TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I sottomarini nucleari australiani scatenano la rabbia di cinesi e francesi

L’accordo non menziona la Cina per nome. Non è necessario. Il nuovo accordo di sicurezza, Aukus, offerto dagli Stati Uniti con il Regno Unito e l’Australia, rappresenta un nuovo passo per contrastare lo sviluppo cinese nel Mar Cinese Meridionale.

Quando l’Australia avrà ora accesso alla tecnologia statunitense, precedentemente condivisa con il Regno Unito, il paese avrà una moderna flotta sottomarina, che sarà alimentata dall’energia nucleare. Tuttavia, i sottomarini non saranno dotati di armi nucleari.

Sia Pechino che Parigi hanno sempre commentato con parole rabbiose.

In Cina, si chiama una “mentalità da guerra fredda” obsoleta. L’Australia ha avvertito che la Cina ora vede il Paese come un nemico. Il nazionalista Global Times ha scritto che il mondo deve prepararsi per una corsa agli armamenti per i sottomarini a propulsione nucleare e che i soldati australiani possono aspettarsi “prima la morte” nei contrattacchi cinesi.

Raramente menzionato nei giornali cinesi è il lavoro della Cina 24 ore su 24 per costruire isole artificiali attorno alle barriere coralline nel Mar Cinese Meridionale. È iniziato in un momento in cui Barack Obama era alla fine della sua presidenza. La Cina ha progettato piste che possono essere utilizzate dall’aeronautica. Sono stati installati sistemi di difesa missilistica. Nessuno nel mondo esterno poteva farci niente.

Nel 2016, un tribunale delle Nazioni Unite ha annullato la richiesta della Cina di quasi il 90% del Mar Cinese Meridionale. D’altra parte, la Cina ha completamente ignorato le richieste del mondo esterno di conformarsi alla sentenza.

Quando Donald Trump si è trasferito alla Casa Bianca, inizialmente ha criticato la Cina per la sua espansione in mare. Le critiche di Trump alla regione sono poi svanite, quando si è reso conto di aver bisogno dell’aiuto della Cina per isolare la Corea del Nord, prima di avere due incontri con il dittatore nordcoreano.

READ  In Germania sale il numero delle vittime: soccorsi subacquei morti

Quando viene introdotto il nuovo accordo con l’Australia sui sottomarini, è uno sviluppo che va avanti da diversi anni.

Una pugnalata alla schiena. Così il ministro degli Esteri francese Jean-Yves Le Drian ha descritto la sgradita notizia.

Cinque anni fa, la Francia ha firmato un accordo sui sottomarini con l’Australia, descritto dai media francesi come il decennio del secolo. Il contratto, che valeva più di 500 miliardi di corone svedesi, è stato rescisso.

In risposta alla notizia, i diplomatici francesi hanno tenuto una festa a Washington per celebrare le relazioni tra Francia e Stati Uniti.

I problemi sono iniziati anche prima che il contratto fosse scritto nel 2016, ma dopo l’annuncio dell’accordo.

Poi la compagnia francese di munizioni DCNS ha ammesso di essere stata hackerata e che erano trapelati 22.000 documenti relativi alle prestazioni di uno dei sottomarini della compagnia. Politico scrive. Si ritiene che le informazioni trapelate e il prezzo elevato siano i motivi per cui l’Australia ha voluto recedere dal contratto.

Un’altra ragione è che il mondo è cambiato in cinque anni.

Gli shock politici della Brexit in Gran Bretagna e l’elezione di Trump a presidente degli Stati Uniti hanno portato al mondo di oggi, dove ora c’è un consenso tra Stati Uniti, Gran Bretagna e Australia sulla necessità di combattere il potere della Cina. Tom McTag ha scritto sulla rivista americana The Atlantic.

Quando la guerra in Afghanistan finirà, lo spostamento verso la Cina e le vecchie alleanze anglo-americane avrà la precedenza sull’Unione europea.

In questo contesto, i tempi di consegna per i sottomarini francesi possono essere visti come uno svantaggio. Non saranno consegnati prima del 2035, e ora si ritiene che l’Australia debba sostituire i suoi sottomarini obsoleti molto prima di allora.

READ  Guterres: Profondamente preoccupato per l'attacco a Gaza

Per saperne di più:

Michael Winarsky: la Cina comincia a essere vista come una potenziale minaccia alla sicurezza anche in Europa

Il ministro degli esteri filippino perde la pazienza con le navi cinesi