TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I laghi e i fiumi europei si stanno riducendo a causa della siccità

La siccità estiva, le ripetute ondate di caldo e la mancanza di pioggia negli ultimi due mesi hanno colpito corsi d’acqua e laghi nell’Europa occidentale, centrale e meridionale.

Gli scienziati avvertono che la siccità potrebbe essere la peggiore del continente in 500 anni, riferisce The Guardian.

Il calo del livello dell’acqua ha reso impossibile il traffico delle chiatte lungo ampi tratti del fiume Reno in Germania, un collegamento chiave per la navigazione in tutta Europa.

– Questo non è uno scherzo. Abbiamo una profondità d’acqua di 1,5 metri e la nostra barca si trova a 1,20 metri sotto la superficie, quindi abbiamo 30 centimetri d’acqua sotto di noi, afferma il capitano Andre Kimpel, la cui barca può ancora trasportare veicoli e conducenti attraverso il Reno nella città di Kap. BBC.

L’interruzione del traffico sulle chiatte può costare milioni di rupie

A monte, nel comune di Bingen, il dislivello è ancora più evidente e le persone possono camminare sui sassi a vista in alcuni punti del letto del fiume.

La siccità prolungata può avere conseguenze drammatiche. Gli economisti stimano che un’interruzione di sei mesi al traffico dei traghetti sul Reno nel 2018 sia costata 5 miliardi di euro, riferisce The Guardian.

Parti del fiume più lungo della Francia, la Loira, possono ora essere attraversate a piedi. Sebbene i fiumi francesi non siano così importanti per la navigazione, sono essenziali per il raffreddamento dei reattori delle centrali nucleari francesi, che rappresentano il 70% della fornitura di elettricità del paese, secondo The Guardian.

I caldi fiumi Loira, Rodano e Garonna ora superano i limiti di temperatura legali della Francia utilizzati per raffreddarli, consentendo alla Commissione francese per l’energia atomica di esentare temporaneamente cinque centrali nucleari dalle regole.

READ  Nuove regole facili per ristoranti e pub

Il livello dell’acqua nel fiume Po è sceso di due metri

Al Lago di Garda, il lago più grande d’Italia e importante meta turistica nei mesi estivi, la stagione secca ha cambiato la geografia.

Il lago ha raggiunto le temperature dei Caraibi e il livello dell’acqua è sceso per favorire un litorale in espansione di scogliere asciutte, ha riferito l’agenzia di stampa. AP.

Le immagini mostrano come la superficie della penisola di Sirmione sia notevolmente cresciuta.

– Siamo venuti qui l’anno scorso, ci è piaciuto e siamo tornati quest’anno. Abbiamo visto che il paesaggio era molto cambiato. “Siamo rimasti un po’ scioccati quando siamo arrivati ​​perché stavamo facendo la nostra solita passeggiata e non c’era acqua”, ha detto all’AP la turista Beatrice Masi.

Il fiume più lungo d’Italia, il Po, così come il Lago di Garda nel nord del paese, sono scesi di due metri in estate, colpendo gravemente l’agricoltura del paese quando i raccolti si riducono a causa del caldo.

La Pianura Padana rappresenta dal 30 al 40 per cento della produzione agricola italiana. La regione non ha ricevuto piogge continue da novembre dello scorso anno, il che ha gravemente colpito la produzione di mais e riso, ha riferito The Guardian.

– Non ci sono altri eventi come la siccità del 2018 negli ultimi 500 anni. Ma quest’anno, credo, sarà peggio, dice al quotidiano Andrea Doretti del Centro comune di ricerca della Commissione europea.

Allarme antincendio in Svezia

Il pericolo di incendio è molto alto in alcune parti del paese.
leggi di più: Incendi boschivi in ​​Francia: evacuate 14.000 persone
leggi di più: Premium Allarme siccità: “Potrebbe essere peggio che mai”
leggi di più: L’allarme di SMHI prima della nuova ondata di caldo
READ  Classifica Arizona: i 10 migliori ristoranti italiani per il 2021