di Ramy Shaaban di Al-Masry risale alla metà degli anni ’90 quando aveva solo 20 anni.

– È stata una coincidenza che sono entrato nel calcio in Egitto, dice.

– Il nuovo marito di mia nonna, “il mio pretendente nonno”, era il capo della squadra di Zamalek, che è la grande squadra del Cairo insieme ad Al-Ahly. Ho avuto l’opportunità di giocare con la squadra dello Zamalek U-21, e ho anche partecipato ad alcune partite con la prima squadra. Ma c’era una concorrenza spietata da parte del portiere. C’erano due portieri della nazionale al club, oltre a un altro giocatore che è stato molto bravo, dice Ramy Shaaban e continua:

– Al-Masry mi voleva, e sono andato a Port Said e ho fatto un’audizione per un’esibizione. Ma ho fatto marcia indietro. C’era anche una ragione sociale per essere in Egitto, per vivere e passare del tempo con dei parenti al Cairo oltre a mio padre. L’ho perso a Port Said.

Ramy Shaaban ricorda con gioia il forte impegno dei tifosi del suo club egiziano ma è rattristato dalla micidiale violenza.

Ramy Shaaban ricorda con gioia il forte impegno dei tifosi del suo club egiziano ma è rattristato dalla micidiale violenza.

Foto: Niklas Thigerstrom

L’avventura calcistica di Ramy Shaaban In Egitto è stato pochissimo: dopo un anno e mezzo è tornato in Svezia dove è passato al Nacka FF, da lì al Djurgården e infine all’Arsenal.

Ma i ricordi e le esperienze dall’Egitto rimangono. Se ne accorge quando il grande portiere 46enne si aggira tra gli oggetti esposti: magliette, bandiere, spezzoni di giornali, foto, cori registrati, non ultima una sala multimediale dove i visitatori si sentono in piedi sugli spalti, in mezzo. dal pubblico.

L’impegno dei tifosi dello Zamalek è stato enorme. Gli spettatori sono stati oltre 6000 negli allenamenti e 60.000 nelle partite. È stato divertente tornare in Svezia e dire ai tuoi amici: “Non puoi credere che mossa sia questa per il calcio in Egitto”.

Ma la gioia e l’orgoglio di Ramy Shaaban per i fan egiziani entusiasti lo hanno sostituito con la tristezza per le sanguinose rivolte di Port Said nel 2012.

Dopodiché, il campionato si fermò per un po’, poi riprese con gli stand vuoti. Tre anni dopo la tragedia di Port Said, si tentò di normalizzare il flusso di spettatori.

Helena Haglund, giornalista e ricercatrice sui media, ha raccolto pezzi per la parte egiziana della mostra.

Helena Haglund, giornalista e ricercatrice sui media, ha raccolto pezzi per la parte egiziana della mostra.

Foto: Niklas Thigerstrom

8 febbraio 2015 Zamalek, vecchio club di Ramy Shaaban, l’Enppi affronterà un’altra squadra al Cairo. I tifosi senza biglietto hanno cercato di intrufolarsi nello stadio. Ci sono stati litigi che sono peggiorati. Almeno 22 persone sono morte, molte delle quali calpestate a morte durante i disordini o soffocate dai gas lacrimogeni. Da allora, le partite di campionato di calcio sono state giocate con un numero limitato di spettatori.

– Dopo il massacro di Port Said, gli Ultras del Cairo si unirono ai loro ranghi e indirizzarono insieme la loro rabbia contro il Consiglio Militare che governava l’Egitto in quel momento. In generale, i sostenitori erano attivi nella rivoluzione durante la primavera araba.

È quanto afferma Helena Haglund, giornalista e ricercatrice sui media che da diversi anni ha come base il Cairo. In collaborazione con l’antropologo Karl Rommel, ha condotto ricerche e acquisito oggetti per la parte egiziana della mostra.

– Ma poi è arrivata la battuta d’arresto. Oggi gli Ultras sono classificati come terroristi in Egitto. Questo tipo di cultura dei tifosi non esiste più nel calcio egiziano, afferma Helena Heglund.

La storia di Ultra in Egitto negli anni 2000 segue l’evoluzione del Paese stesso: dalla rivoluzione e dal sogno di libertà alla repressione di oggi.

foto 1 da 2
“La storia dell’Ultra in Egitto negli anni 2000 segue l’evoluzione del paese stesso: dalla rivoluzione e dal sogno di libertà all’attuale oppressione”, afferma Helena Haglund.

Foto: Niklas Thigerstrom

foto 2 da 2
Ramy Shaaban afferma che l’impegno dei fan non può essere paragonato a quello dei tifosi svedesi.

Foto: Niklas Thigerstrom


Ramy Shaaban Nikar consenso. Si reca in Egitto più volte all’anno e acquista una casa nella località balneare di Sharm el-Sheikh. Di recente ha avviato un’attività di importazione di frutta e verdura dall’Egitto. Ma non chiude gli occhi ai problemi dell’altra sua patria.

Rami Shaaban portiere di due dei club più favorevoli all’Allsvenskan: Djurgården e Hammarby. Quando ho chiesto a Ramy di bilanciare l’interesse della Svezia per il calcio e l’Egitto, ha risposto senza esitazione:

– Non può essere paragonato. Il calcio in Egitto è una questione di vita o di morte. La squadra diventa come la religione.

READ  Ora si apre la finestra di trasferimento - ecco i nomi più importanti