TecnoSuper.net

Informazioni sull'Italia. Seleziona gli argomenti di cui vuoi saperne di più

Fanghi contaminati sparsi nei campi della mafia italiana

L’azienda afferma di vendere fanghi innocui e approvati, ma in realtà contengono alti livelli di arsenico, metalli pesanti e fluoro.

I fanghi si estendono su almeno tremila ettari nel nord Italia.

I contadini italiani, che ora avevano acquistato i prodotti dall’azienda, pensavano che i fanghi che usavano nei campi fossero omologati. Ma invece l’azienda vendeva rifiuti pericolosi contenenti grandi quantità di tossine come rifiuti. Tutto questo è stato scoperto quando un contadino è tornato alla polizia per sospetto.

Prima che i pubblici ministeri chiudessero l’azienda, 5.000 camion avevano utilizzato 150.000 tonnellate di rifiuti pericolosi su almeno 3.000 ettari di terreno in tutto il nord Italia. Le tossine trovate nel suolo includono arsenico, residui di idrocarburi, molti metalli pesanti e fluoruri cento volte di più di quanto consentito.

La società ha legami con la mafia e i pubblici ministeri stimano che la società abbia guadagnato fino a 120 milioni di corone svedesi solo su questi accordi. Gli agricoltori sono stati indotti ad acquistare fanghi a basso costo pagando l’azienda per spargere e arare i campi. Un geologo molto scettico ha visitato e sperava che i contadini vedessero quanto fosse buono il fango per i loro campi. Attraverso le interruzioni telefoniche della polizia per conto del pubblico ministero, il geologo ha rivelato di essere d’accordo con altri preoccupati su “come a volte pensa ai bambini che mangiano il mais che cresce in quei campi”.

Quindici persone, tra cui una dell’Autorità per l’Ambiente, sono state accusate di riciclaggio di denaro da altri funzionari per non aver controllato i siti produttivi dell’azienda. Secondo l’avvocato, questa è la prova che le tende della mafia nel nord Italia sono arrivate fino in fondo.

READ  Le città italiane vendono case per $ 1

Uno scandalo simile è stato scoperto qualche anno fa in Toscana, in stretta collaborazione con la mafia, per convincere gli agricoltori a utilizzare i fanghi degli impianti di depurazione delle acque dell’industria conciaria popolare. Fu poi scoperto perché l’elevata quantità di cromo rendeva il mais blu.