TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Gli algoritmi di Intel creano una grafica “realistica” in GTA V.

Un nuovo progetto di machine learning di Intel Labs R&D mostra come potrebbe essere il futuro per la grafica di videogiochi e giochi per computer. Attraverso una varietà di algoritmi, la società è riuscita a rendere il gioco per computer GTA V più realistico.

È il gioco gangster a volte blasfemo “Grand Theft Auto V” preso da Intel e condotto attraverso una rete di apprendimento automatico. Oltre alle informazioni ingegneristiche dal gioco stesso, gli algoritmi sono stati alimentati anche con i dati di Cityscapes, un database di foto di strada in Germania, l’equivalente Mapillary Vistas e il progetto di ricerca Kitti.

Tutto è stato analizzato dagli algoritmi di Intel per produrre informazioni sulla geometria, sui materiali presenti nelle immagini e sull’aspetto della luce. Le informazioni vengono utilizzate per creare nuove immagini, basate sulla tecnologia Hrnetv2 (l’alternativa più avanzata a Hrnet, High Resolution Network). L’immagine viene elaborata con diverse risoluzioni e in varie versioni viene valutata da due differenti algoritmi.

Leggi di più: I tre amici e la storia del videogioco Stugan

Gli algoritmi organizzano immagini diverse

Il primo valuta la differenza tra l’immagine con cui è iniziata la griglia e il risultato finale e identifica le immagini meno diverse. L’altro valuta il realismo delle immagini. Sulla base delle immagini scelte dagli algoritmi come le migliori, i ricercatori Intel hanno messo insieme una nuova mappatura del gioco per computer.

Il risultato è sorprendente: la grafica del gioco diventa più realistica e la stessa Intel la definisce fotorealistica. La sensazione leggermente animata di molte grafiche di giochi per computer è sostituita da quella che sembra un film di qualsiasi strada. La differenza è chiaramente visibile nell’animazione, come nel video qui sotto:

READ  Battlefield 2042 sta trapelando sul web

Chiunque desideri una spiegazione più approfondita di come funziona la tecnologia può leggere l’articolo dei ricercatori “Migliora il miglioramento fotorealistico” qui.