TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I più ricchi d'Italia votano per più autonomia - Veneto e Lombardia vogliono più libertà economica - Esterno - svenska.yle.fi

I più ricchi d’Italia votano per più autonomia – Veneto e Lombardia vogliono più libertà economica – Esterno – svenska.yle.fi

Nelle regioni italiane di Lombardia e Veneto si tengono oggi i referendum sull’ampliamento dell’autonomia. Le regioni appartenevano alle regioni più ricche del Paese e sfidavano l’autorità di Roma soprattutto in materia economica.

I referendum in Veneto e Lombardia non sono vincolanti, ma rappresentano comunque una seria sfida per il governo centrale italiano.

Entrambe le regioni sono governate dal partito populista di destra Lega Nord, che si oppone all’autorità dell’UE e all’immigrazione.

La Lega Nord è affiancata dal partito Forza Italia guidato dall’ex primo ministro Silvio Berlusconi e dal populista Movimento Cinque Stelle.

Negli anni Novanta il partito ha avanzato idee per una Repubblica del Nord Italia pienamente indipendente, ma solo ora i governi regionali stanno cercando una maggiore autonomia su una serie di questioni.

Le questioni economiche sono state le più controverse, ma i leader della regione vogliono anche più spazio decisionale su sicurezza, immigrazione, istruzione e allentamento delle restrizioni sulla protezione ambientale.

Didascalia
Il presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, vota nel comune di Lozza.

Foto: EPA-EFE/Matteo Pazzi

L’idea principale alla base del voto era che le regioni più ricche del Nord Italia non dovrebbero assumersi la responsabilità delle regioni più povere del Sud Italia.

La maggiore autonomia ha preso il sopravvento con l’escalation del conflitto in Spagna legato alla lotta per l’indipendenza della Catalogna.

Molti elettori, gran parte dell’economia

In teoria, i voti, approvati dalla Corte Costituzionale italiana, potrebbero assestare un duro colpo alle manovre finanziarie del governo italiano.

Insieme, le due regioni costituiscono circa un quarto dell’elettorato italiano, ma rappresentano quasi un terzo del prodotto interno lordo del Paese.

READ  Le batterie devono diventare più durevoli, durevoli e funzionare meglio | Notizia

Se le regioni riuscissero ad acquisire un maggiore controllo sulle proprie entrate fiscali, e quindi a trasferirne una quota minore al bilancio statale, ciò significherebbe un duro colpo per l’economia statale italiana.

L’interesse decide

Se i voti daranno un chiaro risultato a favore di una maggiore autonomia, ciò sarà considerato un atto che offra ai leader regionali buone condizioni per negoziare con il governo italiano.

La dimensione della partecipazione rimane un fattore decisivo nel determinare la dimensione della carta vincente che il voto può fornire prima dei negoziati.

Si è già considerato che affinché il risultato abbia un significato deve partecipare almeno il 50% degli elettori.

Tuttavia, il presidente della Lombardia, Roberto Maroni, ritiene che i risultati dovrebbero essere considerati significativi se l’affluenza alle urne fosse così alta come quando gli italiani votarono sulle modifiche costituzionali nel 2001, cioè il 34%.

Ciò potrebbe significare che intende portare avanti il ​​caso purché il risultato supporti una maggiore autonomia, anche se l’affluenza alle urne è bassa.

Fonti: Associated Press, AFP, Reuters
L’articolo è stato corretto il 22.10 alle 18:28. Una versione precedente diceva che il Veneto sarebbe la seconda regione più ricca d’Italia. Secondo gli ultimi dati dell’Istituto statistico italiano e di Eurostat, la regione è al terzo posto in termini di PIL.