TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I proprietari di motori devono pagare una multa di 100.000 SEK

L’Alta Corte svedese di trotto ha affinato la responsabilità e la sentenza della commissione disciplinare (città) contro l’allenatore di trotto Daniel Redén nel caso Propulsione.

Oltre a condannare Redin per responsabilità di addestramento rigoroso, deve anche pagare multe di 100.000 SEK. La Corte Suprema afferma inoltre che la spinta di un cavallo “sarà impedita per sempre di partecipare alla competizione”.

L’amministratore delegato svedese Maria Kron commenta la sentenza, inappellabile, a favore di TT.

– Abbiamo detto in primo luogo dopo la decisione che si trattava di una decisione equilibrata. L’allenatore ha quindi scelto di appellarsi contro questa decisione, che abbiamo impugnato. Quanto stabilito dalla Suprema Corte è in linea con la prima sentenza e infligge anche una sanzione pecuniaria. Nel complesso, è un sollievo che la questione sia stata risolta, ha affermato.

– E’ una sentenza di fondamentale importanza. Il jogging ha dimostrato di sostenere i principi secondo cui tutti dovrebbero competere su un piano di parità.

La propulsione vince la Elite Race 2020È guidato dall’autista Örjan Kihlström. Poi si è scoperto che il cavallo era nervoso, il che è contro le regole dell’antidoping. Tagliare i nervi fa sì che il cavallo non sia in grado di provare dolore. La procedura è vietata dalla concorrenza in Svezia e nel resto d’Europa, ma consentita negli Stati Uniti.

Secondo un documento veterinario negli Stati Uniti, Propulsion stava tagliando i nervi nel 2015, quattro mesi prima che Redén acquistasse il cavallo stellare.

Maria Crone crede che sarà importante garantire dove è consentito questo tipo di interferenza.

Dobbiamo stare molto attenti con i controlli dei precedenti per i cavalli provenienti da paesi con altre normative. Dice, penso che tutti abbiamo imparato qualcosa da questo.

READ  Sophia, 28 anni, era in buona salute, vicina alla morte a Corona
Maria Kron, CEO della compagnia di trotto svedese, ritiene che la decisione della Corte Suprema nel caso Propulsion sia importante in linea di principio per lo sport.  Galleria fotografica.

Maria Kron, CEO della compagnia di trotto svedese, ritiene che la decisione della Corte Suprema nel caso Propulsion sia importante in linea di principio per lo sport. Galleria fotografica.

Foto: Anders Wiklund/TT

Cosa ha imparato il trotto svedese da questo?

Essere più consapevoli della storia del cavallo. Per assicurarsi che un cavallo sia idoneo alla competizione e per controllare cosa ha nel bagaglio, l’allenatore è responsabile di seguirlo.

– In genere stiamo cercando di sincronizzare interi regolamenti e sono discussi in molti forum di scrambling a livello internazionale. Tuttavia, al momento siamo a una buona distanza da lì perché le leggi sul benessere degli animali, ad esempio, hanno un aspetto diverso nei diversi paesi, afferma Maria Crone.

Daniel Redin non ha commentato La sentenza di martedì. In precedenza ha detto che le deviazioni intorno alla spinta erano stressanti.

– È stato molto difficile, c’è molta tensione e molti ricordi che emergono. Ora è un bene che sia finita, ha detto a Trav365 dopo che le trattative dominanti si sono concluse a marzo.

Per saperne di più: Il nido è stato piegato – Il premio in denaro della propulsione deve essere restituito