Come riportato in precedenza da Läkartidningen, nella primavera del 2020 sono stati raccolti campioni da oltre 2.000 dipendenti del Danderyd Hospital. Nell’ambito dello studio della comunità, i ricercatori hanno seguito le risposte immunitarie dei partecipanti ogni quattro mesi.

All’inizio di quest’anno è stato condotto un controllo di quattro settimane per 375 dipendenti che hanno ricevuto tre dosi del vaccino. I partecipanti sono stati campionati due volte a settimana e più di uno su cinque è risultato positivo alla PCR durante il periodo. Tra quelli infetti, sono stati analizzati campioni di sangue per la proteina dell’unghia per la variante omcron e la variante originale di SARS-CoV-2.

I livelli di anticorpi sono raddoppiati da due a tre settimane dopo l’infezione con il micron. Questo vale sia per l’anticorpo omcron che per la variante originale. Ma questa complicazione è stata osservata solo in persone che in precedenza non avevano avuto COVID-19.

Curiosamente, Charlotte Thalin, vicedirettore medico e ricercatrice responsabile dello studio comunitario, ha scoperto che la risposta anticorpale post-micron era maggiore nei partecipanti che non avevano avuto un’altra infezione da sars-cov-2 prima dell’infezione da omicron e quindi incontravano per la prima volta il virus. volta.

– Ci aspettavamo il contrario – che coloro che erano stati infettati in precedenza avrebbero avuto risposte anticorpali più elevate rispetto a coloro che non erano stati infettati, dice a Läkartidningen.

Dice anche che i ricercatori non conoscono il motivo di questo effetto. Nota che hanno analizzato solo i livelli di anticorpi nel sangue: possono apparire diversi, ad esempio, nella mucosa delle vie aeree.

Abbiamo anche raccolto campioni dalle vie aeree: naso, gola e saliva. Ora li analizziamo per vedere se sono diversi con gli anticorpi nella mucosa.

READ  Le donne si sentono peggio degli uomini dopo un infarto

I risultati sono presentati in Malattie infettive delle lancette.

Leggi anche:

Un operatore sanitario su cinque è stato infettato subito dopo la terza dose di vaccino

Grave diminuzione degli anticorpi sette mesi dopo la doppia dose di vaccino

Studio: Anticorpi lasciati un anno dopo l’infezione da COVID-19