TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I numeri insoliti dell'AIK: “È molto sorprendente”

All'inizio della stagione, l'AIK era al vertice della massima serie svedese, ma ora è ottavo in classifica e ha un gap rispetto ai primi tre. Questo dopo aver perso cinque delle ultime sette partite.

La squadra ha subito 24 gol in quelle partite. Contro l'Hacken questo fine settimana sono caduti 4-1.

– È ovviamente difficile. Soprattutto quando abbiamo perso cifre così grandi da perdere fuori casa. Non è mai bello subire troppi gol. “Non è affatto come lo era l'AIK: allegro, segnava tanti gol e poi ne subiva tanti”, dice il centrocampista Anton Salitros.

Ha saltato la partita contro Hacken a causa della squalifica. Ora riassume la situazione prima delle vacanze estive, dicendo:

-I massimi sono alti ma il fondo è molto, molto profondo. Dobbiamo aggiustarlo. Dobbiamo trovare più equilibrio nel modo in cui andiamo avanti. Vogliamo andare avanti. Vogliamo svilupparci. Ma dobbiamo farlo nel modo giusto. Non possiamo perdere 5-0, 6-1 e così via. Allora è difficile fare dei passi.

-Riceviamo molti gol facili. 1-0 e 2-0 contro Hacken… nemmeno un tiro in porta. Ci sono due tiri che arrivano a malapena in porta, la palla tocca terra e resta. Quando ci vuole così poco per segnare, è difficile vincere le partite.

Salitro descrive che generalmente è bello far parte dell'AIK quando le cose vanno bene, ma è anche difficile far parte delle avversità e che lo stato emotivo nella squadra ha oscillato molto quest'anno.

– Dobbiamo trovare l'equilibrio anche dopo le partite. Quando vinciamo, non dovremmo essere troppo felici e quando perdiamo, non dovremmo sentirci troppo tristi.

READ  Risposta dell'arbitro: "Non è il miglior campionato del mondo" | Allsvenskan

L'AIK ha segnato 23 gol nella Superliga svedese quest'anno e ne ha subiti 27. Nelle loro partite sono stati segnati un totale di 50 gol.

-È così incredibile. I gol che abbiamo subito erano molto semplici. Allora sarà facile che fluisca. E' qualcosa su cui dobbiamo davvero lavorare. Allo stesso tempo, vogliamo continuare ad essere più lungimiranti e aggressivi. È importante trovare un equilibrio lì.

Salitros ritiene che l'AIK possa essere una squadra orientata al futuro e una squadra di chiusura.

-Ho fede e ambizione che possiamo esserlo. Perché è così che va il calcio oggi. sviluppare. Ci credo e quando verrà realizzato faremo buone prestazioni. Soprattutto a casa, tranne che per il grassoccio Sirius.

– Sdraiarsi e cercare di ammazzare il tempo e i giochi… sembra un passo nella direzione sbagliata.

In tali situazioni, gli allenatori e la dirigenza vengono sempre messi in discussione. Adesso tra i tifosi frustrati si parla di Henning Berg e di un cambio di allenatore. Cosa ne pensi?
– È normale che le cose non vadano bene per la squadra. Poi è l’allenatore a ricevere le critiche. È principalmente responsabile del suo aspetto in campo. Tuttavia, puoi avere qualsiasi tattica e qualsiasi formazione… Se non corri, vinci i tuoi duelli e fai bene le cose fondamentali, non importa.

– Anche i giocatori hanno una grande responsabilità. “Daremo tutto all'allenatore lì, che ora è Henning”, ha concluso Salitros.

Salitros è attualmente impegnato in una partita con la nazionale maschile svedese a Malmö, prima della partita internazionale di mercoledì contro la Danimarca.