TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

I batteri resistenti complicano il trattamento antibiotico.

La lotta contro le malattie batteriche è una continua corsa agli armamenti tra nuove cure mediche e batteri patogeni che cambiano continuamente per sopravvivere anche quando entrano in contatto con gli antibiotici.

Quando si inizia il trattamento antibatterico, l’alta concentrazione di antibiotici fa sì che la maggior parte dei batteri muoia o smetta di crescere quasi immediatamente e spesso ci sentiamo meglio entro pochi giorni dall’inizio del trattamento. Ma ora un gruppo di ricercatori di Uppsala può dimostrare che una piccola frazione di batteri continua a crescere, a volte fino a dieci generazioni.

Questi batteri non sono resistenti. La loro capacità di continuare a dividersi, nonostante siano esposti a una concentrazione relativamente elevata di antibiotici, è il risultato della variazione naturale del ceppo batterico.

aumenta il rischio di resistenza

Ma ogni divisione cellulare dà ai batteri la possibilità di cambiare geneticamente in un modo che alla fine li rende resistenti. Tuttavia, accade raramente e se continui a seguire il regime antibiotico fino all’ultima pillola, hai buone possibilità di sbarazzarti definitivamente dell’infezione.

– Questo è un nuovo concetto che chiamiamo persistenza batterica o persistenza. La perseveranza descrive come un piccolo gruppo di batteri con condizioni casuali per continuare a crescere può accumulare molte mutazioni. Se sono fortunati e il paziente è sfortunato, una di queste mutazioni li rende in grado di tollerare l’antibiotico, afferma Gerrit Brandis, ricercatore dell’Università di Uppsala.

I singoli batteri vengono studiati in laboratorio

Spesso quando si studiano i batteri, si osserva come i batteri interagiscono come comunità, cioè si osserva un numero molto elevato di batteri contemporaneamente.

Poiché ci sono così pochi batteri resistenti, sono passati un po’ sotto il radar.

READ  Lo studio mostra gli effetti devastanti a lungo termine di COVID-19

In un laboratorio dell’Università di Uppsala, i ricercatori si sono specializzati nello studio dei singoli batteri e del modo in cui interagiscono con vari stimoli, come gli antibiotici. Utilizzando camere di coltura microfluidica e algoritmi basati sull’intelligenza artificiale per l’analisi delle immagini, possono seguire la crescita individuale di decine di migliaia di batteri contemporaneamente.

– È uno strumento molto potente. Mostra l’importanza di non raggruppare tutti insieme, anche quando si tratta di batteri, afferma Johan Elf, professore presso il Dipartimento di biologia cellulare e molecolare dell’Università di Uppsala.

Studio scientifico:

La persistenza degli antibiotici aumenta il rischio di sviluppare resistenzaBanas.

tappo:

Johan Elf, Professore, Dipartimento di Biologia Cellulare e Molecolare, Università di Uppsala, [email protected]