TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I giudici italiani negano la priorità alle vaccinazioni, minacciano di rallentare – POLITICO

ROMA – Giudici e avvocati italiani hanno sconvolto i legislatori di tutto lo spettro politico dopo che gli era stato detto di aspettare in coda per le vaccinazioni contro il virus corona.

Secondo le linee guida stilate a dicembre, è chiaro che alcuni gruppi più esposti nel mercato del lavoro italiano, inclusi insegnanti e operatori sanitari, saranno prima vaccinati con i membri più anziani e più deboli della società.

Ma quelle linee guida non chiariscono se avvocati e giudici siano lavoratori essenziali a cui dovrebbe essere data la priorità per le vaccinazioni. Quelle imprese sono ora accusate di chiedere il permesso di saltare la fila per le autorità regionali che gestiscono il sistema sanitario italiano – che in alcuni casi è consentito.

Ora il governo ha emanato nuove regole vincolanti che chiariscono che avvocati e magistrati dovranno attendere in fila per le vaccinazioni. Critica Aree per consentire alla linea di saltare.

In parlamento la scorsa settimana, il primo ministro Mario Draghi ha detto che le regioni “ignorano i loro anziani a favore di gruppi che danno la priorità al loro potere contrattuale”.

National Association of Judges and Advocates, National Bar Association, a rapporto Domenica chiede ai funzionari del tribunale di rallentare i procedimenti giudiziari e sospendere le udienze urgenti, minacciando di privare l’Italia del ritmo tanto necessario del suo sistema giudiziario già lento.

L’associazione ha detto che la decisione è stata “convincente per un prevedibile e alto numero di infezioni e vittime tra gli operatori della giustizia, e che non ci sono interventi normativi indescrivibili durante il crescente periodo di infezioni”. Le nuove linee guida “sottovalutano completamente il lavoro essenziale e urgente della giustizia. Lavoratori”.

READ  Rinnovo obbligazioni 1-Italia sono sotto pressione dopo la dichiarazione di stimolo

A seguito del rapporto, il corpo dei giudici è stato preso di mira.

Matteo Salvini, leader della Lega di destra; Disse I giudici hanno detto: “Tutti devono stare in fila. Se ci sono vecchi giudici o persone con condizioni preesistenti, dovrebbero avere gli stessi diritti degli altri, altrimenti per me sono proprio come commessi di negozio o altri lavoratori “.

Enrico Rossi, leader democratico in Umbria, ha criticato che “l’egoismo … è contrario ai principi costituzionali di uguaglianza e unità … l’unico criterio scientifico importante è vaccinare prima gli anziani ei più deboli, per salvare vite umane”.

Il presidente dell’Associazione Giudici, Giuseppe Santalucia, ha detto lunedì che la richiesta non era per un vaccino, ma per un “. Valutazione del rischio Vedi se le prove di prova affollate possono essere un problema. ”

Il sottosegretario alla Giustizia Francesco Pavlo Sisto ha detto che le preoccupazioni erano giustificate e “giustificate nel chiedere un’approfondita analisi dei rischi … per giudici, avvocati, cancellieri e cittadini che si avvalgono della magistratura”.