TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I tassi di mortalità sono alti in Ungheria, nonostante molte vaccinazioni

Questo è un quadro contraddittorio presentato dall’Ungheria leggendo le ultime informazioni dell’Agenzia europea per le telecomunicazioni sulla situazione della pandemia. Il tasso di vaccinazione è alto. I migliori nell’Unione Europea. In Ungheria lo ha fatto Più del 60 percento Hanno ricevuto una prima dose rispetto al 43,6 per cento in Svezia, che è la media nell’Unione europea.

L’Ungheria è stata in prima linea nella corsa alla vaccinazione in Europa da quando la consegna del prodotto desiderato è iniziata lo scorso inverno. Il fatto che l’Autorità per i medicinali del paese abbia approvato il vaccino russo, Sputnik e Sinopharm cinese, contribuisce all’alto tasso di vaccinazione.

Nel frattempo, secondo l’ECDC, l’Ungheria ha il secondo più alto tasso di mortalità per covid-19. Solo la Croazia è in una posizione peggiore al momento. Le ultime due settimane Il tasso di mortalità è di 88,7 per milione Popolazione dell’Ungheria.

Dall’inizio dell’epidemia, quasi 30.000 persone sono morte a causa di COVID-19 nel paese, che ha una popolazione di 9,7 milioni.

Chinese Sinopharm viene consegnato al centro sanitario in Ungheria.

Foto: New China / Ciba / Shutterstock

Il virus continua a sfuggire Il ricercatore e l’Ungheria sono stati gravemente colpiti dalla terza ondata della pandemia Corona, secondo il virologo e professore emerito Erno Duda della Sejed University.

“Non sappiamo esattamente cosa abbia causato gli alti tassi di mortalità in Lombardia la scorsa primavera. Anche la vera ragione dietro gli alti tassi di mortalità in Ungheria (o Repubblica Ceca) a marzo e aprile è sconosciuta”, ha scritto in una e-mail a DN .

Ma offre una serie di teorie:

La variante britannica più contagiosa ha dominato l’Ungheria per alcuni mesi e ha preso piede quando solo il 10 per cento della popolazione è stato vaccinato. Inoltre, la popolazione del paese è a rischio. Molte persone anziane soffrono di sovrappeso, diabete, ipertensione, malattie cardiovascolari e altro ancora.

“Tutti questi fattori riducono le possibilità di sopravvivenza se si viene infettati. Inoltre, il personale sanitario è esausto dopo aver combattuto la malattia per un anno”, ha scritto Erno Duda.

Erno Duda, virologo e professore emerito all'Università di Sjed nel sud dell'Ungheria.

Erno Duda, virologo e professore emerito all’Università di Sjed nel sud dell’Ungheria.

Foto: Luca Szabo

La comunità ha iniziato ad aprirsi molto presto quando è iniziata la vaccinazione?

“Sì, probabilmente. Tutti sono stanchi di paradenti, restrizioni e quarantene. Era primavera e sembrava essere la fine della miseria. I media hanno indicato che era ora di guardare l’apertura. Non l’ho fatto.”

I vaccini cinesi e russi utilizzati dall’Ungheria sono meno efficaci di quelli approvati dall’Agenzia europea per i medicinali?

I due vaccini rappresentano due diverse età in fase di sviluppo. Sputnik V è un moderno vaccino vettoriale, essenzialmente identico a Janssens (J&J). Synopharm simboleggia un vecchio modello “, scrive il professor Duda.

Sinopharm confronta le vaccinazioni contro l’influenza stagionale, ma questo non funziona bene negli anziani.

“In Ungheria, ha più di 60 anni e una grande percentuale di loro non ha sviluppato anticorpi”.

La questione dei decessi e delle vaccinazioni viene discussa nella società ungherese? In questi casi, come si svolge la discussione?

“L’Ungheria è divisa politicamente. Molto divisa. I media filogovernativi hanno riferito che i vaccini cinesi e Sputnik sono migliori di Pfizer e altri vaccini occidentali”.

Erno Duda scrive che Pfizer è l’azienda più famosa e affidabile tra la popolazione. In questo contesto, osserva che due ricercatori ungheresi (Catalin Cariko e Norbert Bardi) sono stati coinvolti nello sviluppo del Metodo MRNA Su cui si basano i vaccini Pfizer / Biontech e Moderna. Entrambi sono attualmente attivi negli Stati Uniti.

immagine 1 Di 2
Lo Sputnik russo è stato approvato in Ungheria. L’Agenzia europea per i medicinali (EMA) sta ancora esaminando il vaccino per conto del resto dell’Unione europea.

Foto: Andre M. Chang

immagine 2 Di 2

Foto: Zoltan Balog


DN richiesto per l’Ungheria L’Agenzia svedese per la sanità pubblica ha pareggiato per l’intervista. Ma la risposta arriva dall’Amministrazione statale delle comunicazioni per i media internazionali.

Nell’e-mail, il dipartimento ha scritto che tutti i paesi registrano i decessi nel covid-19 in modi diversi. Alcuni paesi registrano solo coloro che muoiono direttamente a causa del covid-19. Altri, come l’Ungheria, registrano ogni persona che muore e viene infettata dal virus COVID-19, sebbene la causa diretta della morte sia diversa.

“Abbiamo rotto la terza ondata di epidemia e l’abbiamo combattuta in modo efficace”, ha scritto il Dipartimento delle comunicazioni, aggiungendo: “L’Ungheria è più protetta e più sicura del resto d’Europa”.

Per saperne di più: Paesi dell’Unione Europea con il più alto numero di vittime al momento

Per saperne di più: il vaccino Pfizer è approvato per i bambini di età compresa tra 12 e 15 anni

Per saperne di più: Epidemiologo: la Svezia deve aspettare che i bambini vengano vaccinati

READ  Lascia che i centri sanitari indaghino sull'ADHD e l'autismo