TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Focus difensivo - In attacco, il focus è sul super leone

Focus difensivo – In attacco, il focus è sul super leone

Un’occasione persa da un gol nella posizione sbagliata nei quarti di finale contro la Repubblica Ceca potrebbe far sì che l’intera Coppa del Mondo di hockey su ghiaccio diventi un disastro o un fallimento per i Lions. Ma chi si farà avanti e agirà da campione offensivo in una squadra che non ha marcatori naturali?

Si dice che l’ottava partita della Coppa del Mondo di hockey su ghiaccio sia la più importante. Il quarto di finale è una partita singolare che determina un’intera squadra. Può essere ingiusto che il clan delle partite sia così importante, ma il fatto è che un posto in semifinale e partite per le medaglie significa che la Coppa del Mondo è stata un torneo di successo per i Lions, mentre la sconfitta nei quarti di finale è spesso vista come un torneo di fallimenti, disastri e insidie ​​non il suo fondoschiena.

Jukka Jalonen ha sollevato questo fatto durante i Mondiali di Riga sapendo che il lavoro che ha svolto con la nazionale in tutta questa stagione e soprattutto nelle ultime settimane sarà ora giudicato in base alla partita contro la Repubblica Ceca.

Se c’è una sconfitta nei quarti di finale giovedì, non aiuterà Jalonen a spiegare come la Finlandia abbia vinto occasioni da rete nella quinta partita contro cinque, come la striscia positiva dell’arbitro non abbia approfittato dei leoni nel torneo o quanto poco i margini sono a quel livello.

Ciò che aiuta un po’ Jalonin a evitare il timbro del fallimento in caso di sconfitta contro la Repubblica Ceca è il fatto che ha portato i Lions a vincere due ori ai Mondiali.

Ma resta il fatto: ai quarti di finale basterà solo la vittoria.

Yalonin, insieme alla sua squadra, ha dato buone condizioni per raggiungere le ultime partite del weekend della Coppa del Mondo.

Quando Yalonin portò la squadra alla Coppa del Mondo di hockey su ghiaccio, era un realista e non dipinse immagini fantasiose della squadra. Ha fatto una dichiarazione forte su chi avrebbe segnato il gol dei Lions in Coppa del Mondo. C’è stata, se non motivo di preoccupazione, incertezza in vista del torneo poiché la squadra non ha marcatori naturali, giocatori che vanno in vantaggio e mettono il disco in porta quando più necessario e coloro che possono resistere all’attacco della squadra nei momenti difficili.

READ  Linkfire nel primo nord, sono Johnny

Il superbo gol nel WC di Marco Antilla due anni fa ha formato tutta la gloria, ma “Mörkö” non è il vincitore naturale della partita sotto forma di tiro. Che abbia segnato i gol cruciali e importanti a Bratislava non significa che lo faccia a Riga. Naturalmente, anche Yalonin lo sa bene.

Il Lion Pilot ha costruito la sua squadra pensando al successo. Non è entrato nella Coppa del Mondo con l’obiettivo di giocare l’hockey su ghiaccio più divertente e non è entrato nella Coppa del Mondo per la Finlandia per scommettere offensivo e vincere partite ricche. No, la testa di Jalonen era quella di giocare a hockey con più vittorie possibili.

Nel caso di questa squadra, si tratta di difendere in modo compatto, senza rischi e con precisione. Ciò significa che né i Lions né gli avversari hanno molte occasioni da gol e che la maggior parte delle partite sono state per lo più scarse reti e persino partite decise da un solo gol.

Quattro delle partite del Gruppo 7 dei Lions si sono concluse con vittorie individuali e una con sconfitte individuali. Solo le due partite contro le due peggiori squadre del girone si sono concluse con una differenza maggiore (Norvegia 5-2 e Italia 3-0).

I Lions hanno giocato in modo disciplinato e fiduciosi nello stile di gioco, nella tattica e nel piano che Jalonen aveva messo in atto. La tattica aritmetica di Yalonin si è rivelata adatta alla squadra. Se non fosse stato per il problema al tiro, soprattutto nella partita contro il Kazakistan, la Finlandia sarebbe tornata con una vittoria del girone.

Chiaramente 10 gol subiti in sette partite mostrano che la Finlandia ha un gioco difensivo efficace e un portiere forte. Né i tifosi dello Yalonin né i Lions devono preoccuparsi della difesa in vista della partita dei quarti di finale di giovedì contro la Repubblica Ceca.

READ  Il Liverpool ha battuto il Manchester United nella partita rinviata all'Old Trafford

Con i primi cinque che difendono collettivamente sia il centrocampo che la difesa, indirizzando gli attacchi degli avversari verso le fasce e dando tranquillità a Juhu Olkenura tra i difensori, la Finlandia difficilmente subirebbe più di due gol anche se la Repubblica Ceca avesse uno degli attacchi più forti del torneo .

La domanda è se la Finlandia può gestire più di un gol nelle prossime partite. I Lions hanno vinto solo una partita nei tempi regolamentari poiché gli avversari hanno segnato più di un gol nella fase a gironi. La partita era contro la Norvegia.

Il risultato ha un motivo per tornare alla domanda che si era posto prima della Coppa del Mondo: chi segna i gol?

Il focus è su Anton Lundell e Arttu Ruotsalainen.

Il 19enne Londell è cresciuto in modo esponenziale durante la Coppa del Mondo. Il super talento dell’IFK ha perso gran parte della stagione primaverile a causa del virus Corona e non ha mai raggiunto i suoi migliori livelli nei playoff di campionato, ma Yalonin è fiducioso che Londell sarà in buona forma prima o al più tardi nella Coppa del Mondo .

Ha ringraziato Lundell per la fiducia e ha raggiunto il suo primo gol con la sua nazionale nell’Euro Hockey Tour in Repubblica Ceca e nella Coppa del Mondo, si è specializzato nel segnare gol importanti e meravigliosi. È il capocannoniere della squadra e capocannoniere del Ruotsalainen. Entrambi hanno segnato quattro volte.

È naturale che siano la coppia più pericolosa per Leo per andare avanti ma allo stesso tempo c’è un certo elemento di ansia. Nelle ultime tre partite della fase a gironi, i Lions hanno segnato sette gol: Londell e Rutsalainen ne hanno conquistati cinque.

Cosa succederà se la Repubblica Ceca riuscirà a fermare il superduo finlandese?

READ  Dopo la gigantesca rissa - Zlatan rischia la sospensione a lungo

Ci sono altri che si fanno avanti, si assumono la responsabilità e decidono?

Eero Bakarinen ha segnato tre gol in Coppa del Mondo e Toni Sund ne ha segnati due. A parte questo, solo Sako Minalanen, Jerry Enala, Ohtama, Hans Björnenen e Kim Nussiainen hanno segnato ogni volta nel bagno.

Poiché la Finlandia manca di raggio d’azione e vantaggio, difesa e squadra sono sempre più importanti. Ma non importa quanto successo abbia il gioco difensivo e dei portieri, la Finlandia deve anche segnare gol per avere successo nella Coppa del Mondo.

L’intera Coppa del Mondo alla fine potrebbe dipendere da un’occasione da gol e da come il giocatore Leo ci riesce.

Non è un punto di partenza ideale per una squadra in cui il marcatore è uno dei punti deboli.

Ma potrebbe essere ciò che determina se la Coppa del Mondo finisce o meno in un disastro, un fallimento o un pozzo senza fine.

Filippo Sachsen
direttore sportivo

Conclusioni a gruppi:

Girone A:

Russia 7 5 1 0 1 28-1017

Svizzera 7 5 0 0 2 27-1715

Repubblica Ceca 7 3 2 0 2 27-1813

Slovacchia 7 4 0 0 3 17-2212

Svezia 7 3 0 1 3 21-14 10

Danimarca 7 2 1 1 3 13-15 9

Regno Unito 7 1 0 1 5 13-31 4

Bielorussia 7 1 0 1 5 10-294

Girone B:

USA 7 6 0 0 1 21-8 18

Finlandia 7 4 2 1 0 19-1017

Germania 7 4 0 0 3 22-1412

Canada 7 3 0 1 3 19-18 10

Kazakistan 7 2 2 0 3 22-18 10

Lettonia 7 2 0 3 2 15-16 9

Norvegia 7 2 1 0 4 17-21 8

Italia 7 0 0 0 7 11 -41 0

Quarti di finale:

3 giugno alle 16:15:

Svizzera – Germania

USA – Slovacchia

3 giugno ore 20.15:

Finlandia – Repubblica Ceca

Russia – Canada

Le semifinali il 5 giugno (14.15 e 18.15), la finale (20.15) e il bronzo (15.15) il 6 giugno.

Punti finlandesi:

Anton Lundell 7 giocatore, 4 goal + 2 assist = 6 punti, Arttu Ruotsalainen 7, 4 + 1 = 5, Tony Sund 7, 2 + 2 = 4, Sako Minalanen 7, 1 + 3 = 4, Jerry Inala 7, 1 + 3 = 4, Iiro Pakarinen 7, 3 + 0 = 3, Atte Ohtamaa 7, 1 + 1 = 2, Petri Kontiola 7, 0 + 2 = 2, Marko Anttila 7, 0 + 2 = 2, Niko Ojamäki 5, 0 + 2 = 2.