TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Il basso reddito aumenta il rischio di frequenti attacchi di cuore |

Il medico Joel Ohm descrive nella sua tesi come i fattori sociali ed economici abbiano un’influenza significativa sugli interventi preventivi secondari e sulla prognosi. I risultati possono essere importanti per le persone che sono sopravvissute a un infarto.

Qual è l’argomento della tua tesi?

Conoscere i diversi fattori di rischio per un primo attacco di cuore è buono, ma è necessaria una maggiore conoscenza dei fattori di rischio importanti all’interno del gruppo di sopravvissuti all’infarto. Fatta eccezione per la farmacoterapia, varie misure preventive secondarie, cioè misure di cura per prevenire ulteriori eventi cardiovascolari, hanno una bassa compliance e generalmente scarsi risultati. Il mio primo studio ha suggerito un legame tra lo stato socioeconomico e il rischio di nuovi eventi cardiovascolari e ha sollevato una serie di domande di follow-up sia da me che da altri.

Come sono stati condotti gli studi?

I risultati della tesi si basano su un campione del National Quality Registry for Cardiac Care e comprendono circa 30.000 uomini e donne che hanno avuto infarto miocardico acuto tra il 2005 e il 2013, e che hanno partecipato a visite di ritorno di routine negli ospedali durante il primo anno successivo. l’evento. I dati clinici dei partecipanti sono stati collegati ad altri registri governativi sugli indicatori dello stato socioeconomico, sul trattamento dell’abuso di sostanze e sui dati su nuovo infarto miocardico, ictus o morte durante un periodo di follow-up fino a dodici anni.

Quali sono le tue scoperte?

Nel primo studio, abbiamo raggiunto la scoperta principale che ci sono forti associazioni tra fattori socioeconomici e il rischio di un nuovo evento cardiovascolare. Qui ci siamo anche chiesti se l’istruzione, lo stato civile o il reddito disponibile fosse il miglior predittore dello stato socioeconomico dopo un infarto. È una questione complessa per molti versi, ma l’associazione era più forte in termini di livello di reddito.

READ  5 motivi per cui non sei affamato di...

La prevenzione primaria e secondaria hanno sfide simili quando si tratta di prevenire l’aterosclerosi e l’aterosclerosi. Nel secondo studio, abbiamo esaminato i livelli di lipidi nel sangue e il rischio di un nuovo evento cardiovascolare. LDL, a volte chiamato colesterolo cattivo ed è un fattore di rischio ben consolidato, si è rivelato avere l’associazione più debole ed è stato intrigante e inaspettato. La nostra spiegazione per l’associazione debole è stata che tutti i pazienti hanno ricevuto, in linea di principio, la terapia con statine dopo un infarto in Svezia, e questo potrebbe spiegare il valore prognostico inferiore dei livelli lipidici raggiunti per un nuovo evento cardiovascolare.

Nel terzo studio, abbiamo approfondito le possibili spiegazioni per i principali risultati del primo studio. Avevamo molti dati su ciò che accade al gruppo sottoposto a interventi di prevenzione secondaria durante il primo anno dopo un infarto. Qui abbiamo visto differenze nel modo in cui vengono monitorati i diversi gruppi socioeconomici, ad esempio in termini di aumento della dose di statine e, in particolare, in termini di percentuale di coloro che hanno partecipato a programmi di riabilitazione cardiaca mirati ai cambiamenti dello stile di vita.

Nel complesso, è sembrato buono nell’intero campione per quanto riguarda il trattamento farmacologico, ma il gruppo a basso reddito ha ricevuto meno statine e inibitori RAS rispetto a quelli con redditi più alti. Anche gli obiettivi di trattamento per la prevenzione secondaria fissati dalle linee guida internazionali erano generalmente peggiori per il gruppo a basso reddito.

Come possono essere utilizzati i risultati della ricerca?

Sono necessarie maggiori conoscenze nell’area della prevenzione secondaria, poiché dobbiamo migliorare nell’identificare coloro che sono maggiormente a rischio di sviluppare nuove malattie cardiovascolari in modo da poter offrire loro un trattamento più intensivo. È necessaria una maggiore conoscenza dei diversi indicatori di rischio, poiché l’LDL potrebbe non essere così importante come si pensava in precedenza, ma i fattori socioeconomici sono importanti. Nel quinto lavoro, identifichiamo meccanismi esplicativi concreti per un aumento del rischio nel gruppo a basso reddito. In generale, la partecipazione alla riabilitazione cardiaca, che migliora significativamente la prognosi dopo un infarto, necessita di miglioramenti, soprattutto tra i gruppi con bassa socioeconomica. Può migliorare l’equità socioeconomica e la prognosi generale dopo un infarto.

READ  Il contagio dilaga in Africa: 'C'è il rischio di nuove varianti'

tesi:

Stato socioeconomico e infarto miocardico: impatto su prevenzione secondaria e prognosi.

Contatto:

Joel Ohm, medico e dottorando presso il Dipartimento di Medicina, Solna, Karolinska Institutet, [email protected]