TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I biomarcatori del sangue possono mostrare i primi cambiamenti nella malattia di Alzheimer.

La malattia di Alzheimer ha un decorso insidioso e i cambiamenti biologici nel cervello possono iniziare già 20-25 anni prima della perdita di memoria e di altri sintomi esterni. Prima un paziente riceve una diagnosi corretta, prima può iniziare il trattamento corretto.

Ora i ricercatori del Karolinska Institutet, in collaborazione con colleghi internazionali, stanno studiando i biomarcatori del sangue per i cambiamenti molto precoci in un’insolita forma genetica del morbo di Alzheimer, che costituisce meno dell’uno per cento di tutti i casi. Le persone che hanno un genitore con questa forma, causata da una mutazione, hanno una probabilità del 50% di essere colpite.

Analizza i cambiamenti nelle proteine

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato 164 campioni di plasma sanguigno di 33 portatori della mutazione e 42 parenti senza la predisposizione alla malattia. I dati sono stati raccolti tra il 1994 e il 2018.

I risultati mostrano chiari cambiamenti nei portatori della mutazione in termini di presenza di diverse proteine ​​nel sangue. Il primo cambiamento notato è stato un aumento della proteina GFAP, proteina acida fibrillare glialeCirca dieci anni prima che compaiano i primi sintomi della malattia.

Il cambiamento è stato seguito da un aumento dei valori di P-tau181 e successivamente della NFL, Neurofilamenti proteici leggeriche i ricercatori già sanno ha una connessione diretta con l’entità del danno neuronale nella malattia di Alzheimer.

I biomarcatori possono migliorare la diagnosi e il trattamento

Questa scoperta può migliorare la possibilità di una diagnosi precoce.

“I nostri risultati indicano che GFAP, un presunto biomarcatore dell’attivazione delle cellule di supporto immunitario del cervello, inverte i cambiamenti cerebrali nell’Alzheimer che si verificano prima che si verifichino accumuli di proteine ​​tau e danni misurabili ai neuroni”, afferma Charlotte Johansson, dottoranda presso il Karolinska Institutet e continua:

READ  Bassi livelli di coronavirus nelle acque reflue nelle principali città

In futuro, potrebbe essere utilizzato come biomarcatore non invasivo per l’attivazione precoce delle cellule immunitarie nel sistema nervoso centrale. Potrebbe essere utile per sviluppare nuovi farmaci e diagnosticare malattie cognitive.

Lo studio è stato condotto in collaborazione con il Landspitälje University Hospital, Islanda, l’Università di Göteborg e l’University College London, Gran Bretagna.

Fatti sulla malattia di Alzheimer

La malattia di Alzheimer causa il 60-70% di tutti i tipi di demenza, secondo la Brain Foundation. In questa malattia, le cellule nervose nel cervello muoiono a causa di depositi anomali di proteine ​​beta-amiloide e tau. Man mano che sempre più neuroni nel cervello vengono distrutti, la memoria ne risente, così come la parola e le capacità motorie.

È importante che il paziente riceva tempestivamente la diagnosi corretta in modo da poter iniziare un trattamento rapido che rallenti il ​​decorso della malattia. È uno dei tanti motivi per cui sono necessarie ulteriori ricerche su metodi diagnostici precoci accurati e facili da usare.

Studio scientifico:

Caratteristiche della biosintesi plasmatica nella malattia di Alzheimer autosomica dominante E cervello.