TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli esami del sangue rivelano donne in gravidanza a rischio di preeclampsia

La preeclampsia, o preeclampsia, colpisce circa il tre percento di tutte le donne incinte in Svezia. La condizione può diventare grave ed è uno dei motivi più comuni per cui una donna incinta si ammala gravemente o muore, anche in Svezia.

Può essere una condizione pericolosa per la vita. Queste donne vengono spesso scoperte nell’assistenza alla maternità. Il rischio di complicanze in Svezia è piccolo, ma ci sono ancora alcuni decessi ogni anno, afferma Lena Bergmann, ostetrica e assistente professore presso l’Ospedale/Accademia dell’Università di Sahlgrenska.

La malattia, che può manifestarsi precocemente e tardivamente, o anche dopo la gravidanza, significa che la donna incinta ha la pressione alta, oltre a colpire uno o più organi.

Oltre alla pressione alta Le proteine ​​nelle urine di solito fanno la diagnosi, senza che la donna mostri altri sintomi. Nei casi più gravi, puoi anche vedere effetti sul fegato, liquido nei polmoni e/o crampi, dice Lena Bergman.

È fondamentale per la prognosi che queste donne vengano individuate il prima possibile. Il metodo più comune in Svezia è chiedere alle donne informazioni sui possibili fattori di rischio e far misurare regolarmente la loro pressione sanguigna nell’assistenza sanitaria materna.

Ci sono una serie di fattori di rischio come un alto indice di massa corporea (BMI), l’invecchiamento e se sei una madre per la prima volta, afferma Lena Bergman.

Secondo l’ostetrica Lena Bergman, stanno per essere introdotti nelle cure molti nuovi metodi per rilevare la preeclampsia, o preeclampsia, nelle donne in gravidanza.

Foto: Magnus Stalberg

Ora un gruppo di ricercatori di Molti Paesi hanno messo a punto un metodo attraverso il quale, con l’aiuto di un semplice esame del sangue della gestante, si possono identificare le persone a rischio, circa tre mesi prima della comparsa dei sintomi.

I ricercatori hanno iniziato con l’RNA privo di cellule che circola nel sangue proveniente dalla donna, dal feto e/o dalla placenta. L’RNA è la molecola prodotta dai geni che le cellule usano poi come una sorta di stampo per produrre le proteine. In questo modo, le molecole di RNA nel sangue dicono qualcosa su quali geni sono attivi in ​​un determinato momento.

Nell’attuale studio, pubblicato su Nature, i ricercatori hanno analizzato campioni di sangue di 1.840 donne in gravidanza. Usando questi campioni, i ricercatori sono stati in grado di vedere quali geni erano attivi in ​​coloro che in seguito hanno sviluppato la pre-eclampsia, rispetto a quelli che non lo erano.

I ricercatori hanno trovato sette diverse espressioni geniche. Queste sette espressioni sono state quindi utilizzate in un modello per prevedere quali donne sarebbero a rischio di essere colpite, afferma Lena Bergman, che non è stata coinvolta nello studio attuale.

In questo modo, i ricercatori sono riusciti Lo sviluppo di un metodo, secondo i ricercatori, ha sette volte più probabilità di trovare donne a rischio di preeclampsia, rispetto ai metodi utilizzati oggi.

Inoltre, i ricercatori ritengono che lo stesso metodo possa essere utilizzato per trovare donne a rischio di parto pretermine (parto pretermine).

Sia il parto pretermine che la preeclampsia hanno malattie di base comuni. Lena Bergman afferma che le donne a rischio di pre-eclampsia sono anche a rischio di parto pretermine e viceversa.

Altri metodi per trovare donne a rischio di preeclampsia stanno per essere introdotti nel settore sanitario, dove, ad esempio, vengono analizzati vari biomarcatori e il flusso sanguigno verso l’utero. Secondo Lena Bergman, l’accuratezza di questi metodi è paragonabile al metodo RNA dei ricercatori, sebbene quest’ultimo sembri essere meno sensibile alle caratteristiche delle donne in generale, come età, razza e indice di massa corporea.

“Trovare nuovi modi per prevedere chi è a rischio di preeclampsia è un enorme passo avanti nella cura delle donne incinte e dei loro bambini”, afferma.

READ  Il distretto di Örebro ha avviato lo screening del cancro del retto