TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I ricercatori stanno esaminando la più grande minaccia per l’immunità di gregge nel prossimo futuro

La Svezia ha bisogno di un’indagine Copertura vaccinale del 60 per cento della popolazione adulta Per limitare per sempre la diffusione dell’infezione, secondo diversi esperti con cui ha parlato DN. Gli esperti stimano che quando i tre quinti della popolazione vengono vaccinati, è improbabile una nuova ondata di infezioni.

In Svezia, c’è ancora molta strada da fare prima di ottenere una copertura vaccinale del 60%, e prima ancora la Svezia è esposta a una potenziale nuova variante del virus, afferma Joakim Dillner, professore di epidemiologia delle infezioni presso il Karolinska Institutet.

Il virus che esplode è mutato L’effetto della vaccinazione è il più grande ostacolo per la Svezia al raggiungimento di uno stadio endemico – in cui il tasso di riproduzione non supera 1 e in cui la diffusione dell’infezione si verifica solo in alcune sacche della popolazione – nel prossimo futuro, ha affermato.

Ora è il più pericoloso perché abbiamo ancora parecchie nuove infezioni e ce ne sono molte che non sono state vaccinate. Se una nuova specie appare ora in Svezia, si diffonderà molto più velocemente di quella vecchia, dice Joachim Dillner.

Joachim Dillner è professore di epidemiologia delle malattie infettive presso il Karolinska Institute.

Foto: Ulf Sirborn

Joachim Dillner spiega che una nuova variante sorge quando c’è un cambiamento, una mutazione, nel genoma di un virus. Il fatto che il virus stia mutando è comune e non è stato dimostrato che le varianti mutanti causino sintomi più gravi. Tuttavia, può essere più contagioso, cioè QuintoQuesto sembra essere il caso, ad esempio, dell’alternativa sudafricana.

Questo è il motivo per cui speriamo che non ci siano mutazioni che potrebbero indurli ad aggirare la protezione del vaccino.

Il prossimo periodo, in cui la Svezia non avrà raggiunto una copertura vaccinale sufficientemente elevata ma in cui la prevalenza dell’infezione rimane a un livello elevato, è fondamentale. Se al momento si verifica un nuovo tipo di virus, potrebbe causare problemi. Questa è l’opinione di Ali Merazemi, assistente professore di virologia al Karolinska Institute che è anche un esperto di febbri emorragiche presso l’Agenzia svedese per la sanità pubblica.

C’era preoccupazione quando la variazione britannica divenne nota, ma divenne presto evidente che il vaccino funzionava perfettamente contro di essa. Da allora, sono emerse alcune nuove varianti virali in cui non sei sicuro che il vaccino funzioni o meno, quindi è sicuramente un rischio che potrebbe rappresentare, dice.

Ali Merazemi è professore assistente di virologia presso il Karolinska Institute.

Ali Merazemi è professore assistente di virologia presso il Karolinska Institute.

Foto: Henrik Montgomery / TT

Quando inizia la vaccinazione di massa In Svezia, è fondamentale che venga implementato a un ritmo rapido, afferma Ali Merazimi, perché altrimenti dà al virus le condizioni per sviluppare più varianti.

Non vogliamo un mezzo scenario perché apre la strada a nuovi cambiamenti e non li vogliamo oggi. Siamo felici di averli tra sei mesi. Perché allora possiamo creare diversi sistemi e prenderci cura di loro. Ma non ora che abbiamo una massiccia diffusione sociale, motivo per cui la vaccinazione deve avvenire rapidamente. Esiste il rischio di una nuova mutazione che potrebbe influenzare l’effetto della vaccinazione.

Paesi in cui esistono diversi tipi di virus Hanno trovato un denominatore comune, ovvero che a quel tempo avevano una prevalenza sociale molto elevata, afferma Ali Merazimi.

Inghilterra, Brasile e Sud Africa avevano tutti una grande portata sociale, e questi sono paesi con molte persone. Per questo ci lamentiamo che non basta vaccinarsi. Per ridurre i rischi, il mondo deve essere sicuro e il processo deve andare rapidamente, afferma.

Leggi di più:

Molti devono essere vaccinati per porre fine all’epidemia

FHM: basso rischio di infezione per i vaccinati

La Danimarca è l’ultimo in linea di paesi a riaprire

READ  Lo screening per la fibrillazione atriale può ridurre il rischio di ictus